Vai al contenuto
Francesco Marinelli

Asta Czernys 29 Marzo 2014

Messaggi consigliati

Vi segnalo che a fine mese si terrà la consueta asta Czernys a Sarzana, con interessanti lotti della collezione De Clecq, questa la locandina:

cat_44.jpg

 

http://www.czernys.com/

 

Spero di riuscire ad andarci, nel caso ci vediamo là! :thumbsup:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vi segnalo che a fine mese si terrà la consueta asta Czernys a Sarzana, con interessanti lotti della collezione De Clecq, questa la locandina:

attachicon.gifcat_44.jpg

 

http://www.czernys.com/

 

Spero di riuscire ad andarci, nel caso ci vediamo là! :thumbsup:

Ho visto il catalogo, poche Nihonto e molto di ottomano, qualcosa di europeo ma niente di eclatante, collezione dispersiva e mi sembra con poca qualità..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Forse poco per quanto riguarda il nostro settore (ma una volta tanto rendiamoci conto di non essere il centro del mondo in generale ma solo del nostro) per altre cose e anche le armature cho ho visto non direi proprio che non valga la pena di andare a dare un'occhiata.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gian, si di Giapponese sono tre o quattro, io mi riferivo in generale, Occidentali e Arabe, alcune molto interessanti.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Forse poco per quanto riguarda il nostro settore (ma una volta tanto rendiamoci conto di non essere il centro del mondo in generale ma solo del nostro) per altre cose e anche le armature cho ho visto non direi proprio che non valga la pena di andare a dare un'occhiata.

Io veramente ho cominciato la" mia carriera" di collezionista con armi bianche italiane ( striscie, falcioni, bastarde) del 500 fino al 600 e pezze da difesa dello stesso periodo, bacinetti, celate, e borgognotte , e morioni. Collezione già comincita da mio padre e mio nonno per quel che riguarda anche il periodo Napoleonico ( sciabole esclusivamente), Ultimamente poi mi sono fatto fare un bacinetto con spallacci e morione dal fabbro che restaura e rifà le armature per la Guardia Svizzera del Vaticano, e che resta l'unico "monumento vivente" fra i fabbri in Europa ( tra l'altro restauratore assieme ai figli dell'armeria Imperiale a Graz) che usa ancora i metodi del 500 per forgaiare le sue armature e spade spadoni daghe e picche .http://photoblog.nbcnews.com/_news/2012/06/12/12190697-fifth-generation-blacksmith-brothers-forge-swiss-guard-harnesses date un okkio a questo link. Dunque non é propio che sia a digiuno delle armi bianche e armature occidentali, anzi ne so più che delle nostre bene amate nihonto. Tra l'altro ho sempre frequentato Aste di Armi Antiche magari da Hermann Historica e altri e per la mia modesta opinione in questo catalogo di Cernys non vedo tra le armature e le armi bianche (escludo quelle da fuoco) niente di eccezionale. cordialmente . :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non entro in merito alle tue competenze, io mi riferivo al nostro modo di approccio che ogni volta che non abbiamo pezzi da primi della classe tendiamo a ""minimizzare"" (eufemismo per non andare oltre). Se come dici vieni da altri fronti non potrai non aver notato quanti pezzi di pregio compongono questa asta, il fatto che il Giappone in questo contesto sia marginale non può portarci a pensare che non possa essere interessante anche per comprendere altro. :arigatou:


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante