Jump to content
betadine

.. TATARA e dintorni

Recommended Posts

(la traduzione è a volte sommaria ;-)

 

 

 

 

"Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci".
Questo è un messaggio divino citato in Isaia e Michea nel Vecchio Testamento, che si ritiene sia stato compilato nel 400 aC, circa

 

Nel corso della storia umana, il ferro ha portato molti benefici per l'umanità.

Il ferro gioca ancora un ruolo importante nella società moderna, ma la sua presenza quotidiana ha fatto perdere interesse per il suo valore e la storia.
La Tatara (soffietto a pedale) per la produzione di ferro in Giappone, in particolare ferro di qualità senza pari, anche se le sue origini sono ancora avvolte nel mistero.
Tracciare la sua storia ci riporta indietro 1.500 anni al periodo Kofun e poi verso la penisola coreana e la Cina.

Prima di raggiungere il Giappone, la produzione del ferro ha subito grandi cambiamenti nella tecnica e qualità.
Questo centro di ricerca conduce analisi archeologica e scientifica dei materiali di scavo per stabilire il siderurgico, la fusione, e le tecniche di forgiatura orientale per rivelare l'impatto del ferro sui cambiamenti sociali in tutta l'Asia.
Oltre alla ricerca archeologica di resti e manufatti, il centro conduce studi metallurgici e mineralogici, la ricerca umanistica in campi come l'etnologia e lo studio di documenti storici, la creazione di un nuovo approccio che integra la scienza e le discipline umanistiche.

 

Questo materiale archeologico studia la relativa sezione dall'antica Asia orientale per stabilire la diffusione della cultura di ferro.

La sezione si propone inoltre di chiarire il rapporto tra ferro e il cambiamento sociale in Asia orientale ed eventuali caratteristiche regionali della cultura ferro.

In futuro, il centro continuerà a indagare nella pianura di Chengdu in Sichuan , Cina (dove si produce anche un meraviglio pepe)

Ancient Ironware Production Technology Research Section

 

.....

I prodotti nati dalla bellezza della natura e la caratteristica del quartiere Chugoku (sabbia di ferro, carbone) idea di ingenui nativi e sforzi sia di chi è stato mescolato, sia di chi ha portato la tecnica di "Tatara".

La nascita della tecnica vanno a ritroso fino al momento del mito di Izumo (circa 2650 anni fa) "La spada di Amenomurakumo" che è stata inghiottita nella coda di un serpente di otto teste…

"Tatara" è la tecnologia per realizzare il ferro, in cui sabbia di ferro e carbone prodotto nel distretto di Chugoku sono messi in una fornace, vengono fusi soffiando con "un equilibrio d’aria".
In tempo feudale, la famosa spada giapponese è stata prodotta utilizzando questa tecnica, e anche in villaggi agricoli sono stati prodotti attrezzature agricoltura, con la medesima tecnica.

Lo spirito di "tatara" insieme con i fatti storici della "Tatara" è stato a lungo detto ai nostri discendenti e ancora vive insieme alla tecnologia di fusione.

 

....

da Origin and development of iron and steel technology in Japan
著者名: Iida, Ken'ichi

Kane ** è il termine generico per i cinque metalli, che sono oro, argento, rame, piombo e ferro. Essi sono indicate collettivamente come kane. Tra i cinque metalli, il ferro è considerato il tesoro supremo, seguito da rame e ulteriormente piombo.. poiché il ferro è poco costoso ma utile per vari scopi. La gente non può vivere un giorno senza di esso.

 

Baien quindi molto opportunamente ha sottolineato che il ferro era il tesoro più prezioso perché è stato ampiamente utilizzato da molte persone e la vita quotidiana non poteva farne a meno, nemmeno per un giorno.
Con il tempo Fukuzawa Yukichi (1835-1901), un erede a distanza di stirpe ideologica di Baien, ha scritto nella sua Isshin Minjo [sentimento rinfrescanti delle persone] (1879), "Iron è l'anima della civiltà e illuminazione", sembra che la base su cui trapiantare il sistema europeo, origini dalla produzione di massa del ferro cominciata in Giappone.

 

* I nomi di persone giapponesi qui sono scritte in modo tradizionale giapponese, con il nome di famiglia prima.
** Kane significa o metallo o denaro in giapponese, e lo stesso carattere, quando pronunciato kin, significa oro.

 

Come il dottor Smith ha giustamente sottolineato, quando lo strumento per l'osservazione e la misurazione chiamato microscopio è stato utilizzato per la ricerca sui metalli, la scienza dei metalli si è sviluppata in Europa più che in Asia.
In Giappone, invece, senza la conoscenza di tali teorie scientifiche o le leggi della fisica e della chimica, le tecniche per il trattamento termico dei metalli, che erano state stabilite in Europa, si trova una caratteristica unica di ferro e la tecnologia giapponese dell'acciaio, fino al periodo Edo, era, per così dire, la tecnologia come saggezza scesa in terra. La tecnologia tradizionale giapponese è stata sviluppata, o sublimata, al livello attuale di ferro e acciaio, e tale tecnologia è attualmente altamente provata e verificabile.

 

Negli ultimi anni, ho partecipato a indagini complete delle reliquie di produzione di ferro che sono ampiamente presenti in tali zone della ex provincia Shimousa (che comprendeva una parte della attuale Prefettura di Ibaraki) come Iwai, Yuki, e Mitsukaido così come in l'area Kashima di Ibaragi Prefettura, ben noto per Hitachi Fudoki, una descrizione dell'ottavo century delle sue caratteristiche naturali. Reliquie, alcune delle quali sono state anche esposte sul ciglio della strada, sono state raccolte in modo esaustivo, e sono ora in fase di esame interdisciplinare da esperti in scienze naturali, ingegneria e scienze umane. È interessante notare che queste reliquie di produzione di ferro erano talvolta accompagnati da un Kaizuka [shell-heap] o Jomon [paglia-corda] terracotta, suggerendo l'esistenza di attività culturali composite in luoghi che erano entrambi comodi per vivere e adatte per il lavoro produttivo (fusione del metallo).

I risultati di queste indagini sono la prova che il ferro aveva sostenuto la produzione agricola in tutta la pianura di Kanto, in particolare nelle province di Hitachi e Shimousa (che costituiscono l'attuale prefettura di Ibaraki).

 

Nel considerare la stretta relazione tra l'agricoltura e la produzione del ferro, non sarebbe ragionevole sospettare che, al contrario, la manodopera agricola aveva anche dato un contributo importante per il processo della produzione del ferro ?

Ferro-making tecnologia, sin dal suo inizio, ha coinvolto molti fattori suscettibili alle condizioni climatiche e ambientali, come materia prima (sabbia ferro o minerali di ferro), combustibili (carbone), il materiale del forno (argilla) e forza motrice per il soffietto a soffiare aria, e in questo senso è stato un limite come per l'agricoltura. Questo rimane sostanzialmente vero con la tecnologia dell'attuale siderurgia, come provato, per esempio, con l'uso di carbone o dei rifiuti di legno da Malayawata Steel Co., Ltd., in Malesia, e di gas naturale da Qatar Steel Co. , Ltd., in Medio Oriente, come agente riducente nel processo di fabbricazione dell'acciaio.
In Oriente (Cina) era presto per avere un lavoro classico tecnologico straordinario che ha sottolineato che nessuna tecnologia umana potrebbe imporsi senza condizioni climatiche e ambientali favorevoli. La seguente dichiarazione si trova in Kaokouchi [Pensando in arte], che si ritiene sia stato scritto in o intorno al 30 aC.

 

 

Il cielo ha il suo tempo, la Terra ha il suo temperamento, i materiali hanno la loro bellezza, e gli artigiani hanno le loro abilità.

Solo quando questi quattro elementi sono ben combinati, può essere ottenuto un buon prodotto.

 

"Il cielo ha il suo tempo", sottolinea l'importanza dei cambiamenti delle stagioni, o condizioni climatiche, e "la Terra ha il suo temperamento" riflette considerazione dell'autore di elementi ambientali, come mari, montagne e fiumi. La clausola successiva, in cui i "materiali" si spiega da sé, fa riferimento all'importanza di selezionare belli, buoni materiali. Infine, le competenze degli artigiani sono evidenziate, giungere ad una conclusione che la tecnologia può essere completa solo con il contributo di tutti questi elementi della natura, nel senso ampio del termine, come il clima, l'ambiente e dei materiali. Alla base di questa affermazione è una visione di produzione come un sistema globale in cui i quattro momenti del Cielo, la Terra, i materiali e le competenze sono combinati. Si parla di, per così dire, della "saggezza della tecnologia indigena."

 

Desidero qui fare una pausa e riflettere su due termini giapponesi, waza e Takumi, sia con riferimento a concetti che possono essere espressi in tali parole inglesi come abilità o tecnica.

 

Secondo il professor Shigeru Watanabe, mentre gi in gijutsu (tecnica, abilità, o la tecnologia) legge anche waza, * waza è la versione dalla voce di Wasa, e di conseguenza waza e Wasa sono praticamente sinonimi; Wasa a sua volta è una forma arcaica di wase (che significa comunemente riso con precoce maturazione) secondo dizionari di parole arcaiche, e wase significa più in generale precoci frutti di qualsiasi impianto, non solo il riso.

In Oriente (Cina) era presto per avere un lavoro classico tecnologico straordinario che ha sottolineato che nessuna tecnologia umano potrebbe imporsi senza condizioni climatiche e ambientali favorevoli. La seguente dichiarazione si trova in Kaokouchi [Pensando in arte], che si ritiene sia stato scritto in o intorno al 30 aC.

 

 

Si può facilmente dedurre da questo sfondo etimologico che waza e wase denotano piante costretti, e waza e Waze originariamente significava tecniche-forzatura. Professor Watanabe ulteriormente ha detto:

Waza, come tecnologia industriale, costituisce la base della produzione. Ogni opera umana comporta un proprio waza, che, quando altamente sviluppata, diventa la tecnologia di un settore individuale. In altre parole, da un buon waza l'individuo evolve un buon settore, mentre un waza immaturo invita al declino dell'industria che si basa su di esso.

 

C'è un'altra parola, Takumi, che come waza sembra derivare da un termine agricolo.

Come una parola arcaica che è stata tramandata di bocca in bocca nella vita quotidiana dei primi giapponesi; è usata per significare (campo di riso) o kumi-awaseru (matching). Secondo il professor Watanabe, mentre waza cui le tecniche di forzatura, takumimeant un sistema per decidere cosa piantare in quale combinazione di campi. Quindi, "le tecniche di riso precoce maturazione avrebbero sviluppato naturalmente in un sistema a due coltivazione di coltivazione del riso e grano." Essi inoltre implicavano un'idea tecnologica che "ha portato alla knowhow di coltivazione di piante e ortaggi alimento base nella loro combinazione ottimale."

Combinazione o corrispondenza è così importante che Takumi può anche essere interpretato nel senso di corrispondenza di "molti" (che è anche in giapponese).
* Ogni carattere cinese utilizzato iscritto Giapponese solito può essere letto in almeno due modi, uno derivante dal modo cinese di lettura del personaggio, come sembrava alle orecchie giapponesi, e l'altra derivante dalla parola giapponese indigena avente lo stesso significato quel particolare carattere cinese. Qui, il primo riguarda gi e la seconda per waza.

 

Non era solo una modifica quantitativa del modello demografico, ma il trasferimento al settore “ferro” facendo di una forza lavoro con un modo di pensare qualitativamente sofisticato, con una tecnica che si era evoluta nel corso di 300 anni del periodo Edo.

 

Mentre i tradizionali nobili di corte erano completamente privati del loro potere politico all'inizio della seconda metà del Medioevo e la famiglia guerriero Ashikaga unificato il Giappone sotto il suo dominio per ripristinare la pace di breve durata nel paese, il commercio con la Cina è stato riaperto e, dal XV secolo, la domanda aumentata gradualmente per spade e oreficerie, argento e bronzi come grandi elementi di esportazione dal Giappone. Sono stati organizzati mercanti e corporazioni di artigiani, che già hanno origine nel periodo Kamakura (XIII secolo) in un numero significativo e sia il commercio che l'industria si sono rapidamente sviluppate.

 

La Ristrutturazione era evidente nel campo della produzione del ferro, come altrove.

Professor Izuka Masayoshi, uno studioso di storia della civiltà tecnologica che ha scritto Sengoku non Hikari di Kage [La Luce e Ombra della guerra civile] (1975), ha proposto un concetto di "rivoluzione tecnologica nel Muromachi ", riferendosi alla proliferazione della produzione ristrutturata dei servizi in connessione con lo sviluppo di Kanna-nagashi (ferro sabbia isolato mediante l'uso di acqua corrente) e nel processo di estrazione di sabbia di ferro e nella concentrazione, takadono tatara (forni Tatara utilizzati in forma di fabbrica), e fuigo fukisashi (soffietti alternativi) e nella fase di fusione (metallurgica).

 

Secondo il professor Izuka, questa rivoluzione ", ha sviluppato e spinto due grandi settori a sfornare i bisogni fondamentali di vita, consumistici e produttivi." Come tale, il rinnovamento nel fare ferro era il frutto di "attività creative da parte di individui e gruppi" che hanno recuperato la loro "sovranità tecnologica."

 

Infatti, in ogni aspetto della tecnologia mineraria in Giappone, le basi per il suo sviluppo moderno è stato rapidamente deposto nella metà del XVI secolo.

 

Una delle tecniche di ossido-fusione del rame sviluppate in Giappone, in quei tempi era il Yamashita-Fuki.

È interessante notare che questo Yamashita-Fuki era una sorta di bessemerizing, come sottolinea Nakazawa Morito, autore di Hagane no Jidai [The Age Steel] (1964). Questa tecnica, sviluppata in Giappone, che era conosciuto anche in Europa come uno dei più grandi paesi produttori di rame in tutto il mondo durante il periodo Edo, influenzando le idee rivoluzionarie di Henry Bessemer (1813-1899), l'inglese famoso nel mondo per il suo converter-based steel-making process.

 

Ludwig Beck, che ha scritto un opus magnum sulla storia del ferro, Die Geschichte des Eisens in Technischer e Kulturgeschichtlicher Beziehung (5 testi, 1884-1903) ed ha assunto, nel suo primo volume, la metallurgia tradizionale del Giappone e ha dichiarato, in base alla sua conoscenza del giapponese, la tecnica del soffiaggio "tinners" attraverso i tempi (1669) by JA Mendels: i Giapponesi sono così abili come i cinesi nel “casting” di vasi metallici. Tinners (Kessenflicker) utilizzano un metodo notevole per mantenere il ferro fuso in uno stato fluido, cioè, vigorosamente soffiando aria da sopra con un soffietto. Parte del carbonio viene ossidato, come anche il ferro, in modo che il calore generato sia sufficiente a mantenere il ferro fuso. Questo metodo è interessante in quanto può anche essere considerato come un precursore al processo Bessemer, l'aggiornamento più importante nel processo di ferro-moderno.

 

Troviamo così la saggezza della tecnologia giapponese indigena che ha mantenuto in top-blow (convertitori di ossigeno), comunemente noti come convertitori LD, che svolgono un ruolo fondamentale nella produzione di acciaio anche oggi in Giappone.

 

Gli IronMakers nel secolo XVI in Giappone hanno sviluppato un proprio modo di estrarre e concentrare la sabbia di ferro con acqua, una risorsa naturale (o dono del Cielo), come qualcosa di simile a uno strumento. Con questa nuova tecnica nota come kanna-nagashi: l’acqua viene fatta a scorrere lungo un ripido pendio di montagna particolarmente a degradare su rocce granitiche erose contenenti sabbia di ferro in modo che il ferro e sabbia lavata siano depositati per gravità in uno stagno più in basso.

 

Era un metodo di concentrazione mediante il peso specifico della sabbia di ferro.

 

Per inciso, nel considerare il moderno sviluppo di questo processo tatara di fare “ferro da sabbia di ferro”, dobbiamo debitamente apprezzare l'importanza degli sviluppi a Tanegashima nella storia della iron sand metallurgy.

 

Almeno a Tanegashima, le tecnologie di ferro-making e di trasformazione si erano sviluppate già nel primo periodo Kamakura (XIII secolo). E la tecnica e la conoscenza era elevata a riprova il fatto che abbondante sabbia di ferro e molti resti di lavorazione del ferro si trovano a Tanegashima e nella vicina Yakushima illustra una verità storica.
Si racconta che a Tanegashima dopo l’arrivo di una nave che portò la tecnologia portoghese/europeo della ghisa e dei suoi prodotti (XVI secolo) da due pistole i fabbri giapponesi appresero la tecnica di realizzazione, e che questa si diffuse attraverso le spade in diverse province per il resto del paese, tra cui Sakai e Kunitomo, i successivi due maggiori centri di produzione in Giappone.

Le tecniche di forgiatura sono state notevolmente diversificate, stimolate dal know-how appena appreso a seguito dell’importato. (Al pari delle armi arrivate nell'isola e come per la tecniche di distribuzione che sono vividamente descritte nel Teppo-ki, scritto nel 1607).

Nel corso della storia umana.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

queste altre notizie da: The god(dess) of iron and tatara ironmaking traditions

 

(la traduzione è sempre "così così")

 

"Il Dio dei metalli è stato creduto per essere una donna, molto invidiosa, e nessuna donna era consentita in zona fornace. I lavoratori erano tutti gli uomini e le loro mogli non potevano indossare qualsiasi trucco durante il funzionamento in modo da non far incorrere la gelosia della dea. … La fornace è come la vagina in cui l'acciaio è dato alla vita.
(Ecco perché è dea piuttosto che il Dio che si prende cura dei metalli).

Il tipo di sabbia di ferro che è facilmente ridotto e mettere in forno all'inizio viene chiamato ' komori ' ferro sabbia 'infermiera' di significato ferro sabbia, che è utile in ogni modo nella produzione di acciaio da altri tipi di sabbia ferrosa. La parte migliore dell'acciaio prodotto è chiamata 'Tamahagane' e la sua qualità è al livello superiore del mondo e utilizzato per tali spigoli taglienti come spade giapponesi. La fornace è costruita dal terreno."
Per informazioni più complete vedere la home page di Tatara di Hitachi Metals Ltd.

Più è scritto circa la storia di tatara e Kanayago “patrona del ferro”:

"Tatara” fu probabilmente importato in Giappone dalla Corea in prefettura di Shimane, e visto che la regione di San'in è ricca di magnetite di titanio, un ingrediant necessario per la produzione di ferro, prese piede qui molto presto d' nella storia giapponese.
Nel lontano antico Giappone – specificamente 713AD, due anni dopo è stata completata la compilazione del Kojiki (originariamente ordinato da Imperatore Temmu), imperatrice Gemmei ordinò la compilazione dell'avvenimento.
Mentre il Kojiki è come un libro di storia (che ora considereremmo un libro di mitologia scintoista), l'avvenimento erano come un’enciclopedia, condotta in ogni provincia di cronaca di geografia, specie animali e vegetali, gli stili di vita delle persone e significativi eventi storici (molti dei quali si riferiscono a miti).

 

La maggior parte degli avvenimenti non esistono più, ma il Izumo-no-Kuni- rimane per lo più intatto. Pertanto, sappiamo molto di più sulla vita nell’ottavo secolo Izumo rispetto a qualsiasi altra parte del Giappone. Esso include molti particolari circa Tatara.

Perché abbiamo così tante informazioni sulla sua storia e perché era praticata nella provincia di Izumo per centinaia di anni, ci sono un certo numero di musei, “residenze familiari” di fabbri, scavi archeologici, rovine e musei della spada intorno alle città di Okuizumo, Yasugi e Unnan.
Okuizumo è conosciuto per questo perché la società per la conservazione d'arte delle spade giapponesi ha ricostruire un Tatara che si chiama Nittoho-Tatara e forgia spade utilizzando mezzi tradizionali una volta all'anno un modo. …

Non esiste un dio protettore di Tatara in quanto molti dei miti popolari locali dicono che lei è una dea.

Questa è Kanayago, che è venerata in tutto il Giappone per insegnare agli artigiani kami la fabbricazione del ferro. Avendo particolare influenza sul Giappone occidentale, voleva stabilirsi in montagna lì, così lei scese su un punto particolare nel Yasugi sudoccidentale …. dove un airone appollaiato su di un albero di katsura, fece una brevissima escursione su per la collina da Kanayago-jinja, il Santuario di capo di tutti i santuari di Kanayago."

Tuttavia, una delle migliori autorità in materia è Hitachi sito "La storia della tatara" che ci informa che una coppia, una coppia maschio e femmina di divinità legate alla linea reale di Yamato, denominato Kanayama-hiko-no-mikoto e Kanayama-hime-no-mikoto, ritualmente sono venerati presso il tatara:

"Kanayago-kami (divinità Kanayago) viene elevata a tatara nei Monti Chugoku. Mentre il principale santuario dedicato a questa divinità (il cui nome è scritto con caratteri che letteralmente significano "figlio del lavoratore metallo) si trova a Nishihida nella città di Yasugi, prefettura di Shimane. Devozione al Kanayago-kami è diffusa, centrato sulla regione del Chugoku, ma che si estende da Kyushu e parti di Shikoku a lontana regione di Kanto e parti di Tohoku.
Le divinità rituale celebrate attualmente non sono Kanayama-hiko--mikoto e Kanayama-hime-no-mikoto, con origini nella linea Yamato, ma originariamente era Kanayago-kami, più familiarmente chiamato "Kanayago-san" in tutta la regione. Culto di Kanayama-hiko e Kanayama-hime (maschio e femmina, rispettivamente) risale quasi certamente in anticipo ai tempi moderni. Ciò si crede che era finalizzato ad aumentare l'autorità dei santuari.

 

La storia di kami-Kanayago è come segue.

In un lontano passato, Kanayago-kami discese dai cieli un posto non chiamato Shiso--kori (contea di Shiso) nella provincia di Harima (nell'odierna prefettura di Hyogo meridionale, nel quartiere di San'yo). Ha insegnato alla gente di lì come fare il ferro e fece un bollitore di ferro fuori dalla roccia. Da allora, quel luogo è stato chiamato Iwanabe ("bollitore di roccia"), che è in prossimità della città di Chikusa, contea di Shiso, prefettura di Hyogo. Tuttavia, poichè non c’erano montagne vicine dove avrebbe potuto vivere, Kanayago-kami disse: "Se devo essere la divinità che governa la regione occidentale, procederò verso ovest e vivrò in un luogo adatto là."
Così dicendo salì su un airone bianco per viaggiare verso le montagne di Okuhida nel Kurota, nella contea di Nogi della provincia di Izumo (intorno a Nishihida nella prefettura di Shimane). L'airone si posò su di un albero di katsura per riposare, e Kanayago-kami lì restò, insegnado la tecnica della fabbricazione del ferro in quella regione per i membri del clan Abe.

Da allora, Kanayago-kami ha continuato ad essere adorata dai discendenti del clan Abe.
Il clan Abe stesso coinvolto non solo di riti sacerdotali, ma anche di istruire gli altri nelle tecniche tatara, viaggiando per altre terre.

 

Ci sono una varietà di curiosità e tabù associati Kanayago-kami.

Kanayago-kami odia i cani, edera e canapa. Lei favorisce il glicine.
Secondo la leggenda nella contea di Hino, prefettura di Tottori, un cane ululava in Kanayago-kami quando scendeva dal cielo. La divinità ha cercato di fuggire salendo una vite, ma il vitigno ha rotto. Lei è stata attaccata da un cane, poi ucciso. La versione della storia raccontata nella contea di I'ishi, prefettura di Shimane, che, piuttosto che di edera, rimase impigliata nella canapa o lino e morì. La leggenda nella contea di Nita, prefettura di Shimane, detiene l'edera ha infatti rotto che poi afferrò su un albero di glicine e fu salvata. Lei può essere una divinità, ma in questa storia umoristica, lei è un personaggio piuttosto umano. Tali leggende sono il motivo per cui i cani non sono ammessi vicino tatara e canapa non viene utilizzato per qualsiasi apparecchiatura o strumenti per la tatara. Inoltre, il legno di katsura (giudea) non viene bruciato nella tatara.

Kanayago-kami odia le donne.
Kanayago-kami è una divinità femminile, così lei odia le donne. Un murage non entrerà il tatara quando sua moglie è mestruata. Egli chiude giù suo tatara temporaneamente appena prima e dopo la moglie partorisce. Se il lavoro è a un punto che egli non può mettere da parte, si dice che egli non andare a casa né guardare il volto del suo bambino appena nato. Si dice anche che murage sono particolarmente severe di non rimettersi in un bagno, se una donna ha usato.

 

Kanayago-kami piace cadaveri.
I discepoli di Kanayago-kami non sapeva cosa fare con loro tatara quando lei morì così all'improvviso. Si dice che proprio come erano pregando e implorando il suo aiuto, proprio quando il ferro non poteva essere portato alla luce, ricevettero un oracolo chiedendo loro di “mettere” un corpo morto contro i quattro pilastri di sostegno di tatara (contea di Nita) o di legare le ossa di un Murage a quattro pilastri (il villaggio di YoshidaPrefettura di Shimane).
> (cremazione ??)
Hanno fatto apparentemente “bare in tatara”, quando una persona moriva in Aki o Yamagata nella prefettura di Hiroshima, mentre nella contea di Futami nel vecchio Bingo gente di provincia (intorno a Hiroshima oggi) trasportano una bara intorno il tatara quando si tiene un funerale.

In realtà, non è chiaro se Kanayago-kami è destinata ad essere una divinità maschile o femmina, ma nel tatara la divinità è stato detto di essere femminile.
Masaya Abe, un discendente del clan Abe e sommo sacerdote nel Santuario di Kanayago, scrive, "kami-Kanayago è generalmente ritenuta una divinità femminile. Tuttavia, questo è perché era una donna che lo ha sancito. La divinità era originariamente un uomo giovanile."

Dettagli su Kanayago-kami si presenta in varie storie, comprese quelle relative alle altre divinità quali Yawata-kami, Ama-no-hiboko, Takuso-susano-no-mikoto e Kanayama-hiko-no-mikoto.
In tutti i casi, kami-Kanayago era la divinità protettrice di Fabbri, adorata fin dall'inizio da persone coinvolte nella lavorazione dei metalli. Questi artigiani diffusero la devozione a Kanayago in molte località, e la forma attuale di tale culto fu probabilmente creata dal clan Abe.

Festival sono tenuti presso il Santuario di Kanayago-jinja in primavera intorno alla metà del terzo mese e in autunno all'inizio del decimo mese, le date viene determinate secondo il calendario zodiacale cinese. In passato, la festa della Kanayago Hida era un evento al quale tatara maestri e fabbri sarebbe venuto da province lontane, come pure da Izumo e la vicina provincia di Hoki."

Un'altra fonte autorevole, l'enciclopedia di Shinto si riferisce che la dea Kanayago è un kami di Kajishin, presso il centro di un culto ancestrale della Comunità fabbro:

"Un kami della metallurgia e della forgiatura metallo sancito da persone che lavorano in questi settori. In epoca premoderna, Fabbri (kaji) incluse sia quelle viventi vita sedentaria in città e coloro che, insieme a tatara-makers (tatarashi) e ruote in metallo (imoji), vuole unirsi a gruppi professionali iron-makes itineranti, chiamati kanaya che viaggiano da villaggio a villaggio.
In entrambi i casi, tali individui sono stati visti come aventi un carattere quasi-religioso dovuto la loro capacità di controllare il potere magico di ferro.

Tra queste persone, kami Kajishin era venerato come una divinità ancestrale professionale (sojin) che trasmette all'uomo le tecniche di estrazione e lavorazione ferro fusione sia come un nume tutelare del processo di produzione e lavorazione. Il cuore del culto di Kajishin non era la dea Kanayago kami.

Le origini di questo kami non sono chiare, ma secondo la engishō Kanayago, Kanayago no kami è stato la progenie dell'Unione della Kanayamabiko no mikoto e Kanayamahime no mikoto.
Secondo la storia leggendaria non correlata tramite la Kanayago kami saimon (non trovato nella Kayago kami hissho), Kanayago no kami prima disceso dalla pianura del cielo alto per il distretto di Shisō nella provincia di Harima. Arrampicata a cavalcioni di un airone bianco, Kanayago volò su una foresta di montagna nel distretto di Nogi nella provincia di Izumo, e ci ha trasmesso le tecniche segrete della fabbricazione di ferro a un uomo di nome Abe, che sarebbe poi diventato sacerdote (shinshoku) del Santuario Kanayago Jinja.

Il culto di Kanayago no kami si diffuse principalmente nella regione di Honshu Giappone e il santuario che kanayago Jinja nella città di Hirose (prefettura di Shimane) è considerata come importante santuario per il kami. Altri kami venerato come Kajishin includono un certo numero di divinità che compaiono nel Kojiki e Nihongi, tra cui il fabbro Amatsumara (Yamato no kanuchi Amatsumara), Ishikoridome e Amenomahitotsu no kami. Di questi, Amenomahitotsu compare nell'episodio sul Nihongi della discesa del celeste grandchild (tenson kōrin) nelle vesti di Kanadakumi e non appare anche nell'avvenimento di Harima con il nome simile Amanomahitotsu mikoto.

 

Il kami continua ad essere oggi venerata nel Santuario Amenomehitotsu Jinja nella città di Nishiwaki, prefettura di Hyōgo. Leggende locali per quanto riguarda il kami rimangono in questa zona, e si riferiscono generalmente che la divinità ha solo un occhio, il suo nome (ma-hitotsu = "un occhio"). A un certo punto, kami che Inari inoltre è venuto essere considerare come un nume tutelare della metallurgia, e alcuni locali continuano a celebrare la Inari sia Kanayago no kami durante il "Festival di mantice" (Fuigo matsuri) osservato il giorno 8 dell'undicesimo mese lunare."

 

 

Note:
Anche se la parola "tatara" dice di avere la sua origine in India, è più probabile avere un'origine nella regione Volga-Ural come identità tartara è sinonimo di un'identità turca (o turco-mongola), come non solo al fabbro e forgiare appartengono abilità leggendarie, la regione è tra i primi centri metallurgici del mondo ed è anche l'origine dei racconti ciclopi-orco One-Eyed "tartari". … In alternativa, gli arrivi di migranti fabbro in Giappone erano nomadi Saka provenienti dall'India settentrionale (Saka-stan, vi soggiornò dal Caucaso), nel qual caso, la tradizione orale delle origini della produzione-tatara può rivelarsi vero in parte.
Gli Ittiti si dice che sono stati i primi (o tra i primi) ferro-lavoratori e sia l'India che la regione di Volga-Ural erano noti per la presenza di popolazioni ittita, da cui potrebbero hanno imparato iron-making.dai Tartari.

 

Il racconto di un "snowy egret” (airone bianco ..) che trasportava Kanayago sul dorso e dalla provincia di Harima è volato ad un albero giapponese di Giuda nella foresta di Kuroda, Nishihida villaggio, Nogi County, provincia di Izumo" è probabilmente un riferimento eufemistico funebre per la morte del capo originale ancestrale, come gli uccelli erano spesso aiutanti del sacerdote sciamano nei loro viaggi in altro mondo in epoca preistorica.

 

La cultura tatara si dice che sia stata portata in Giappone da Kaya (lignaggi/discendenza), che dapprima si stabilirono nelle enclavi di Kibi(Okayama), provincia di Kawachi (Osaka), Takeuichi in Yamato, Ikenokami sito di Fukuoka. Si dice che sono arrivati in tali notevoli numeri inizialmente e che essi erano chiamati Imaki-kun, "ora arrivò Khan" (ima significato ora, ki, venendo e "kun" sinonimo con il titolo di "khan" utilizzato dai nomadi del continente Eurasia (il coreano affine era "han") – Fonte: Young Sik-Lee, ricerche recenti tendenze sulla storia di Kaya di Corea, Int giornale della storia di Corea, vol. 1 2000

 

** Kami non va inteso come "dio" nel senso comune del termine ... Kami è un "essere superiore" (nel senso più lato del ternine)

Share this post


Link to post
Share on other sites

questo invece da .... Expalnation of Blacksmith Divinity (e altre fonti citate)

 

 

 

Studi relativi “al fabbro” in Okinawa hanno adottato vari approcci, archeologici, storici, folkloristici e anche storie industriali e tecnologiche.
Poiché il ferro non viene prodotto in Okinawa, lo sviluppo delle tecniche di realizzazione e blacksmithing di acciaio rimasero indietro rispetto altre aree avanzate.

 

Sete di ferro e delle sue ricchezze può anche essere stata la fonte per le leggende di Okinawa per quanto riguarda l'avvento delle tecniche di “ferro e fabbro”.

 

Apparentemente, ciò appare desumibile, solo attraverso i racconti popolari di dove e come le abilità di lavorare l’acciaio e l'arte del fabbro passi da Okinawa.

 

Così sono necessari ulteriori progressi archeologici nello studio di questo problema.
D'altra parte, studi folkloristici precedenti hanno preso una vasta gamma di temi tra cui Yago (屋号)----occupazione e/o soprannomi domestici basati sulla localizzazione, che possono riferirsi ad una caratteristica fisica unica per i familiari, toponimi, festival annuali cerimoniale e gli eventi della Comunità, come Tatara Festival, canzoni tradizionali, ballate e leggende.
Tuttavia la disponibilità di una dettagliata descrizione delle divinità fabbro rimane limitata fino ad oggi.

 

A Okinawa, famiglie di ex-fabbro posseggono la maggior parte delle immagini "divinità fabbro".
Queste sono principalmente sotto forma di rotoli a sospensione. (tipo pergamena .. qualcuno sa come si chiamano ??)

 

Tuttavia, la descrizione delle immagini stesse rimangono scarse.
ad esempio, è il signor Koji Asaoka (朝岡康二) che si riferisce a Akaya (阿嘉屋), una delle famiglie fabbro, che una volta fiorirono nel Kumoji, Naha: originariamente, la famiglia di balcksmith Nareira (宮平) diresse "Famiglia Kanja (fabbro) Mindakari (新村渠)". Akaya, una famiglia di pittori di Corte, fino alla generazione del bisnonno, si è iscritto come Nareira a metà del periodo Meiji (quest'ultimo secolo XIX), per cui Akaya ha acquisito la tecnica blacksmithing per ristabilire la stessa come la famiglia del fabbro Akakaji (阿嘉鍛冶).
Anche se molti di questi rotoli appesi sono stati sparsi e persi, diverse famiglie di ex fabbro in Okinawa li conservano.
In breve, la divinità Kanayama-sama (金山様) è dipinta al centro, come Yokoza (横座) l'apprendista (below operator) si trova sulla sinistra, mentre Sente (先手) “assistente di mazza” e oscilla giù da destra.

Escludendo le differenze secondarie, la composizione base è stata condivisa in tutto il Giappone.

In particolare, tuttavia, le immagini di blacksmithing (stile giapponese di terraferma) sono completamente irrilevanti per le procedure di blacksmithing praticate ad Okinawa.


 

Fuchiyue (鞴祭: tatara festival) è rispettato dai fabbri di Okinawa come il segno distintivo di eventi annuali.

È comunemente celebrata l'8 novembre secondo il calendario lunare, in Giappone, mentre in Okinawa è celebrato, da alcuni, il 7 novembre, o per due giorni (novembre 6 ° e 7 °) o per tre giorni (7-9 novembre) da altri.
Durante Fuchiyue l'immagine della divinità della tatara è rispettosamente posta davanti al Tatara, come le mazze, titolari di ferro e altri attrezzi del fabbro sono messi come offerte.

Le Preghiere sono offerte a bandire il fuoco, incidenti e infortuni durante tutto l'anno.

Speciali piatti sono preparati e condivisi all'interno del quartiere. In alcuni casi le famiglie fabbro vanno a visitare e adorare Okuma Kanja-ya (奥間鍛冶屋), il fabbro leggendario prima sancito in Okinawa, proprio come Fabbri sull'isola di Miyako e poi a visitare Funadatedo (船立堂), the sacred praying spot for blacksmiths.


Secondo Asaoka, l'introduzione del tatara boxed dal continente Giappone, più specificamente Sakai, Osaka, riguardano, in particolare, l'allegato Fabbri Okinawan formatisi al loro festival del tatara.

Fuigo-cho (吹子町) il quartiere di produttori di “soffietti di Osaka” commercialmente avanzata si crede di avere fabbricato tatara boxed standardizzato per la distribuzione a livello nazionale.
Asaoka afferma che perché molte leggende di Okinawa di divinità fabbro parlano non solo di ferro e l'avvento di tecniche di siderurgia, ma anche dell'introduzione del tatara boxed, questo dimostra che tatara boxed erano accettati quali dispositivi tecnologicamente avanzati.

 

Festival tatara nell'arcipelago delle Ryukyu hanno mantenuto stili Ritualistici notevolmente diversi rispetto ad altri festival del villaggio, come Tanetori-sai (種取祭), semi-semina cerimonie e cerimonie di ringraziamento raccolto generoso (豊年祭).
Pertanto Asaoka osserva che Okinawa tatara Festival è nato sul continente e, una volta introdotto a Okinawa, si erano rapidamente diffuso in tutto il Ryukyus.

(Ref. Asaoka, Study of Ironware Culture in the Archipelago of the Ryukyus)

 

 

In zona di Tohoku del nord del Giappone, durante blacksmith self-support gatherings, Kanayama-ko, nicchie o tokonoma (床の間) sono stati ornati con "divinità fabbro" (hanging scroll/immagini).

 

Trovato in midwestern Chugoku, Giappone, invece, sarebbe la "Dea Kanayago" e storie pittoriche sul tema "la nascita della tecnica d'acciaio".
Durante il periodo Edo, le immagini volute e le storie pittoriche erano venerati dai lavoratori in acciaio tatara, fabbri e lavoratori di colata di tutto il Giappone, soprattutto nelle miniere di ferro.

 

Divinità fabbro nell'antico mito giapponese erano Hinokagutsuchino-kami (火之迦具土神), Kanayamahikonomikoto (金山毘古命/金山彦命), Kanayama-himegami (金山毘売神/金山姫命), Amenomahitotsukami (天目一箇神) e altro ancora.

Nel otherhand, Inarigami (稲荷神), originariamente un Dio di ricco raccolto, successivamente "alterato" per un Dio del fuoco, fino a diventare una divinità del fabbro.

 

Ciò è avvenuto, presumibilmente, attraverso il sacro rito del "Ohitaki" (御火焚) per un raccolto abbondante nelle zone di Kyoto e Kinki.

 

La parola "tatara" ha avuto origine in India, e significa forno-alto.

 

In Giappone, "tatara" appare nei nomi delle antiche Dee nel Kojiki (古事記) e Nihonsyoki (日本書紀) per esempio Seyatatara-hime (勢夜陀多良比売), Hototataraisusuki-himenomikoto (富登多多良伊須須岐比売命) o Himetataraisukiyori-hime (比売多多良伊須気余理比売).
Secondo il mito, Izanaminokami (伊邪那美神) aveva le parti intime (mihoto), scottate “come dopo un parto” (la consegna del bambino-seared as she delievered her baby) Hinokagutsuchino-kami e, successivamente, bandita agli inferi (黄泉).
Può ben essere in questa luce che la parola "hoto" appare spesso nei nomi delle antiche Dee.
Inoltre un modo di vento bambù kiro (木呂竹) viene inserito nel foro "hoto" per collegare il tatara per il bacino di un forno di fango, per cui si considera anche una correlazione tra "tatara" e le dee.

 

Il Santuario di Kanayago a Nishihida (西比田), città di Hirose (広瀬町), Nogi County (能義郡), prefettura di Shimane, è un affermato centro di culto per Kanayago, il Dio/dea di siderurgia e fabbri. Secondo le storie del suo avvento e l'origine del santuario (che risale al periodo Edo), un airone bianco (snowy egret) trasporta Kanayago sul dorso e dalla provincia di Harima è volato su un albero di Japanese Judas tree (albero di giuda - Cercis siliquastrum o giudea) nella foresta di Kuroda, Nishihida villaggio, Nogi County, provincia di Izumo.
Poiché Kanayago è stata venerata anche come dea amante bambino, i lavoratori della fornace (tatara/acciaio) in Kamisaibara Village (上斎原村), prefettura di Okayama Tomata County (苫田郡), ad esempio, sono noti perchè hanno mostrato loro fede in Kanayago (originariamente la divinità “tatara-acciaio” custode degli operai) di invitare i bambini nelle loro case ogni nuovo anno (1 ° gennaio ed il 3) per raccontare loro le vecchie favole e leggende.

(Rif. Akinori Maruyama, "dea Kanayago e bambini: Folklore da un villaggio Tatara")

 

 

Al contrario, l'odio di Kanayago delle donne adulte (che le mestruazioni e bambini nudi) era una fonte per il tabù contro il sangue mestruale (赤不浄) come simbolo di impurità.
Tuttavia è frequentemente osservato che l'impurità della morte, che è simboleggiato dal colore nero (黒不浄), è stato prontamente accettato o addirittura favorito in queste leggende.

 

Secondo una leggenda nella prefettura di Yamaguchi, “lui” viene rappresentato come una divinità fabbro con “un occhio solo” scappato da un cane che abbaia, salendo su un albero di mandarino.

 

Concentrazione intensa sul "loro forno" costò frequentemente agli operatori di tatara e acciaio la perdita di un occhio.
Il fatto ha creato la leggenda di divinità fabbro con un occhio solo che, a sua volta, sono considerati come è stata deviata a singolo-eyed Orchi della leggenda, oni (鬼).

 

È, presumibilmente, in questo contesto che toponimi come Onimura (鬼村) e Onigashiro (鬼ヶ城) spesso si trovano vicino alle miniere di ferro.

 

 

Immagini di Kanayago in gran parte sono suddivisi in tre stili seguenti:

 

A) una dea su una volpe
Una dea in un abito cinese, indossa una sciarpa lunga e sottile (領巾) cavalca una volpe bianca, con una spada in una mano e una pietra in altra. In altri casi, può avere un bastone magico, o indossare una corona gemmata e la armatura, con un sacchetto in mano. La volpe indossa un gioiello nella sua coda e a volte può avere una zappa nella sua bocca.

La Dea in abito cinese, che indossa la sciarpa lunga e sottile (領巾) e porta la spada e la gemma, assomiglia, in apparenza, Dakini (荼吉尼天), la divinità del raccolto. Tuttavia Dakini è riconosciuto come la forma originale del buddista (honji 本地) di Inari-gami in conformità con la filosofia di honji suijaku (本地垂迹) una teoria esponendo la corrispondenza dello Shintoismo e divinità buddista. Imaginably, Inari-gami e Dakini, sia di chi è venuto per essere accettato e adorato come divinità del fuoco e fabbro, avrebbe potuto essere confuso per essere rappresentati entrambi nella stessa scena.

 

B) una Dea e due accompagnatori (maschio e femmina)
Pricipalmente trovato appeso in immagini di scorrimento (rotoli), che raffigurano la storia dell'origine del Santuario di Kanayago o scene di siderurgia e fabbro. Spesso una donna con i capelli lunghi in kimono sacerdotale, frequenta una area sacra si trova vicino alla cima di una montagna e "santificati" con un set di corde di paglia (注連縄).

Una dama di corte in un hakama rosso e soprabito dovrebbe trovarsi sulla destra e un nobile sulla sinistra, entrambi possono essere in piedi o seduti, pronti a servire la dea. Una volpe bianca può accompagnare i due accompagnatori. Ai piedi della montagna, c'è il cortile di una smith con il tatara (soffietto a pedale). Vestita di Corte nobili e Fabbri (nel loro cappelli medievali, eboshi e grembiuli, hitatare) si sarebbero trovati faticosamente al lavoro.

 

C) Sampo-kojin (三宝荒神)
Una serie di "monocromatico" appesi rotoli in stampa, e distribuito dalla fine di Edo ai primi periodi Meiji, troverebbe la divinità Kanayago, seduta su un piedistallo di loto come Sampo-Kojin. Nel nord del Tohoku, Sampo-kojin come una figura in piedi è spesso dipinta su appeso scorre come una divinità fabbro. Composizione, Sampo-kojin, spesso eretta sul tatara boxed e con i fabbri che stanno lavorando sotto.

Oni, gli orchi, sono anche al lavoro nel cantiere di smith, invio di vento a tatara o martellando giù come Sente, l'assistente di martelli.

 

 

image1.jpg

Sampo-kojin
Okinawan Images of Blacksmith Divinity

 

 

I rotoli di quattro “divinità fabbro” che siamo stati in grado di visualizzare durante i nostri studi di campo nella zona di Yanbaru (山原), Okinawa settentrionale, erano fondamentalmente la stessa composizione, anche se essi differiscono nei dettagli.

Essi appartengono al tipo C, come già accennato, in cui la divinità fabbro è espressa come Sampo-kojin (三宝荒神).

Inoltre, le quattro immagini citate mostrano tre Oni (鬼), orchi, che stanno assistendo come Sente (先手), una donna in kimono, che è "operativo di tatara" come Hakozashi (箱差し) o Fuigozashi (鞴差し) e un uomo che indossa il cappello formale (烏帽子) e un grembiule (直垂), lavorando come Yokaza (横座).

 

Durante la forgiatura del ferro, si sarebbe trovato il tatara boxed in posizioni totalmente diverse nel continente Giappone, Okinawa e Cina. Almeno in quest'ultimo periodo medievale (il Kamakura e Muromachi ere) nel continente Giappone, si ritiene sia stata una pratica comune che Yokaza effettuava da solo, senza Fuigozashi, operaio il tatara.

D'altra parte, era una caratteristica Okinawa per avere Fuigozashi seduto dietro Yokaza a far funzionare il tatara boxed, e come Yokaza lavorava senza toccare il tatara.

Il primo lavoro che viene assegnato a un apprendista, nel cortile di un fabbro di Okinawa, fu Fuigozashi. Se così, anche se Meuchi (前打 cioè Sente) e Yokaza sono dipinte in diverse posizioni, le quattro pergamene appese non contraddicono con le pratiche di blacksmithing in Okinawa, perché essi raffigurano come Yokaza e Fuigozashi han giocato ruoli distinguibili gli uni dagli altri, come indicato da Asaoka .

La maggior parte dei rotoli visionati mostrano immagini dalle prefetture Iwate e Gifu (continente Giappone) dove sempre i ruoli tra Yokaza e Fuigozashi sono ben distinti.

 

Infine, Fuigozashi (operatore di tatara ) che sono nelle immagini di fabbro in appesi rotoli da Okinawa sono trovati raramente altrove. Come abbiamo discussso, la maggior parte delle immagini "divino fabbro" in Okinawa si pensa che siano copie degli originali (che presumibilmente sono venuti a Okinawa dal continente Giappone, o sono stati "tracciati", basandosi sulle informazioni che erano state passate di bocca in bocca.
Akakanja avrebbe fatto modelli di tali originali per molte divinità fabbro.

È, pertanto, non totalmente smentita che potrebbero aver apportato modifiche dei pittori in Okinawa.

 

Anche se le tre teste Sampo kojin-figura era raffigurata spesso come divinità fabbro, abbiamo visto che la divinità balcksmith di Okinawa è anche immaginata come una dea. È possibile assumere il ruolo influente che il mito della dea Kanayago dalla provincia di Izumo aveva durante la traversata sopra il mare di Okinawa. Abbiamo trovato un esempio in cui una Sampo-kojin-come fabbro divino è rappresentata da tre volti femminili mentre indossa l'abbigliamento femminile, mentre Sampo-kojin dovrebbe essere rappresentato da volti iracondi. Questa immagine era probabilmente adottata dai pittori locali per colmare il divario tra la fede del popolo e la diffusione delle immagini dipinte.

 

¿ Sono state fatte le immagini delle divinità fabbro che accompagnano il tatara quando sono stati introdotti su Okinawa dal continente Giappone, o le immagini eventualmente hanno preso rotte diverse ?

La domanda comporta ulteriori progressi in questi studi, come pure la scoperta di ulteriori immagini difabbro-divinità da Okinawa che sono state finora inediti.

 

La pratica diffusa dei Festival "di soffietti" è stata, presumibilmente, alimentata dagli ordini e dalle politiche emesse dal governo reale della Ryukyus, secondo Asaoka (ironware cultura del Giappone – comparativo Etnologia di Blacksmithing).

 

Fabbro divinità avrebbe potuto essere uno dei più significativi strumenti sia rituali che popolari per il Festival di soffietti.

Nel ventesimo anno del re Sho Shitsu (尚質: 1667), la dinastia della Ryukyus inizia "Stazionati fabbro System" (在村鍛冶制) amministrati da Ko shoken (向象賢).
Come Kaji-yaku (funzionari fabbro) assegnati a villaggi erano non-artigiani, il sistema è considerato dalla presenza di Akakanja e di altre famiglie di fabbro specializzato, così come quella del fabbro (廻村鍛冶), che doveva emergere più tardi.
Si presuppone che i ruoli di Kaji-yaku abbiano utilizzato i fabbri per la gestione del Festival soffietti e cantieri degli smiths.
(Rif. Asaoka, ferramenta cultura del Giappone – comparativo di Etnologia di Blacksmithing).

 

In Okinawa la divinità fabbro è adorata a molti uganju (luogo di preghiera).

Racconti di fabbro sono cantati in antiche ballate come "Fu Kajiyadi" e si crede che hanno portato avanti l'avvento dell'agricoltura con attrezzi agricoli di ferro, la divinità balcksmith è anche identificata con la divinità dell'agricoltura.

(Rif. Hiroaki Fukuchi, Okinawa Fabbri).

Secondo la leggenda il Kunigami Aji (capo 国頭按司 del villaggio di Kunigami), Kaniman (金万・金満), che era il secondo figlio di Okuma Ufuya(奥間大親, capo del villaggio di Jana nel trimestre Urasoe e un fratello più giovane del re Satto (察度王), credeva avrebbe fondato la famiglia di fabbri Okuma Kanja. Per aiutare Kanemaru (金丸), il futuro re Sho En (尚円), Okuma Kanja è stato detto di avere avuto il suo secondo figlio, autorizzato come Kunigami Aji. La presenza di Okuma Kanja continua fino ad oggi come l'antenato di tutti i fabbri di Okinawa. Avendo raggiunta la potenza attraverso consanguinei clan Monchu (門中) e i privilegi, come ad esempio esenzioni fiscali e notevoli ricchezze, ricevute attraverso tali legami, questa gloriosa storia di come un membro della famiglia è stato promosso a Kunigami Aji è considerato essere stato adatto per i discendenti dei Fabbri.
Inoltre, hanno collegato la leggenda di Okuma Kanja al mito della divinità agricola e l'avvento dell'agricoltura, attraverso il quale Kaniman fu, probabilmente, idealizzato e idolatrato come un grande antenato e fondatore di famiglie di fabbro.

 

Oggi, Kaniman Aji e sua moglie sono sanciti come fondatori del Uekaneshi Tunchi (上兼次殿内) o Kaniman Tunchi (金万殿内), in Kaneshi, Nakijin Village (今帰仁村), dove l'immagine della divinità fabbro è stato tradizionalmente riconosciuto come quella di Kaniman-sama.

Share this post


Link to post
Share on other sites

questo invece da .... Expalnation of Blacksmith Divinity

 

... sono nelle immagini di fabbro in appesi rotoli .....

 

una cosa riusciamo a definirla:

 

i citati "rotoli" appesi o arrotolati riguardanti manoscritti o disegni o raffigurazioni si chiamano machimono (orizz) e kakemono (vert.)

Edited by betadine

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piccola terminologia sulla TATARA

 

Le persone

Bango: Lavoratore che gestisce il mantice della Tatara;

Murague: Responsabile Tatara o direttore di produzione;

Sumisaken: Vice capo della Tatara;

Tatara shi: antico nome dell'operatore, possibile sinonimo di Murague.

 

I luoghi

Haganesukuti: Fonderia Tatara.

Honba: Luogo di estrazione o di preparazione della sabbia di ferro.

Tatara Ba: Luogo di produzione del ferro.

 

Nomenclatura varia

Canna Nagashi o Kannaji: purificazione di sabbia di ferro con l'acqua;

Keraoshi-ro: nome del forno Tatara quando produce acciaio;

Zukoshi-ro: nome del forno Tatara quando produce ghisa;

Kiro: condotto del vento tra i soffietti e il forno.

Masa: sabbia ferruginosa, utilizzato come minerale di ferro nella Tatara; anche chiamata Satetsu.

 

I prodotti

Kera: metallo prodotto da Tatara in una sola operazione.

Tipi di acciaio: Bukera, Kerazuku, Hagane, Haganesukuti, Tamahagane, Wahagane.

Oroshigane: Tipo di acciaio con minor tenore di carbonio del Tamahagane, ottenuto miscelando Tamahagane e Hotyotetsu.

Tetsu: ferro puro, ma anche un termine generico per una lega ferrosa;

Watetsu o Tetsu-a-Hagane: ferro e lega di carbonio, include il Tamahagane, Hotyotetsu e Zuku.

Wahagane e Wakou: acciaio giapponese prodotto da Tatara;

Wasen o Wazuku: prodotto di fusione

tratto da un articolo di Maurice Burteaux

 

Curiosità

Il Tamahagane è prodotto principalmente nella Prefettura di Shimane.

Attualmente pare esserci un solo apprendista fabbro (sworsmith) occidentale, un tale Pierre Nadeau, francese di origine canadese sposato con una giapponese di Nara, amico di Gassan Sadatoshi e Yoshihara Yoshindo e lavora come apprendista presso Kiyota Jirokunietsu.

Il precedente fabbro occidentale, tal Keith (Nobuhira) Austin è scomparso nel 1997 ed era riuscito ad ottenere la certificazione ufficiale che faceva di lui un fabbro agli occhi della tradizione giapponese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...