Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Castelli Gianfranco

Wakizashi Tadayoshi 3 Gen

Messaggi consigliati

Manca ancora la saia, ma tra pochi giorni sarà ultimati il restauro.

La saia ha, come incisioni, un paio di simboli di foglie, ma per il resto sono riuscito nel mio intento di avere una tsuba e tsuka con i draghi come in uno degli orimono sulla lama.

Se non fosse che la saia è la sua originale sarei tentato di modificare o rifare anche questa, ma certamente non vale la pena, anzi penso proprio che sarebbe un atto indegno.

 

Vi presento quanto finalmente in mio possesso. Alcuni dati:

 

 

Tsuba - sakudo, nanako con draghi in oro. Tokugawa, Tokio tramite internet

Fuchi Kashira - sakudo nanako con draghi in oro, periodo 1700.

Menuki - firmati Masayoshi 1780 acquistati a Tokyo durante gita Marzo 05

Jabaraito - Namikawa acquistato a Tokyo durante gita Marzo 05

Rilegatura - Eseguita in Italia

 

ricordo la lama:

 

01_Tadayoshi_3_d.JPG

01_Tadayoshi_3_s.JPG

 

ed ecco il resto:

 

K01.jpg

K02.jpg

K03.jpg

K04.jpg

K05.jpg

K06.jpg

K07.jpg

K08.jpg

K09.jpg

K10.jpg

K11.jpg

K12.jpg

 

 

Appena possibile la monto,

 

Gianfranco :hiya:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Spettacolare....

 

i menuki sono incredibili, e complimenti per la scelta dello tsukamaki che li valorizza molto.

 

Caspita la tsuba te la avevo consigliata alla cieca ma è perfetta! che c.... ehm, fortuna

 

Belle anche le foto, però sono molto chiare, le prossime abbassa un pò la luminosità



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

veramente splendido

davvero complimenti

concordo anchi sullo tsukamaki davvero notevole

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio per i complimenti sia Tuoi che di Matteo.

 

Riprendo un momento quello che mi hai detto e cioè:

 

Belle anche le foto, però sono molto chiare, le prossime abbassa un pò la luminosità

 

Vorrei cercar di capire meglio perchè le foto a me risultano (sul mio 21" tubo catodico) ben bilanciate. Erano scure e le ho sistemate con Photoshop. Ho il registro del video a 75% di luminosità e 75% di contrasto.

 

Vorrei qualche altro parere perchè risultano ben bilanciate le foto sia quelle registrate sul HD sia quelle inviate, mantre, se ti ricordi, spesso lamento che le Vs foto sono scure.

Di solito quando un monitor non va bene non riesce più a essere luminoso. Se lo sciarisco a ncora di più mi spacca gli occhi (ho gli occhi chiari e questo incide)

 

Aspetto anche da altri delle osservazioni sulla luminosità delle foto così da capire come sono messo con le regolazioni.

 

Grazie ragazzi !

 

A proposito .... a TUTTI BUON NATALE e BUONE FESTE !!!!!!!!!!!!

 

Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

le foto si vedono perfettamente sul io monitor, 17" tubo catodico, attenzione problemi di luminosità possoo derivare dal tipo di monitor, per quanto riguarda fotografia digitale e grafica ogni tanto monitor lcd e plasma possono dare dei problemi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Però ora per me sono scure.

Matteo dice di veder bene le prime !?

Yama ... non avrai il monitor regolato sul troppo chiaro ?

 

Matteo, come sono le seconde foto per te ? Giuste o troppo scure ? Meglio le prime o le seconde ?

 

grazie e a presto, Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Innanzitutto complimentoni a gianfranco ( mi ricordo che preferivi esser chiamato per nome che per nick :ok: ) unica parola bellissima, inoltre lo tsukaito è di un bellissimo colore.

 

Per le foto io vedo (lcd 15") così: le prime vanno più o meno bene un po troppo luminose quelle della tsuba, anche le seconde (quelle scurite) vanno bene forse leggermente troppo scure quelle della tsuka (la penultima sopratutto) ma si tratta di leggere differenze quindi è possibile che yama le preferisce un po' più scure e gfc un po' più chiare.... continuate ad indagare mi raccomando! :laugh:

 

 

takeyama

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

veramente bellissimi gianfranco!!!!

nn sai che fortuna hai avuto a trovare una tsuba che andasse così vicino ai fuchi/kashira!!!

si attende foto con lama montata!! :gocciolone:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Innanzitutto complimentoni a gianfranco ( mi ricordo che preferivi esser chiamato per nome che per nick :ok: ) unica parola bellissima, inoltre lo tsukaito è di un bellissimo colore.

 

Per le foto io vedo (lcd 15") così: le prime vanno più o meno bene un po troppo luminose quelle della tsuba, anche le seconde (quelle scurite) vanno bene forse leggermente troppo scure quelle della tsuka (la penultima sopratutto) ma si tratta di leggere differenze quindi è possibile che yama le preferisce un po' più scure e gfc un po' più chiare.... continuate ad indagare mi raccomando! :laugh:

takeyama

 

 

Grazie Take ! Come la luminosità anche il colore varia da foto a foto e da schermo a schermo. Il colore più giusto dello tsukaito è quello idella foto in cui si vedono sia la mia mano che i 2 menuki in contemporanea. Meglio nella prima serie di foto. E' un grigio - blu cenere. Non è quindi un colore vivace, ma l'ho preso per questo per non fare un forte contrasto col giallo dell'oro. Così mi sempra molto più elegante.

 

Per le foto c'è da dire che se si ha un forte contrasto di conseguenza le chiare sono più chiare e le scure poco leggibili.

 

Grazie ancora e Buon Natale !!!

 

Gianfranco :hiya:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
veramente bellissimi gianfranco!!!!

nn sai che fortuna hai avuto a trovare una tsuba che andasse così vicino ai fuchi/kashira!!!

si attende foto con lama montata!! :gocciolone:

 

Da considerare che ci ho messo ben 2 anni.

Devo assolutamente ringraziare Voi per la segnalazione della Tsuba (che io vedevo in piccolo e non apprezzavo appieno).

Devo inoltre ringraziare il presidente, Massimo Rossi, per avermi segnalato i Fuchi-Kashira che aveva visto da un conoscente.

 

Visto che nell'ultima partita che ho acquistato ci sono diverse seppe antiche già che ho fatto 30 farò 31 e ci metterò un paio di seppe in rame con lamina d'oro tipo queste

 

Fuchi___Kashira__e_menuki_01f.jpg

Fuchi___Kashira__e_menuki_01g.jpg

 

Non vedo l'ora di montarla e inviare le foto, ma aspetto la saia sia per tenerla qualche giorno montata.

 

Ciao e Buon Natale !!!

 

Gianfranco :hiya:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A proposito di questa lama che tra poco, quando finalmente la saia sarà restaurata (doveva esserlo per Natale; quanta pazienza che ci vuole con sti politori e restauratori ), verrà montata.

Ho preso la tsuba che vedete e il fuchi-kashira e menuki così come le foto e cioè un marron scurissimo (praticamente nero) e il colore dell'oro.

Solo ora mi sono accorto che l'habaki è rivestito da una lamina d'argento con le rigature "graffi di gatto".

In contatto con la tsuba sta proprio male.

Cosa suggerite ?

Far dorare la lamina d'argento ? Si perdono i particolari della graffiatura ?

Fare ricoprire l'attuale habaki con una lamina d'oro ?

Far rifare l'habaki in rame e dorarlo ?

Non vorrei mandare in giro la lama sia per il fatto che è polita sia per il fatto che costa.

Senz'altro qualcuno di voi ha esperienza e mi può consigliare.

Non ne faccio una questione di prezzo visto la lama e poi sono alla fine della sistemazione e non mi fermo certo quì.

 

Grazie Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Riguardo gli habaki non c'è nessun vero esperto al di fuori del giappone.

In italia l'unico che è riuscito a fare qualcosa di bello è il nostro amico Ichi.

 

Personalmente, penso che sarebbe meglio lasciarlo così com'è. Soprattutto perchè è quello originale e fa parte del valore storico della lama.

Altrimenti significherebbe inviare la lama in giappone a un maestro e farsene fare uno nuovo, con tutti i rischi e i costi che questo comporta.

Forse e dico forse un maestro Giapponese potrebbe rilaminarti l'habaki anche se gli mandi solo quello ma considerando che potrebbe un minimo deformarsi, credo che il maestro non accetterebbe di rischiare la sua reputazione giapponese con un lavoro non perfetto.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gianfranco anche se non sono un esperto in materia ti consiglierei di tenere l'habaki originale, in modo da non stravolgere l'oggetto, visto che è nato cosi, al massimo prova a vedere come stanno due seppe d'argento :ok:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Ughen, ma proprio l'argento con l'oro non ce lo vedo.

Sono deciso ad avere un habachi con oro, in che modo non lo so ancora.

Se non ci sono soluzioni proverò a sentire un laboratorio orafo e sentire le proposte.

Accidenti, sta proprio male l'habachi d'argento con quella stuba.

Mi sa che prima che la veda montata passerà ancora parecchio tempo.

 

Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono proprio basito... :ohmy:

Non riesco a vedere bene la lama,per caso è un Hizen Tadayoshi?...

Cresce sempre di più la mia ammirazione nei tui confronti Gianfranco complimenti per il tuo acquisto!!...

 

P.S

non so se sia il caso di chiederlo in questo topic ma c'è una domanda che non mi fa dormire la notte e che ora io vorrei fare a voi...Come fa il Togishi a lucidare anche la porzioni di lama che ospitano Horimono elaborati come quelli della Tadayoshi in questione,senza rovinarli o consumarli?.... :gocciolone:

Bellissimo anche gli horimono ma sono stati eseguiti dallo spadaio o da qualche altro artista?

sul lato Omote mi pare di vedere uno Shin-no-kurikara ma sul lato ura non riesco a capire che sia un kaen-fudo?...Ci sono altre immagini in altri topic di questo forum della stessa spada?

Rinnovo i mie complimenti! :arigatou::ok:


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante