Vai al contenuto
Cristiano Boscaini

Cosa ne pensate di questa nihonto ?

Messaggi consigliati

Salve su un sito tempo fa avevo visto questa bellissima nihonto..purtroppo dispongo di poche foto ma forse possono bastare..

so solo che la misura del nagasa è di 66cm..ed essendo un pò alle prime armi in materia volevo servirmi dei vostri mitici consigli :laugh:

Grazie in anticipo e scusate il disturbo :happy:

nihonto 1.jpgnihonto 2.jpgnihonto 3.jpgnihonto 4.jpg

P.S sotto al mekugi ana è presente un punzone a forma di stella.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Di solito le lame pubblicate sul sito di Giuseppe Piva sono accompagnate da ottime ed esaurienti schede tecniche.

 

Se la scheda di questa lama non è in tuo possesso ti consiglierei di contattarlo direttamente: di sicuro saprà fornirti più informazioni di quelle che si possono trarre da due foto.

 

http://www.giuseppepiva.com/index.php/it/info.html

 

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si ho sentito che gode di un ottima fama riguardo la sua competenza...sul sito c'era scritto:

Periodo gendaito circa 1940

Lama mumei

Nagasa 66cm

Punzone a stella rikungun jumei tosho

E non altro..credo sia normale visto la lama mumei..grazie mille per la rapida risposta...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In koshirae..credo che sia stata venduta...io ho scritto appunto xk mi aveva colpito e appena ne ho avuto l'occasione volevo sentire cosa ne pensavate voi piu' esperti...per basarmi su un futuro acquisto :-) grazie...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In koshirae..credo che sia stata venduta...io ho scritto appunto xk mi aveva colpito e appena ne ho avuto l'occasione volevo sentire cosa ne pensavate voi piu' esperti...per basarmi su un futuro acquisto :-) grazie...

 

Cosa ti ha colpito, in particolare, di questa lama ? (se non sono indiscreto...) :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Forse che è reperibile in Italia..... non sembra ma per un appassionato agli inizi vuol dire molto... sempre nel rispetto della passione e qualità dell'articolo.


Il pensiero sul non pensiero...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non ti preoccupare :-) comunque gia' il fatto che sia una nihonto fatta con metodi tradizionali

Mi colpisce...poi per quanto recente ha pure una sua storia e poi la trama mi piace e l'acciaio e' bello lucente..questo come un primo acquisto mi basterebbe... secondo voi e' buona ? E ci

Mancherebbe dovete essere indiscreti :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

cerca qui sul forum "rikungun jumei tosho " e vedrai che scoprirai un mare di informazioni su come nascono questo tipo di spade, del periodo storico relativo e cosa rappresentano.

Guarda un pò in giro e se vuoi riapri pure le discussioni, fa sempre piacere riparlarne



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille...comunque avevo dato un occhiata prima di scrivere...e visto che i fabbri presenti nel rikungun jumei tosho erano riconosciuti avevano rifornimenti di tamahagane...quindi quando facevano spade le firmavano solitamente...questo rende la spada misteriosa :-) xk e' mumei eppure e' fatta tradizionalmente...ditemi se sbaglio che sono un novellino :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La tua riflessione è corretta. I forgiatori del Rikugun Jumei Tosho che utilizzavano tecniche tradizionali e tamahagane erano tenuti (da regolamento delle Forze Armate) a firmare e datare le loro lame. Dato che le lame si intendevano indossate appese alla cintura, col filo verso il basso, la data doveva obbligatoriamente essere incisa sul corrispettivo lato ura (il nome in omote). Quindi, in pratica, venivano firmate come un tachi.

Se la lama realizzata superava una serie di test, ma soprattutto se risultava delle misure e del peso stabilito, veniva accettata dall'Arsenale di riferimento ed otteneva un marchio a stella. Se era 'fuori standard' non otteneva tale marchio. Infatti vi sono molte lame di questi forgiatori senza alcun marchio (da tener presente che alcuni di questi possono essere stati 'abrasi' dal nakago dopo la guerra).

 

Vi sono però anche lame, sempre prodotte e firmate da forgiatori del Rikugun, che presentano altri marchi, ad esempio quello 'Sho' (cfr. ad es. lama di Kojima Kanemichi, in J.Slough 'Modern Japanese Swordsmiths' pag. 46). In questo caso si può supporre con buona sicurezza che la lama non sia stata realizzata con tamahagane, pur magari presentando hada, hamon ed una ottima fattura.

 

La questione dei marchi di arsenale è ancora molto dibattuta: vi sono studiosi, come ad esempio Leon Kapp, che giudicano (a torto o a ragione) tutte le lame con i marchi come realizzate con acciaio non tamahagane. Comprese le lame con la stella. Data la grande qualità tecnica dimostrata da questi forgiatori risulta estremamente difficile capire il materiale effettivamente utilizzato.

 

Nel tuo caso di sicuro penso di possa dire: questa lama è stata 'accettata da un arsenale' poichè rientrava in determinate caratteristiche. Molti testi dicono che il parametro più importante fosse, in definitiva, il peso.

A vedere le foto si nota naturalmente una hada ben visibile ed un hamon molto ben realizzato. Sarà stata forgiata in tamahagane ? Non mi sbilancerei troppo in un giudizio affrettato. In questi casi fare dei paragoni dal vivo è essenziale; per questo spero che Kapp mi mandi presto foto di lame realizzate in tempo di guerra che ha polito di recente ed in cui si possono notare, secondo lui, le differenze tra i diversi materiali di partenza utilizzati. :arigatou:

Modificato: da G.Luca Venier

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie in questo caso allora aspetterò che ti arrivino le foto...per sentire il tuo prezioso consiglio :biggrin: e quindi c'era anche una posizione per il punzone ? di solito nel nakago

lo vedo in alto sulla sinistra..mentre qui è proprio in centro...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'argomento è sicuramente interessante, da un punto di vista scientifico. Parlando di lame prodotte nel periodo bellico ritengo comunque che la questione del materiale di partenza sia alla fine abbastanza secondario e resti fondamentale la perizia del forgiatore. Questa lama appare realizzata benissimo e, se si vede una hada, di certo in modo tradizionale. Se poi sia stato utilizzato il miglior tamahagane, o quello di seconda scelta, o chiodi per ferro di cavallo da corsa (come Achab per forgiare il suo rampone per Moby Dick), penso sia un fattore di importanza secondaria. Ma questo è un personalissimo parere ! :arigatou:

Modificato: da G.Luca Venier

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si si comunque è una lama di una certa qualità, quello lo si nota nella lavorazione...quindi probabilmente è fatta anche con i materiali giusti :laugh: senza azzardare troppo vero :thumbsup:

avevo buttato li che potesse essere più antica magari osservandola un pò...ma boooo ahah grazie per le tue risposte :smile:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Generalmente dovrebbe essere sopra ma comunque essendo un punzone militare veniva fatto da personale esterno a coloro che facevano le lame.

Ti posto una immagine di una lama con la stella:

 

Tadayoshi%20gendai.jpg


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante