Vai al contenuto
Luca Zanichelli

Tsuba Echizen jyu Kinai-saku cosa ne pensate?

Messaggi consigliati

Buon Giorno a tutti

L'anno scorso durante un viaggio di lavoro a Tokyo sono incappato in un mercatino dell'usato dove ho comprato per poche centinaia di Yen questa tsuba firmata "Echizen jyu Kinai-saku". Da un esame piu' attento credo sia una riproduzione per fusione visti i pori ben visibili sul bordo e alcuni segni nello spessore. Vorrei le vostre impressioni al riguardo. Se serve posso postare un po' di foto in piu' anche se le mie doti di fotografo sono quanto mai scarse. La presenza dei sekigane mi fa' pensare sia stata montata. La patina sembra uniforme e compatta ma non riesco a giudicarne l'eta, sempre che sia possibile.

Grazie in anticipo.

Un po' di info

Dimensioni 82 mm x 82 mm x 5 mm
Peso: 220 gr.

fitting-0011-01.jpg

fitting-0011-02.jpg

fitting-0011-03.jpg

fitting-0011-04.jpg

fitting-0011-05.jpg

fitting-0011-06.jpg

fitting-0011-07.jpg

fitting-0011-08.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao. E si troppi pori,sicuramente una fusione. Sicuramente una copia di un originale.

ci vorrebbero delle foto trasversali per evidenziare meglio delle bave da fusione nel corpo centrale della tsuba.

Magari la mei è stata riposizionata dopo la fusione o magari non è la stessa scuola ma solamente un accorgimento per aumentare il valore.

lascio il parere a chi ne sa molto più di mè.

a presto


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' Ferragosto, visto e considerato che siamo pochi a frequentare il forum oggi facciamoci delle confidenze tra noi. (Valgono solo per oggi)

Bisogna sfatare il mito che vuole tutte queste tsuba giapponesi cesellate a mano, la quantità di quelle che si trovano in commercio propende appunto per l'utilizzo da parte degli artigiani , ma anche delle stesse scuole della fusione.

Ma non diciamolo a nessuno, potrebbero alzarsi gli strali dei benpensanti e di tutti coloro che propendono per un artigianato monacale, ma solo da parte dei Giapponesi.

Il nostro metro si ferma lì, infatti Cina Corea ed altri posti simili sono capaci di tali sotterfugi mentre i nostri protetti si comportano sempre in modo corretto, loro non commerciano, loro vendono tsuba realizzate a cesello al prezzo con cui altri ti rifilano copie da fusione più o meno rielaborate, contenti di pensarla così, andiamo avanti nelle nostre meravigliose convinzioni.

Domani, passato Ferragosto, potremmo scagliarci contro tutti coloro che la pensano diversamente.

 

Una piccola parentesi.

 

Se nel 1352 erano in grado di fare questa: http://www.google.com/culturalinstitute/asset-viewer/tea-kettle-of-odare-type-temmyo-ware-iron/PAEyASgtGw5Y0A?projectId=art-project

Perché alla stessa maniera non potevano realizzare tsuba?

Per far felici noi puristi del forum?

Modificato: da mauri

"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie ad entrambi per le risposte.

 

Nel mio piccolo concordo con le congetture di Mauri. Il fatto che sia di fusione (si confermo che ci sono bave sullo spessore, ma sono un cane con la macchina fotografica) non esclude che sia giapponese od antica, tutto il mondo e' paese. Avendola comprata su una bancarella in un mercatino delle pulci a Tokyo non e' che mi aspettassi proprio che fosse una Echizen originale visto anche il costo di 2000 Yen :confused: !!!

Nello stesso posto ho comprato questa...

fitting-0049-02.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sicuramente un'altra lavorazione.

Ha perso un po d'oro ma molto interessante.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi allaccio al discorso perdita di oro per una domanda: Se ci sono i solchi in cui erano presenti fili sottili di oro e alcuni tratti sono senza il pregiato materiale è meglio lasciare il tutto così com'è o inserirvi di nuovo un fili d'oro (naturalmente solo se si è in grado di fare un buon lavoro, ma non perfetto)?

 

Grazie per chi mi volesse dare il o i pareri dei collezionisti.

 

Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Penso che un restauro debba essere fatto da personale competente in materia, nel caso contrario lasciare tutto come si è trovato.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nelcaso specifico i solchi sono spariti a causa dell'ossidazione del ferro della base.

Personalmente sono contrario al restauro quando si parli di riportare l'oggetto alle condizioni iniziali. Sono invece favorevole alla conservazione ovvero quando il restauro serve solo al mantenimento delle condizione attuali.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nelcaso specifico i solchi sono spariti a causa dell'ossidazione del ferro della base.

Personalmente sono contrario al restauro quando si parli di riportare l'oggetto alle condizioni iniziali. Sono invece favorevole alla conservazione ovvero quando il restauro serve solo al mantenimento delle condizione attuali.

Su questo si potrebbe aprire un dibattito interessante su come si dovrebbero restaurare le antichità giapponesi. In passato i nostri amichetti per "restauro" intendevano spesso il rifacimento completo dell'oggetto e tanti saluti alla patina del tempo. Se ci pensate, anche la politura di una lama, come la ripatinatura di una tsuba (che comporta la rimozione di tutto ciò che si era formato sulla superficie della tsuba stessa) sono operazioni assai radicali. Nella tsuba di questa discussione conviene certamente lasciare il tutto com'è, anche perche le lacune sono poche e l'oggetto è più affascinante. Pensate però a quei kodogu, soprattutto kozuka, in cui spesso le dorature delle figure in rilievo son consunte, rendendo l'oggetto non più leggibile come lo era un tempo. Conviede riplaccare la lacuna?

Nei restauri delle armature, laccature ed allacciature son quasi sempre rifatti radicalmente; è ovvio che tali interventi rendono poi difficile valutare l'esatta età dell'oggetto. Se i politori come Massimo oltre alla lama piallassero anche il nakago, magari rifacendo anche gli horimono un pò consunti, ste lame sembrerebbero tutte nuove di pacca...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao. Rifare l'ageminatura mancante in quella tsuba sarebbe un peccato. Riaprire i solchi con dei microscalpelli e martellare il filo d'oro e farlo incastrare. Si staccherebbero altri fili che sospesi nel ossido di ferro e tutto l'ossido di ferro che circonda i solchi riportati alla luce diventerebbe lucido,bisognerebbe ripatinare,ecc...meglio lasciarla così per mè.


Tutta una vita non basta ad un artista per dare alla luce le opere che si trovano nella sua mente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante