Vai al contenuto
Simone Di Franco

La più bella nihonto che abbiate mai visto dal vivo?

Messaggi consigliati

Oggi mi è venuta in mente una domanda stupidissima che però potrebbe essere interessante.

Visto che molti di noi sono stati anche in Giappone, hanno visitato mostre e musei o comunque visto parecchie lame, sono curioso di sapere quale è stata la katana (ovviamente anche wakizashi o tanto) che più vi ha colpito o affascinato di più.. e perchè?

Ovviamente non deve essere per forza un capolavoro ma l'importante è che vi abbia rapito particolarmente o colpito in modo particolare.

 

Sono sicuro che nasceranno occasioni interessanti per confrontarci e raccontarci aneddoti ed episodi.

 

 

Lascio la prima parola a qualcun altro perchè sono molto indeciso :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io rispondo subito con una lama di Shizu Kaneuji che ho visto da Giuseppe Piva...

Tra l'altro dovrebbe essere pure sul suo sito...bè veramente stupenda l'hamon sembrava una nuvola...piena zeppa di sunagashi e Hataraki di ogni tipo..

Veramente bellissima :smile:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Interessante Topic! :arigatou:

 

Diciamo che in generale apprezzo tutte le Nihonto, però una delle più belle che ho visto era propio su questo Forum, molto tempo fa, purtroppo non mi ricordo in che discussione, e quindi non reperibile :omg:

 

Proverò a fare una ricerca...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bè la cosa che mi colpisce è anche il sugata molto elegante...una lama molto imponente ed equilibrata..

Dal vivo si vedevano inazuma,yubashiri,kinsuji e chikei... la lama è proprio bella diciamo che tutto mi ha colpito...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo ne ho visto poche, e quella che mi ha colpito di piu' è una wakizashi del 1834 Hosokawa Masayoshi , mi piacciono molto le lame con horimono e O kissaki. Ciao Daniel

ca'pesaro (2).JPG

ca'pesaro (3)Hosokawa Masayoshi 1843.JPG

ca'pesaro (4).JPG

ca'pesaro.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La lama che più mi ha impressionato è stata una ko aoe, con dei fantastici sumigane ed una hada straordinaria!!!!

 

Okei per le bellissime lame al Museo Nazionale di Ueno, dalla Chokuto ''Suiryu Ken'' del 700, a Masamune, Yoshifusa ecc ecc che senz'altro a qualcuno di voi è capitato di vedere e sono presenti su diverse pubblicazioni.

 

Ma invece vi voglio postare una lama che mi ha suscitato tantissimo interesse per la sua ''personalità'' e per la sua storia.

Era visibile presso la mostra ''Sengoku Mosuo'' al Bizen Osafune Token Village. (Proviene da una collezione privata).

 

Parlo della 'Yo-To'' Muramasa, appartenuta a Sanada Yukimura.

Nagasa: 68.8 cm e Sori: 1.7 cm, Late Muromachi 16th.

 

''Questa è conosciuta col nome ''Yo-To'' Muramasa (The Siren Blade). Famosa per causare lutti nella famiglia Tokugawa.

Gli piace il sangue, rende caldo il temperamento del proprietario (Tanryo), oppure porta il male/maledizione ai proprietari, e le storie si ingrandiscono col tempo. Hanno sempre avuto una buona reputazione per la nitidezza del loro taglio. Il Koshirae e i Kodogu (tsuba, menuki, fuchi, kashira, kozuka) rappresentano draghi e tigri. Il Saya è Sendan Kizami (1.000 tagli / tacche).''

 

Qualche scatto:

 

1921120_927254217304130_6100435482971806531_o.jpg10687244_927253277304224_5131388894091766022_o.jpg10603882_927253800637505_5747183475848200089_o.jpg10648290_927253507304201_6011663571178649224_o.jpg10658741_927253743970844_1475760028596801353_o.jpg

 

Se qualcuno ha altro materiale su di lei, dalle vicende storiche, oshigata e quant'altro, gliene sarei grato se le postasse :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come esperienza personale, quest'anno dopo aver visto le lame al Tokyo National museum andai il giorno dopo da un noto commerciante di spade che ci fece vedere la sua collezione personale di tachi Bizen, da paura. Anche nella mostra di Kyomaro vidi lame spettacolari; dopo tanti anni passati a desiderare tachi kamakura come la maggior parte dei collezionisti occidentali e grazie agli insegnamenti di De Feo, comincio a veder con altri occhi le shin-shinto.

Essendo animato poi da intenso desiderio di possesso, come tutti i collezionisti, rimpiango ancora la tachi Ko-Aoe del 1180 circa che x poco non mi comprai, di cui allego la foto nel fodero (già inserita in un vecchio post). Potete già così valutarne il sugata...

Moritsugu'.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

di storie ne esistono molte, di leggende ancora di più! :-P

a parte gli scherzi, di lame storiche, con un nome e tanti ricordi ne esistono parecchie.

ps. molto bello il wakizashi di Masayoshi di cui Daniel ha postato una foto. la stessa lama è pubblicata sul libro "Nipponto" di S.Magotti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

anche in Giappone era viva la storia della Spada dell'Eden che doveva essere sottratta (non ricordo a chi) data alla sorella e fatta portavia da un monaco...

 

e si narra che ciò accadde.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...