Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Castelli Gianfranco

Wakizashi Tadayoshi 3 Gen

Messaggi consigliati

Per polire gli horimono si utilizzano le pietre a mò di matita: si tengono in mano scaglie sottili e si entra dentro le scanalature.


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

certo!...ora ho capito :ohmy: ...Grazie!... :arigatou:


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

se lo avessi voluto in argento, avrei potuto fartelo il argento massiccio. per averlo d'oro bisogna farne uno in rame e poi fargli una camicetta d'oro, e non una placcatura (se vogliamo rispettare le tradizioni).

in tutti i modi, anche se vuoi un habaki con finitura in oro, quello originale lo terrei così.

si può comunque realizzare un nuovo habaki senza pericolo per la lama


....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come si riesce a costruire un habaki senza stringerlo sulla lama ? Si riesce a farne uno uguale dall'originale senza utilizzare la lama ?

Non me la sento di fare uscire da Bologna il Tadayoshi

 

Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

gfc io personalmente credo difficile riuscire a trovare un habakishi esperto in Europa ma forse è del tutto impossibile trovarlo in Italia.

Oltre tutto ho letto che hai fatto affilare e lucidare la lama,se non mi sbaglio.

Io ti suggerirei di lasciare le cose come stanno,anche perchè non si sa mai che a qualche doganiere impazzito gli venga in mente di aprire il pacco della consegna, esaminare la lama ,magari anche giocandoci un po...Oppure conservadola in chissà quale deposito umido e sporco per giorni interi(come è capitato già a me).

Non vorrei traumatizzarti ma fai bene il conto dei pro e dei contro e vedi quale possa essere la decisione migliore(l'ultima decisione spetta comunque a te)...Ti senti di correre davvero dei rischi simili solo perche non ti piace l'habaki in argento?...

In più ricordati bene che anche se il tempo dei samurai sia finito da un bel pezzo credo che persino ad un bolognese come te (ma anche un napoletano terruncello come me... è giusto?) risulterebbe drammatico separarsi da una lama simile per affidarla poi in quali mani?!...Se ce l'avessi io le farei la guardia dalla sera alla mattina senza mai staccarle gli occhi di dosso.

La funzione storico-tecnica dell'habaki è quella di lasciar scivolare la lama all'interno del fodero fino ad assicurare quest'ultima in modo che non esca accidentalmente dal fodero o peggio far graffiare la lama all'interno dello stesso.

A proposito di fodero,se non ho letto male lo stai facendo restaurare,quindi pensa attentamente al fatto che se decidi di farti fare addirittura un nuovo habaki dovrai far modificare anche la sagoma interna dell'imboccatura del saya per adattare il saya ad esso.

Anch'Io serei propenso a consigliarti di lasciare le cose come stanno,prima di tutto perchè ci sono nei musei koshirae che mostrano habaki in argento con tosogu e kodogu simili a quelli della tua Tadayoshi,e anche perchè durante la fase di lavorazione se l'habakishi non sapesse il fatto suo rischierebbe di rovinarti la politura nell'area dell'habakimoto(creandoti quantomeno un enorme dispiacere al suo ritorno a Bologna).

Oltretutto mi permetto di consigliarti una volta ponderato bene tutti i fattori di rischio,sempre per restare in tema tonalità shakudo-oro,un Habaki costruito in shakudo e placcato con oro(proprio come quello che vedi alle prime pagine introduttive di "The Craft of the Japanese Sword").

Se dopo quanto ti ho detto riuscirai comunque a far eseguire un magnifico lavoro degno di questa magnifica spada rinnovo i miei complimenti e la mia ammirazione nei tuoi confronti.

P.S:So che probabilmente sei un tipo impegnato ma potresti fare più foto per favore?... mi renderesti felice!

Habaki_argento.jpg

habaki_costruito_in__oro_visione_dall__alto.jpg

habaki_in_oro.jpg

habaki_in__rame_con_camicia_dorata.jpg


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

gfc, complimenti anche da parte mia per la splendida lama ed il bellissimo abbinamento di Tsuba, Menuki, Fuchi e Kashira.

 

Più o meno a quale anno risale la realizzazione della Lama ? Prima metà del 1600 ?

 

Puoi per favore indicare le misure fisiche della lama stessa ? ossia:

 

- lunghezza lama (al netto del Nakago)

- lunghezza del Nakago

- larghezza della lama all'altezza del Machi e larghezza della lama all'altezza dello Yokote

- spessore della lama all'altezza del Machi e spessore della lama all'altezza dello Yokote

 

Grazie.

Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
gfc io personalmente credo difficile riuscire a trovare un habakishi esperto in Europa ma forse è del tutto impossibile trovarlo in Italia.

...no no...in italia qualcuno che fa un habaki decente si trova :ok:

 

 

 

gianfranco ti capisco. in effetti io avrei i tuoi stessi problemi. cmq considera che è difficile se non impossibile fare un habaki senza lama. io mi preparo sempre una dima dello spessore dello shinogiji, e le grandi mazzate iniziali le do sulla dima......eheh....così mi posso sfogare bene :)....certo poi per sagomarlo serve la lama.....che in tutti i modi va imbottita bene, lasciando solo il nagako scoperto, e anche se può fare impressione guardare :hehe: se le cose sono fatte come si deve, la lama non se ne accorge nemmeno degli urti che subisce durante la modellazione. il rame o l'argento sono metalli molto morbidi e non riescono a segnare il nagako. inoltre viste che c'è già il koshirae, serve anche quello!!

cmq il tuo problema non è tanto questo, quanto il doversi separare dalla lama.......bah....non saprei.....se vieni a roma a farti un weekend....tu te ne vai in giro per monumenti ed io ti faccio l'habaki :laugh:

Modificato: da ichi

....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

shimitsu masatsune. Grazie per tutti i consigli. Penso proprio che ci penserò bene prima di fare qualcosa. la mia idea è orientarmi sulla sostituzione dell'argento con una lamina d'oro (se sarà posssibile). Per le foto ... non bastano quelle della scheda tecnica ? Le avevo tolte, ma le ho rimesse con tutti i dati

 

Paolo. Nella scheda della lama ho messo adesso tutti i dati.

 

Ichi. Ci penserò su. Se capiterò dalle tue parti prenderò in seria considerazione la tua proposta.

 

Grazie a tutti

Modificato: da gfc76

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Paolo. Nella scheda della lama ho messo adesso tutti i dati.

 

 

Dove è la scheda tecnica ? - Sono cieco oppure non la trovo !

 

Grazie.

Paolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Dove è la scheda tecnica ? - Sono cieco oppure non la trovo !

 

Grazie.

Paolo

 

Schede tecniche, 16a discussione, "wakizashi - Tadayoshi 3a generazione" :hiya:

Modificato: da Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Shirojiro!...forse ho trovato la soluzione che fa per te per quanto riguarda l'habaki...

Lo ha costruito il maestro Hiroshi Miyajima...E' costruito in argento massiccio ed ha la parte in oro saldata...

niju_kin_gin.jpg


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Shirojiro!...forse ho trovato la soluzione che fa per te per quanto riguarda l'habaki...

Lo ha costruito il maestro Hiroshi Miyajima...E' costruito in argento massiccio ed ha la parte in oro saldata...

 

Grande !!! Ottima idea, grazie !

Appena possibile metto le foto dell'hbachi così mi suggerisci/ite la cosa che a voi piace di più.

Poi faccio come piace a me :gocciolone:

 

Grazie davvero dei suggerimenti, Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche se sono sempre dell'idea di lasciare l'habaki in argento ,mi permetto di informarti che esiste anche una tipologia di costruzione analoga ma la cui base anzichè in argento è realizzata in Shakudo...così si intonerebbe con gli altri componenti della koshirae...


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Anche se sono sempre dell'idea di lasciare l'habaki in argento ,mi permetto di informarti che esiste anche una tipologia di costruzione analoga ma la cui base anzichè in argento è realizzata in Shakudo...così si intonerebbe con gli altri componenti della koshirae...

 

ICHI saresti in grado di fare qualcosa del genere, o anche metà argento e metà oro, e solo lasciandoti l'habachi originale ?

 

Stavo pensando di realizzare in ferro una copia della parte della lama dove c'è l'habaki (diciamo una decina di cm) e utilizzare questa per far costruire l'habaki nuovo. Mi sembra una buona idea.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusa Gian ma come pensi di realizzarla questa copia? :confused:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guarda questo esempio e dimmi che ne pensi...è stato realizzato nel tardo periodo Edo...Non so se ci sia un habakishi che possa riprodurli ma penso che si adetterebbe benissimo alla tua wakizashi anche perchè riprenderebbe il tema del dragone dell'horimono non trovi?....

habaki_shakudo.jpg

habaki_shakudo_1.jpg


La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
ICHI saresti in grado di fare qualcosa del genere, o anche metà argento e metà oro, e solo lasciandoti l'habachi originale ?

 

Stavo pensando di realizzare in ferro una copia della parte della lama dove c'è l'habaki (diciamo una decina di cm) e utilizzare questa per far costruire l'habaki nuovo. Mi sembra una buona idea.

penso si possa fare. ti mando un PM.....certo non mi chiedere il dragone :ok:


....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Stavo pensando di realizzare in ferro una copia della parte della lama dove c'è l'habaki (diciamo una decina di cm) e utilizzare questa per far costruire l'habaki nuovo. Mi sembra una buona idea.

 

 

Invece di fare una copia in ferro, è molto più semplice fare una copia in piombo.

Due anni fa , la ho utilizzata per farmi fare un Habaki negli USA.

 

Procedimento:

1) con del gesso, fai un calco della lama (circa 15 cm.) ; prima la metà inferiore e poi la metà superiore ottenendo così due semicalchi.

2) Rifinisci molto bene i bordi dei due calchi in modo che combacino alla perfezione.

3) Unisci srettamente con nastro adesivo e poi spago i due semicalchi; con del gesso tappi una delle due estremità in modo da ottenere un "vaso" con una sola entrata

4) In un recipiente di scarto fondi del piombo (trovi barrette di piombo anche dal ferramenta - oppure usi un pezzo di una vecchia tubazione ) tramite un cannello e coli il pombo fuso nel calco

5) Dopo pochi minuti puoi aprire il calco in gesso ed hai l tuo fax-simile di lama

 

N.B. 1) Fai dei forellini nella parte alta dello stampo in gesso in modo che possa uscire l'aria quando coli il piombo.

N.B. 2) Accertati prima di fare il lavoro che il fax-simile di lama in piombo sia accettato da chi realizzerà lo Habaki

 

BUON LAVORO !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante