Vai al contenuto
Massimo Rossi

Una shinshinto di Chikanori

Messaggi consigliati

... comunque io non volevo polemizzare proprio con nessuno.

Semplicemente pensavo che se ci fosse uno sviluppo storico del nugui questi dati potrebbero collocarsi all'interno del campo di studio esattamente come nel caso dell'evoluzione delle tecniche di togi. ... tutto qui.

Nessun antagonismo premeditato ... mi si creda. :smile:


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi permetto di esprimere una considerazione in merito alla discussione.


Premetto che partecipo a questi topic così tecnici letteralmente col 'blocco appunti in mano' nell'intento di imparare sempre qualcosa di nuovo (magari cose non così facilmente fruibili sul web).


Mi pare francamente che quasi ogni topic introdotto da Massimo Rossi induca un vago clima da 'psicodramma' che, generalmente, finisce col andare oltre i reali intenti del topic. Che il 'concorso' fosse un pretesto giocoso lo si capisce dalle premesse stesse; o forse il premio messo in palio è stato preso un pò troppo sul serio. Certo, anche a me piacerebbe vincere una lama di Chikanori !


Per arrivare solo alla Tsushima si è già creata un' atmosfera 'particolare', non so immaginare dove si possa andare a finire per poter semplicemente sapere qualcosa di più sui nugui. :popcorn:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sarà come dici ma io la discussione la vedevo serenissima e anche scherzosa...

Se invece il discorso è che si debba tacere tutti come degli scolaretti per non creare incomprensibili disappunti ...

Comunque queste cose le ho viste in abbondanza, ho le mie idee in proposito e cerco di comportarmi con educazione dicendo quel che penso.

Non fartene un cruccio G.Luca , il forum è una continua fonte di conoscenza, della nihonto e dell'umanità assortita che la circonda. :smile:


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusate se ho un pò sforbiciato la discussione, anche se alcuni interventi non erano direttamente polemici.

Nella semplice ottica di continuare questa interessante discussione con serenità, come dice Andrea, ho rimosso alcuni post.

 

Il nugui è un argomento molto interessante, a me piacerebbe capire meglio la semplice tecnica di stesura, si passa il liquido semplicemente sulla lama oppure è necessario un tipo di applicazione particolare, strofinare in un certo modo etc?

E poi... il liquido va rimosso in qualche modo o rimane sulla lama?



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti


I metalli più o meno tutti i metalli, in special modo quelli lavorati a mano compresi i damascati possono essere “pattinati”, gli ossidi e alcune sostanze acide, creano delle situazioni che se contenute e evidenziate possono portare a dei risultati veramente notevoli anche solo a livello visivo.

Se qualcuno guarda solo quanti e quali tipi di brunitura(intendendo per questa, quella facoltà di annerire un metallo) esistono ne rimarrà sbalordito, dalle blu alle nere alle rosso mattone, penso che questo sicuramente valga anche per i metodi usati per migliorare le peculiarità di una lama almeno a livello di bellezza.

 

Vedi: http://www.thegunners.it/index.php?option=com_content&view=article&id=208:lo-zen-e-larte-della-brunitura-acida&catid=41:manutenzione&Itemid=301



Modificato: da mauri

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Di Tsushima per il Sashikomi si è sempre parlato, io neppure avrei mai immaginato si intendesse quella come "ingrendiente segreto" :gocciolone:. le cose davanti al naso son sempre quelle che notiamo di meno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante