Vai al contenuto
daniele83

La mia prima Tsuba

Messaggi consigliati

Puoi risponderti da solo cercando immagini su Google. Confrontando una fusione con una lavorazione artigianale noterai moltissime differente, come ad esempio la profondita' e la nitidita' dei profili delle incisioni, come prima cosa mi e' venuta agli occhi la Mei (firma), si vede a malapena sembra effettivamente fatta con uno stampo, una Mei invece viene normalmente ottenuta incidendo e cesellando il metallo, esattamente come avverrebbe per tutti gli altri particolari.


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nella terza foto si intravedono anche le "bave" causate dalla fusione all'interno di una matrice. Se guardi attentamente la Tsuba in tuo possesso probabilmente noterai questo tipo di bave lungo tutto il profilo: la fusione avviene all'interno di due matrici dove sono riprodotti i due lati dell'oggetto da ottenere. Lungo il profilo che unisce queste due matrici si trova sempre una bava che raramente viene rimossa dopo la fusione.


武士に二言無し

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

IMHO, se è una fusione, è comunque fatta molto bene...


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Giudicare da delle immagini è sempre "pericoloso" ma per fortuna qui siamo tra amici e quindi possiamo anche "straparlare" :ghigliottina:
Premesso che la Tsuba non fa parte della raccolta dell'Imperatore del Giappone, che la firma è Gimei, che molto probabilmente è un lavoro databile intorno alla metà del 1800, a mio avviso non è una fusione fatta recentemente in Cina o dintorni.


A sostegno di questa tesi vorrei far notare alcuni particolari:
- gli Hitsu-ana asimmetrici
- alcune ageminature mancanti sul lato Ura
- il segno lasciato dai Seppa sia sul lato Omote che Ura
- il Nakago-ana punzonato per l'adattamento alla lama

 

Piccole cose ma che depongono a favore di una sua autenticità come oggetto realizzato in Giappone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante