Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Francesco Marinelli

Patinare una Tsuba

Messaggi consigliati

So che i lavori casalinghi sono altamente sconsigliati ed è sempre bene rivolgersi a mani esperti, ma volevo chiedervi qualche consiglio su come fare per "ripatinare", di un color simil cioccolato, l'ana di una tsuba, che doveva essere stata limata di qualche decimo di mm per l'adattamento alla lama.

 

Grazie mille!


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un esperto ti risponderebbe che la tsuba va sempre ripatinata in toto rimuovendo prima la patina preesistente. Questo ovviamente ha senso per un oggetto originale e di valore tale da giustificare un intervento di restauro abbastanza importante.

 

Quanto a consigli pratici preferisco non darne, ma ti faccio notare che le tecniche di patinatura, e di conseguenza il colore che si vuole ottenere, dipendono fortemente dal materiale di cui è composta la tsuba (a grandi linee le due categorie sono ferro verso leghe di rame).

 

In ogni caso se si tratta del nakago ana, lascierei la tsuba così come è. Non mi sembra un difetto estetico importante (quindi perchè rischiare di peggiorare la situazione) e vedrai che in un centinaio di anni si ripatina da sola. Può sembrare solo una battuta, ma è più seia di quanto possa sembrare :gocciolone:.


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Gisberto per la risposta, mi trovi perfettamente d'accordo su quanto da te detto.

Comunque la tsuba in questione è in ferro, e non è di gran valore. Capisco che consigli preferiate non darne, onde evitare che dei neofiti possano fare danni irrecuperabili, certamente prima farei dei test su degli altri pezzi di ferro, per valutare le concentrazioni più opportune ed i tempi di contattato. :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se è in ferro un ritocchino sarebbe più facile, ma meglio affidarsi a chi lo sa fare, altrimenti rischi di far sembrare la tua tsuba un falso moderno.

 

Tecnicamente la patina tradizionale sul ferro si ottiene producendo in modo controllato della ruggine e poi passivandola con composti organici (tipicamente tannino, tradizionalmente quello contenuto nel the).

 

Ma evitare che rimangano bolle di ruggine attive in profondità e ottenere la tonalità di colore desiderata richiede esperienza e precisione. Non ti far tentare da ricette casalinghe e poco tradizionali che trovi in rete a base di acqua ossigenata e olio di motore esausto caldo. Sono porcherie che non mi azzarderei a fare neanche sula tsuba dozzinale del mio Iaito in lega.

 

Continuo a pensare che è meglio se la lasci così come è.


Gisberto (ex nick Koala)

 

Persevera nell'addestramento come se fossi una spada che deve essere forgiata con il più puro dei metalli. (Takuan Soho)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Gisberto :arigatou: Che veniva usata il tannino per passivare non la sapevo proprio!

 

Quelle ed altre "ricette" le ho lette, e non mi convincono assolutamente, so di essere indiscreto, e me ne scuso, ma volevo chiedere se qualcuno aveva voglia e possibilità di condividere qualche tecnica tradizionale sul forum, anche non solo come ritocco, ma proprio come tecnica di patinatura per le tsuba in ferro :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante