Vai al contenuto
vincent minit

Nuova tsuba

Messaggi consigliati

Ciao a tutti, sono stato un pò in letargo allora recentemente ho acquistato un " Daisho di tsuba" per svegliarmi un pò.

IMG_4506.JPG

IMG_4505.JPG

IMG_4501.JPG

IMG_4500.JPG


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La firma è ovviamente Echizen (no) jū Kinai saku (越前住 記内作). Non vorrei fare il gufo, ma alcuni particolari non mi convincono; vedi qui sotto:

Echizen Kinai .jpg

In A un apparente difetto di riempimento; in B quella che sembrerebbe una bava di fusione.

Saluti, Mauro


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, li ho notati pure io,li avevo guardati con un ingrandimendo 10 x, non sembrano bave ma microfessure a strati....non saprei ,forse strati di forgiatura?... noto parecchi pori,non so se una fusione poi cesellata bene oppure ?.... a breve nuove foto dei particolari. Grazie


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ho esperienza di fusione del bronzo,non del ferro,ho anche esperienza di forgiatura del acciaio e del ferro,dove vedo crepe simili,ma i micropori mi ricordano una fusione o un metallo bruciato troppo durante una forgiatura. Poi ho poca esperienza di valutazione di una tsuba poichè di pezzi belli nè ho tenuti in mano pochi e per qualche minuto... ecco le foto dei particolari sospetti. grazie

DSC07697.JPG

DSC07696.JPG

DSC07695.JPG

DSC07694.JPG

DSC07693.JPG

DSC07692.JPG

DSC07690.JPG

DSC07689.JPG

DSC07688.JPG


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non so che dire: in effetti non vedo bave da fusione, e la presenza di più di un sekigane fanno pensare ad una stuba che è stata montata su una lama. D'altra parte l'aspetto poroso del metallo e l'assenza di ossidazione sui bordi interni delle traforature continuano a non convincermi. Do per scontato che stiamo parlando di una tsuba in ferro (testato con una calamita, per esempio). Se è così dovrebbe trattarsi di una tsuba probabilmente giapponese ma relativamente recente.

Saluti, Mauro


Mauro Piantanida
武士に二言無し
Έτσι, δεν γνωρίζω

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Mauro,la tsuba è calamitabile,avevo altri punti da discutere:gli occhi del drago tra una tsuba e l'altra sono diversi, e anella tsuba piu grande mancano i denti del drago,la scanalatura dove era incastonato il filo d'oro del dente (ageminatura ?) appare con una seconda fessura che forse reggeva il metallo giallo battuto al suo interno. se fosse una fusione dopo ci hanno lavoraro parecchio per cesellarsa e inciderla come è adesso ,si vedono ancora le traccie della doratura.

Per quanto riguarda la mei se è reale, è la mei di una scuola,uno stile o un persona?

per quanto riguarda l'ossidazione non saprei che dire, mi sembra del metallo che è stato arroventato,o disossidato. odora di olio per armi,o forse olio lubrificante.

allego le foto .

grazie .

DSC07726.JPG

DSC07725.JPG

DSC07724.JPG

DSC07722.JPG


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante