Vai al contenuto
Manuel Coden

Katana mumei

Messaggi consigliati

bè che dire, dal vivo è una gran bella lama, con un imponente koshizori, e come dalle foto sembra avere un lungo muneyaki, certamente necessita di una buona politura e solo dopo vedremo davvero cosa "nasconde" dietro questa Nihonto! :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Aggiorno questa discussione con scheda tecnica e foto della lama polita! :arigatou:

Lama tipo: Shinogizukuri-iori mune

Periodo: Shinshinto-Tenpo-Meiji.

Tradizione:Tokuden-Mino.

Nagasa 73,8cm

Sori:1,62cm

Moto-haba: 3,02 cm

Saki-haba:1,85cm

Kasane:0,7cm

Saki-kasane:0,35cm

Kissaki: Chu-kissaki.

Hada: Itame Nagare Masame con zone di hada molto compatta!

Hamon: Gunome Midare-Notare nioi deki,nie Ashi Tobiyaki con zone di Muneyaki.

Boshi: Suguha Notare,Ko maru Kaeri yoru

Nakago: Ubu ha agari kurijiri

Yasurime: Katte sagari

Mei: Mumei

DSC_0006.JPGDSC_0010.JPG

DSC_0012.JPGDSC_0013.JPG

DSC_0014.JPGDSC_0015.JPG

DSC_0016.JPGDSC_0018.JPG

DSC_0020.JPGDSC_0023.JPG

DSC_0029.JPGDSC_0030.JPG

DSC_0033.JPGDSC_0037.JPG

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ora con le nuove immagini penso potrai parlarci di cosa vedi, aspetto i tuoi commenti in proposito. :arigatou:

 

Potrebbe assomigliare a quesata? http://www007.upp.so-net.ne.jp/m-kenji/oshigata/shinto10.html

Modificato: da mauri

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eheh Cristiano complimenti per l'acquisto, valeva decisamente la pena polirla, lama interessante da studiare.

 

Hai risposto hai commenti sulle "possibili macchie" nello shinogi ji, era effettivamente muneyaki!

 

Per me due kantei point potrebbero essere anche il nakago con forma peculiare ed il boshi del quale adoro la forma :arigatou:

 

Perdonaci Mauri, ma credo mi apra un altro link? :confused:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

 

Perdonaci Mauri, ma credo mi apra un altro link? :confused:

 

A me apre " Oshigata di Kohkan Nagayama" un wachizashi e chiedevo appunto se le caratteristiche vi sembrano simili.

Preso da: http://www007.upp.so-net.ne.jp/m-kenji/oshigata.html


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Appunto, mescolare termini giapponesi come fosse un insalata non sempre da lo stesso risultato, e lo stesso gusto, è probabile che questa lama abbia subito più maltrattamenti di quanti ne potesse sopportare, su questo sono in accordo con i vecchi interventi di Gian, alcune attività sono veri e propri sfondamenti, che per una lama di questo periodo fanno pensare a una infinità di politure forse solo per poterla ammirare.

Alcune di queste fatte da persone che ci sono andate pesanti che in qualche modo ne hanno alterato la forma, il kissaki in questo percorso è quello che certamente ha sofferto di più, ho idea che non potrà sopportare un'altra politura.

Questo da quanto si vede dalle foto,

 

Vi posto ìl link di una lama più o meno dello stesso periodo, non è della stessa scuola ma le differenze a livello visivo forse fanno comprendere cosa intendo: http://www.ksky.ne.jp./~sumie99/sword5.html

 

Naturalmente quello che ho scritto sopra , almeno per me è analisi e studio, non polemica.

Così vorrei fosse inteso, in caso contrario si fa del chiacchericcio spicciolo che per quanto mi riguarda niente può aver a che fare con il forum. :arigatou:


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Premesso che sto navigando da mobile, di conseguenza non riesco a ingrandire bene le foto.

Detto questo le mie considerazioni sono le seguenti :

La lama pur non godendo di ottima salute con questa politura ha sicuramente cambiato faccia, in meglio.

Concordo con Mauri sul kissaki che ha sicuramente perso qualche bel millimetro, non riesco a capire cosa sia quella zona più scura vicina al ko-shinogi? Forse del metallo più morbido che sta affiorando? Inoltre vorrei delucidazioni in merito alla macchia scura (mi sembra contornata di ara nie) che parte appena dopo l' habaki moto e si vede solo su un lato della lama.

Gli hataraki dominanti mi sembrano ara nie e leggeri sunagashi oltre ad una profusione generale di nioi.

Il boshi dell'oshigata non mi sembra molto compatibile. (O.p.).


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bella lama dalla forma molto slanciata.

Mi piace moltissimo lo habuchi! Ci vedo tutto tutto quello che hai descritto a parte i tobiyaki... me ne indicheresti uno con grande cortesia? Sicuramente è il mio occhio non sufficientemente allenato, ma hai sicuramente fatto bene a polirla,che le le ha dato un'altro aspetto. Complimenti! Spero di poterla ammirare dal vivo al prossimo ritrovo! :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se ne fossi in grado mi soffermerei sul kissaki, lungo la linea del Kaeri proprio dove inizia il ko shinogi saki, di li potrei ammirare la linea orizzontale dello yokote e magari nel contro luce intuire meglio lo ha buchi quando si avvicina allo ha, ma, l’jgane mi confonde per la lucentezza del shinogi ji.

Così potrei apprezzarne a pieno la forma slanciata.

Spero davvero che quando la vedrai dal vero riuscirai almeno tu a toglierti questi dubbi.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,rispondo prima a Mc, quella macchia simmetrica nel boshi vicino al ko-shinogi è hamon del boshi stesso,una cosa simile 14011897_1340168816012666_1175192227_n.jpg

Enrico non è il tuo occhio a essere poco allenato,con queste foto i tobiyaki non si vedono benissimo inoltre sono molto piccoli e non molto forti, se riesco proverò a fare delle foto in cui risaltano! E prima o poi la vedrai dal vivo :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Cristiano hai ragione si vede anche dalle vecchie foto di Manuel, appena rientro dalle ferie proverò a fare qualche ricerca sui sacri testi.


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cristiano,

Il mio è il parere di un dilettante, ma a me pare che il Togi abbia portato alla luce un meraviglioso esemplare della mino-den.

Molto meno stanca di quello che sembrava all'inizio.

A me pare nel complesso sana e meravigliosa.

In foto tre e cinque mi sembra di vedere due ware assolutamente ininfluenti, cioè ben delimitati tra hamon e ji. Ma mi sembra di capire che sia più un effetto ottico che una apertura vera e propria. Forse sono questi gli sfondamenti cui si fa riferimento?

Se si, non mi sembrano così importanti.

Del kissaki si è detto. Questa è l'unica parte su cui si è davvero lavorato.

Fu davvero ko maru? Probabilmente no.

Ho visto fare lavori di quel tipo su lame spuntate in modo veniale, lame che erano state inequivocabilmente utilizzate. E se una lama la usi, beh, non puoi sperare che sia come nuova di pacca e che non si porti dietro qualche piccola cicatrice.

Come tutti quelli che hanno combattuto.

Per me, magari non aggiungono bellezza ma certamente fascino si.

I miei complimenti insieme a tutta la mia invidia.

Ben fatto.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...