Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Castelli Gianfranco

Wakizashi Tadayoshi 3 Gen

Messaggi consigliati

paolo, il problema è che il piombo è morbido. e per fare l'habaki in maniera tradizionale, bisogna battere il rame, l'oro insomma qualsiasi sia il materiale, sulla lama stessa. il piombo cederebbe, cambiando la propria forma. ora non so l'americano che ti ha fatto l'habaki che metodo abbia utilizzato, ma non certo il metodo tradizionale.....almeno al 99% penso sia così :cool:


....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Invece di fare una copia in ferro, è molto più semplice fare una copia in piombo.

Due anni fa , la ho utilizzata per farmi fare un Habaki negli USA.

 

Procedimento:

1) con del gesso, fai un calco della lama (circa 15 cm.) ; prima la metà inferiore e poi la metà superiore .....

 

 

HAAAAAAAAAAAAA !!!!! :stare::stare::stare:

Toccare con del gesso (con acqua dentro) la mia Tadayoshi ? MAI !!!

 

A parte che ho venduto per 10 anni gomme siliconiche e gessi ceramici nelle fonderia artistiche e ho prodotto e lo faccio tutt'ora stampi in gomma per delle aziende, ma lasciare indurire del gesso su una lama polita nemmeno se ci fosse dell'alcool polivinilico (forma uno strato plastico di protezione e serve per trattare i reperti o gli oggetti antichi prima di uno stampo).

Mi sembra invece più semplice prendere le misure col calibro, non quello digitale, ma un calibro di plastica per evitare segni, e riprodurre con una barra di ferro le misure della lama.

Avendo l'habachi si può continuamente provare la precisione.

Ho anche 2 torni da ferro con torretta presatrice, ma penso che trovato lo spessore ndella barra, un po' di lima e il gioco è fatto.

 

Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Secondo la mia modesta opinione l'habaki si può anche costruire a parte utilizzando una dima, ma il modo migliore rimane sempre quello di costruirlo intorno alla lama, la costruzione senza la lama come riferimento comporta perforza che l'habakishi stia leggermente abbondante per non rischiare di saldare il pezzo e poi ritrovarsi che non si infila per un minimo scarto, per fare un lavoro perfetto, e Ichi è in grado, occorre testare fraquentemente sul nakago originale, sono molte le misure che devono essere testate, la sede, l'allineamento del mune, l'appoggio dello hamachi, senza considerare la necessità in questo caso di rispettare anche le misure esterne per il koshirae.

Gianfra dai a Ichi la lama intera se proprio vuoi.

Sull'ipotesi di modificare un habaki autentico eliminando la foglia d'argento o rivestendola con oro mi spiace ma sono contrario (personalmente).

Capisco la volontà di corenza estetica, ma questa non deve prescindere dall'obbligo di preservazione che ogni serio collezionista dovrebbe avere in cuor suo. Se ogni volta che la lama passa di mano si fossero effettuate modifiche secondo proprio personale gusto al giorno d'oggi non avremmo nemmeno la minima possibilità di riconoscere ed apprezzare l'evoluzione storica della nihonto.

Insomma restauro sì, ben venga, ma restauro conservativo, non decisioni arbitrarie ed invasive, tutto quanto vi è di buono ed apprezzabile in un pezzo storico deve assolutamente essere conservato e questo anche intaluni casi a dispetto della nostra pulsione individuale.

Per questo Gianfra io la vedo così: o tieni l'habaki che hai , che è il suo, che è stato fatto per quella pregevole lama, che è costato ore di lavoro ad un abile artigiano al quale si dovrebbe rispetto e che non merita di certo si stravogano le sue opere; oppure ne fai uno nuovo affidando la tua "bimba" alle amorevoli cure di Ichi che son certo riuscirebbe a risoverti il problema, però devi dargli la spada, una Tadayoshi di tal genere non merita un habaki che stringe o che sdondola o che non sia perfettamente allineato.

Però ragazzi io lo dico spesso la politura è l'ultima cosa, pensiamo bene prima a cosa serve , uno shira, un koshirae nuovo, uno tsuba con gli spessori da adattare, preparate tutto prima poi eseguite la politura.


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inserita: (modificato)

Hai ragione Ken e seguirò senz'altro il suggerimento di non toccare l'habaki originale.

Sono però deciso ad averne uno più attinete il koschirae che gli ho creato.

Sono d'accordissimo sul fatto di polire solo dopo, ma quando l'ho acquistata era già praticamente polita.

Mi tranquillizzi sulla fiducia che poni in ICHI, certo che affidare ad altri una lama del genere per me è molto, molto traumatico. Ci penserò su, intanto devo aspettare che sia restaurata la saia perchè oltre alla lama occorre la saia per le misure esterne dell'habachi, anche se ho l'abachi originale da cui porendere le misure.

 

Grazie, Gianfranco.

 

PS posto una domanda su habachi da un'altra parte.

Modificato: da Shirojiro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Sull'ipotesi di modificare un habaki autentico eliminando la foglia d'argento o rivestendola con oro mi spiace ma sono contrario (personalmente).

Capisco la volontà di corenza estetica, ma questa non deve prescindere dall'obbligo di preservazione che ogni serio collezionista dovrebbe avere in cuor suo. Se ogni volta che la lama passa di mano si fossero effettuate modifiche secondo proprio personale gusto al giorno d'oggi non avremmo nemmeno la minima possibilità di riconoscere ed apprezzare l'evoluzione storica della nihonto.

Insomma restauro sì, ben venga, ma restauro conservativo, non decisioni arbitrarie ed invasive, tutto quanto vi è di buono ed apprezzabile in un pezzo storico deve assolutamente essere conservato e questo anche intaluni casi a dispetto della nostra pulsione individuale.

 

 

:arigatou::arigatou: sono completamente daccordo.....mi inchino al tuo buon senso andrè

:arigatou::ok:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
:arigatou:

....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante