Vai al contenuto
daichienrico

gunto seconda guerra

Messaggi consigliati

enrico, il restauro di una lama non è una operazione alla portata di nessun appassionato.

per recuperare una spada bisogna fare una politura completa, non ci sono mezze misure e ti assicuro che non puoi migliorare la situazione in nessun modo da solo.

Soltanto un togishi preparato è in grado di far tornare al suo splendore una lama e l'attrezzatura necessaria (che comprende decine di pietre diverse, olii, attrezzi e tanto altro) non è una cosa alla portata di tutti. E'anche necessario un buon maestro.

 

Inoltre la tua lama è fatta così, non è una lama forgiata tradizionalmente ma è il frutto della produzione di massa della seconda guerra mondiale.

Di norma nelle spade per gli NCO come la tua non è nemmeno presente l'hamon o l'hada.

A livello artistico tecnico questo tipo di lame non hano valore, sono poco più che ferro battuto. Il valore della tua spada sta nella sua storia e nel valore simbolico che assume.

Per quest motivo, tienila così come è, evita di rovinare i vari pezzi e custodiscila con rispetto. Per quanto riguarda la lama passaci un pò di uchiko e custodiscila oliandola con un pò di olio di choji. E basta ;)



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Data l'esperienza di Enrico volevo farlo riflettere ;)

 

Con una grana così fine non sei in grado di mettere a posto i danni che ha purtroppo questa lama, dovremmo partire dall'arato e via dicendo...

da soli si commettono solo danni, te lo dico per esperienza!

 

Segui il consiglio di Simone, e tienile ben oleata!

 

E' si, pratico kenjutsu e judo con sensei Oltremari :arigatou:


"Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A questo punto mi devo arrendere all'evidenza ,e soprattutto a chi ne sa più di me di sicuro!!!!

Ma mi rimane sempre quel prurito alle dita , quando la guardo!!!!!!! :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lasciala nel suo fodero ben oliata, se originale, magari a partecipato a eventi che nulla hanno a che fare col tagliare delle stuoie, usa per queste ultime una lama da pratica una è costruita con questo scopo e l'altra ne sarà contenta.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante