Vai al contenuto
Francesco Marinelli

Koshirae per wakizashi

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, vi presento il mio ultimo acquisto, un koshirae per wakizashi. :arigatou:



IMG_0739.jpg



Direi che complessivamente dovrebbe risalire al periodo Edo, è lungo in totale 58 cm, di cui la saya è 42.5 cm, la tsuka è 14.6 cm ed è adatta ad una lama con sori di circa 0.7- 0.8 cm.



Partiamo per punti, la TSUKA:


per i miei gusti è di gradevole e proporzionata fattura, presenta punti di usura sullo tsukaito e sul same, questo è di buona qualità.


Fuchi e Kashira hanno una davvero precisa lavorazione in nanako (sapete se per caso questa poteva essere realizzata nel tardo Edo con una qualche lavorazione più industriale, vedi il "nastro"?) e sono composti da due parti, tipo matriosca, che forma la parte visibile nanako-bordo dorato.


I menuki sono due Shishi, e... che dire, se non che ci stanno bene! :happy:



1410758_741330802563140_1420852718_o.jpg904441_741330885896465_913831347_o.jpg1493534_743122262383994_1582533528_o.jpg


1490795_743122165717337_234436030_o.jpg1483584_741330662563154_795963831_o.jpg1495224_741331022563118_1975443323_o.jpg



TSUBA:


questa rappresenta un drago tra le nuvole (quindi è incoerente con la tsuka, vedrò in futuro di trovare qualcosa!), e la Mei dovrebbe recitare: Yamashiro (no) Kuni Sanjō (no) Jū Kashiwaya Shirōzaemon - 山城国三條住拍屋四郎左衛門



Dalle foto che mi aveva mandato i venditore avevo dei forti dubbi sul tipo di fattura, fusione o non fusione? questo è il problema... Ma dato che c'ero e non mi dispiaceva, sono stato alla sorte!


Vedi interessante discussione sul forum (eheheh casualmente sono realizzate dal "solito" artigiano....):


http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=7121&page=1



904457_743163249046562_1208360594_o.jpg894874_743163672379853_1150927337_o.jpg1417506_743164652379755_415543357_o.jpg1425269_743163742379846_385986880_o.jpg882038_743162842379936_1582464115_o.jpg1492490_743160109046876_248366096_o.jpg



Io non me ne intendo molto, ma credo che la mia sia cesellata, che abbia una buona mei (nel senso coerente e incisa a modo xD) e non ci vedo le bave di fusione, anche se nulla vieta che siano state asportate. Che ne pensate? Qualcuno sa l' eventuale collocazione storica di questo tsubashi?



Queste le dimensioni:


Lunghezza: 63 mm


Larghezza: 49 mm


Spessore (minimo): 4.2 mm


Peso: 63.3 g



SAYA:


bè è abbastanza particolare con questa colorazione ed alto rilievi (simil itame con occhi di mokume :vecchiocinese: ) della lacca, che ricorda la corteccia "scortecciata" della betulla!


Ha anche un kojiri dalla forma abbastanza inusuale.



901453_741066089256278_384504942_o.jpg1487913_741070649255822_1516856803_o.jpg965060_741065962589624_742784953_o.jpg1496495_741065955922958_813708370_o.jpg1496086_741065905922963_1077442694_o.jpg



La lacca è composta principalmente da tre strati: nero, oro e rosso, sono presenti delle "nuvole" di fine madreperla.


In origine doveva essere di color rosso, con solo delle piccole zone oro e nere, quindi penso che sia stata molto portata e così si siano usurati i due strati più superficiali di lacca. Ma questo particolare effetto dovuto all'usura non mi dispiace affatto, anzi lo adoro!!!


Ieri sera ho trovato casualmente in una vecchia discussione del 2005 del forum questa immagine,



Nobukatsu koshirai.jpg



da cui sono risalito al sito da cui l'ho potuta scaricare in HD: http://www.nihontoantiques.com/fss89.htm



Direi che ci siamo, date le ipotesi di sopra e anche per la decisa somiglianza del koiguchi e del kurigata, credo che sia stata realizzata dal solito sayashi, ma dire chi, penso che sia impossibile... :confused:



Ora non mi rimane che trovare un wakisashi che ci calzi a pennello e sono a posto :whistle:



Grazie per l'attenzione :arigatou:



Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Girovagando su ebay ho trovato questa tsuba, che è quasi identica alla mia:

$_57.JPG$_57 (1).JPG

 

Bè la ruggine la ha quasi corrosa completamente, arrotondandone i rilievi e facendole perdere di dettagli. Si riesce ancora ad intravedere parte della mei sulla destra, il tagana mei è pressochè uguale, ma ci sono alcune differenze, una che salta subito all'occhio la troviamo sul bordo dello hitsu ana, mentre guardandone i dettagli si trovano un pò di piccole differenze ed è tutta come "più confusa".

Che ne pensate? Questa vi pare una fatta tramite fusione? :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bello il disegno 'a scorza di betulla', ancora non ne avevo mai visto uno fatto così. Concordo, l'effetto 'consumato' è molto piacevole e sembra fatto quasi di proposito. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Francesco sei sicuro di questa tsuba?

Così rovinata e mai usata è certamente fusa, c'è ancora una bava all'interno foro, non sarà che è stata invecchiata in modo artificiale?


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie ;-) anche a me è subito piaciuta, non ne avevo mai viste così! Poi, se in aggiunta l'ho pagata una bischerata.... tanto meglio :-P

 

Mauri la penso perfettamente come te! Infatti l'ho postata perchè questa mi pare in fusione, ma essendo quasi uguale alla mia... O anche la mia è una delle copie, seppur fatta meglio, oppure è il modello su cui si sono basati per riprodurle, non so se torna il mio ragionamento :-)


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una fusione non è necessariamente un falso, forse solo un metodo per recuperare nei costi, invece l'ultima postata potrebbe essere un falso anticato a dovere.

Sulle fusioni da pezzi di scuola avevamo già discusso ed io personalmente ritengo che parecchi artigiani giapponesi abbiano utilizzato questo mezzo per fare copie delle loro realizzazioni (teniamo conto che questo sistema si adopera anche nella scultura in bronzo ed anche con nomi celebri: Manzu, Marini, Messina Bodini, Cascella ed altri, non vedo perché non dovrebbe essere stato usato alla stessa maniera in Giappone.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Mauri :arigatou: Per caso sai in che periodo hanno cominciato a realizzare tsuba per fusione?


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho visto a Genova al museo Orientale dei Buddha in bronzo del VI secolo ed erano veramente notevoli, penso che comunque almeno dal periodo in cui hanno cominciato a produrre canne da cannone da soli siano stati in grado di fondere la ghisa (penso che queste tsuba siano realizzate come le loro teiere).


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

'...è lungo in totale 58 cm, di cui la saya è 42.5 cm, la tsuka è 14.6 cm ed è adatta ad una lama con sori di circa 0.7- 0.8 cm.'

Dimensioni perfette per un sunnobi tanto di mia conoscenza.... :whistling:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Girovagando su ebay ho trovato questa tsuba, che è quasi identica alla mia:

attachicon.gif$_57.JPGattachicon.gif$_57 (1).JPG

 

Bè la ruggine la ha quasi corrosa completamente, arrotondandone i rilievi e facendole perdere di dettagli. Si riesce ancora ad intravedere parte della mei sulla destra, il tagana mei è pressochè uguale, ma ci sono alcune differenze, una che salta subito all'occhio la troviamo sul bordo dello hitsu ana, mentre guardandone i dettagli si trovano un pò di piccole differenze ed è tutta come "più confusa".

Che ne pensate? Questa vi pare una fatta tramite fusione? :arigatou:

Francesco: Qesta è farlocca ha ragione Maurizio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gian, basterà solo provarlo ;-)

 

Massimo non avevo molti dubbi a riguardo della seconda, ma la mia domanda era per chiedere, date le similitudini, se anche la mia poteva essere stata realizzata per fusione e poi stata rifinita.

Grazie


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gian, basterà solo provarlo ;-)

 

Massimo non avevo molti dubbi a riguardo della seconda, ma la mia domanda era per chiedere, date le similitudini, se anche la mia poteva essere stata realizzata per fusione e poi stata rifinita.

Grazie


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eccovi un'altra saya con una lavorazione molto simile alla mia:

 

10665822_691340334287135_7211542095050441646_n.pngDSC03365.JPGDSC03398.JPGDSC03778.JPG

 

''Tanto di Echizen No Kuni Jyu Kanenori con prova di taglio e Koshirae firmato.
Kaei 7 Kinoe Tora anno 19 febbraio (1854) Kubi Otoshi (Cut testa (al collo) Kashiwazaki Kiyotoshi Tamesu Kore
Con un koshirae di qualità eccellente, personalizzato e firmato Fujita Toshinaga (penso si riferisca ai kodogu).
Koshirae Lunghezza: 46,5 centimetri
Tsuka: 11,5 centimetri - Unohana ito maki.
Tutti i kodogu hanno futatsu tomoe e design Karakusa.
Questo è tanto chu suguha con Notare konie. Hirazukuri ed alto Mune iori.
Nakago è Ubu, le yasurime sono kiri.
Habaki è in sukashi con futatsu Tomoe in oro.''

Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto belli i Koshirae, anche l'Habaki, particolare, rapprensa il simbolo di una casta/casata se no erro, non mi ricorlo quale però :confused:


HAqDe6c.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante