Vai al contenuto
idk

Chi è il "buon Maestro"?

Messaggi consigliati

Mi riallaccio alla discussione sulle gare nelle Arti Marziali.

Dunque, ci sono due lati della stessa medaglia: le Arti Marziali (intese come percorso di crescita e miglioramento personale) e le arti marziali (che io definirei "agonistiche", dove l' importante è la bella tecnica, la vittoria e la gloria. In secondo piano passa tutto il succo).

Inoltre c'è chi dice che le gare siano un fattore molto positivo perché mette alla prova il praticante sotto pressione, perché entrare in contatto con gli altri aiuta a crescere, perché ficcare il naso fuori dal Dojo ti fa rendere conto di quanto tu non sia tanto invincibile e invulnerabile in realtà, perché motivano... ma c'è anche chi giustamente afferma che le gare penalizzano un po' il lavoro interiore rendendole più superficiali, spostando l' attenzione dai valori originali per portarli su cose decisamente più materiali.

 

Si è anche detto che tutto dipende dal punto di vista del praticante, ma partiamo dalle origini.

 

Il praticante è detto tale perché qualcuno si è preso la briga di esserlo prima di lui. Sto parlando del Maestro.

Ora. Non mi ricordo assolutamente dove io abbia letto questa frase, ma più o meno diceva che "bisogna praticare l' Arte Marziale, non i Maestri". Questa frase mi ha fatto un po' storcere il naso... da studentessa di psicologia e pedagogia quale sono, so che diversi fattori influenzano in un rapporto così stretto come quello tra Maestro e allievo e vorrei portarvi a ragionare.

 

Come ho già detto prima, il buco in cui praticavo Judo era molto diverso dal Dojo in cui pratico Iaido attualmente. Perché era pieno di medaglie, trofei, coppe, riconoscimenti, foto di gare... e tutto in bella vista. Oserei proprio dire che erano proprio DI FIANCO ALL'ENTRATA DELLA PALESTRA.

Questo istruttore mi ha iscritta a delle gare prima ancora che fossi ufficialmente iscritta io. Parlava delle gare in modo aggressivo, di sconfiggere l' avversario, di vincere a tutti i costi.

Seguendo il ragionamento, i praticanti di quel posto sarebbero dovuti essere tutti comunque dei santi, bravissimi praticanti. Invece tra i praticanti c'era una fitta ragnatela di ostilità, amicizie, gruppetti...

 

 

 

Arriviamo al succo? Arriviamo al succo.

E' inutile dire di no. Il Maestro influenza i praticanti. Dal Maestro dipende la visione della pratica, il modo in cui essa è vissuta dall' allievo, l' atteggiamento stesso di quelli nei confronti degli altri.

Secondo voi, arrivati a questo punto, che cosa c'è da dire del buon Maestro? Chi è costui?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il buon Maestro è colui che è in grado di prescindere i suoi interessi dall'insegnamento, aprendo completamente la via ai suoi allievi.

Deve mostrare ciò che ha imparato riguardo all'arte e trasmetterla insieme alla sua passione. Deve mantenere viva la fiamma dell'interesse e soprattutto deve imparare lui stesso attraverso l'insegnamento che da ai suoi allievi. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi un Maestro non può chiamarsi tale in quanto impara dai propri allievi? Vuoi dire che prima si è Maestri poi una volta imparato si diventa allievi? :confused:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Maestro non significa onnisciente. Il mio Maestro una volta ci ha detto che lui è lì per impare con noi! Credo che sia una dimostrazione assoluta di umiltà e se ci pensi è vero!

Si può imparare anche insegnando agli altri!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Di questo sono convintissima anche io! Ma quindi tu saresti in grado di distinguere un Maestro da un istruttore qualunque?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In parole povere, a mio avviso un buon Maestro deve essere umile, anche un pò severo ma non in maniera offensiva, deve coinvolgerti, poi resta a te giudicare un buon Maestro :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Di questo sono convintissima anche io! Ma quindi tu saresti in grado di distinguere un Maestro da un istruttore qualunque?

Un maestro è prima di tutto una persona, e le persone vanno conosciute! Non si può di certo capire al primo sguardo! Anche perchè si rischia di cadere nei pregiudizi! Quindi diciamo che un Maestro va "provato"! E tutto dipende anche da quello che cerca un allievo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sì, certamente... non ci si deve mai fermare alla prima impressione ^_^ intendo... quale genere di cose non dovrebbe dire o fare?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sì, certamente... non ci si deve mai fermare alla prima impressione ^_^ intendo... quale genere di cose non dovrebbe dire o fare?

Niente, devi valutare te o in base a i consigli dei tuoi compagni più anziani diciamo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ognuno tirerà acqua al proprio mulino, credo...

e credo anche che questa discussione potrebbe non arrivare mai ad una conclusione :omg:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si tratta di rapporti interpersonali, non c'è una regola! Se io mi trovo bene con una persona o un Maestro, non è detto che ti ci troverai bene anche tu! Dipende dal tuo carattere, quindi devi valutare te stessa. I pareri dei tuoi compagni possono servire fino ad un certo punto perchè come ti ripeto ognuno ha un carattere diverso..

Quindi se hai qualche dubbio, buttati nell'esperienza senza troppi pensieri e vedrai che troverai le risposte da sola! Proverai 1 2 o centinaia di Maestri, ma prima o poi troverai quello giusto per te e per quello che stai cercando!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma io non ho dubbi... ero solo curiosa di vedere se la mia idea di Maestro ideale corrispondeva alla vostra... era una sorta di giochino! Le Arti Marziali sono belle proprio perché ognuno può trovare nella pratica quello che cerca, e le necessità delle persone sono come i fiocchi di neve... sono tutte diverse :)

 

Io ho già il mio amato Dojo e non si libereranno di me tanto facilmente! :felice:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ognuno tirerà acqua al proprio mulino, credo...

e credo anche che questa discussione potrebbe non arrivare mai ad una conclusione :omg:

Dipende, ripeto, deve essere una tua valutazione personale, con il tempo ti accorgerai se per te un Mastro può essere stato o è, un buon Sensei oppure no :yes:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io comunque credo che ci sia un solo modo per riconoscerlo... quando non c'è. Ci avete mai fatto caso? Il Dojo cambia quando non c'è il Maestro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io comunque credo che ci sia un solo modo per riconoscerlo... quando non c'è. Ci avete mai fatto caso? Il Dojo cambia quando non c'è il Maestro

Ti do ragione, quando manca il mio Sensei la lezione passa agli allievi più anziani, ma non è la stessa cosa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io comunque credo che ci sia un solo modo per riconoscerlo... quando non c'è. Ci avete mai fatto caso? Il Dojo cambia quando non c'è il Maestro

Beh, quando non c'è è un pò difficile riconoscerlo! :crepapelle:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ahahahahahah anche questo è vero :confused:

Comunque fidati... quando non c'è si sente che manca qualcosa... prendi una casa, togli il muro portante. La casa non si regge e crolla... più o meno il Dojo senza Maestro è così e capisci che quella persona è fondamentale proprio per questo!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...