Vai al contenuto

Ricordiamo a tutti i soci che a fine mese verranno resettati gli status utente e seguiremo le nuove iscrizioni 2023.
Prego vedere QUI come rinnovare, grazie! Se doveste avere già rinnovato e il vostro status sul forum non dovesse essere ancora sistemato, avvisate l'admin Enrico Ferrarese.

betadine

Famosi Samurai

Messaggi consigliati

scusate come sempre per la traduzione (troppo spesso mi affido all'automatico) e stavolta ho anche ecceduto in alcuni commenti.


(buona lettura) ... e come buona norma insegna si comincia con le signore

 

gozen.jpg?resize=273%2C400


Tomoe Gozen
L'unica femmina in questo elenco, Tomoe è una delle pochissime donne che hanno calcato i campi di battaglia a fianco dei suoi omologhi maschili anche se il suo exploit e la storia sono ancora incerte.
In un racconto di Heike, Tomoe è descritta come una donna di squisita bellezza con carnagione chiara e lunghi capelli neri e come donna eccellente arciere e di spade che era "pronta a confrontarsi con un demone o un Dio."
Servendo sotto il Minamoto Yoshinaka, Tomoe era uno dei suoi migliori soldati e le sue abilità in battaglia sminuivano molte di quelle detenute dagli uomini più forti nella sua unità.
Di Lei si crede abbia combattuto e sia sopravvissuta alla guerra di Genpei, prima importante guerra tra clan di samurai e un luogo d'origine di molte storie popolari che sarebbero state associate al guerriero samurai nel corso degli anni.
Qui fu la battaglia di Awazu dove Tomoe ha preso anche la testa di un samurai rivale, un onore incredibile per qualsiasi samurai che sconfisse un guerriero avversario in combattimento.
Dopo la battaglia, Tomoe, si narra, si sia ritirata in un monastero, anche se si dice che sia diventata la moglie di un samurai chiamato Wada Yoshimori.

 

5150.jpg?resize=267%2C400

Minamoto Tametomo
Oggi i samurai sono leggendari per la loro abile scherma che è sinonimo di "Katana", e mentre erano davvero abili nell'arte del combattimento con la spada, i samurai che noi "figuriamo" oggi discendono da guerrieri che erano abili nella loro pratica di tiro con l'arco.
Trai tanti una menzione speciale va a Minamoto Tametomo.
Tametomo dice di aver avuto un braccio sinistro che era più lungo di suo dritto (a .. dritta ... si vira), e che poteva generare colpi molto più forti a causa dell'aumento della distanza (e tendere la corda oltre, di sei pollici, si narra). Questi colpi potenti sarebbe stati essenziali per Tametomo durante un conflitto tra il clan Minamoto e Taira clan, dove si narra che Tametomo abbia affondato una nave Taira, semplicemente scagliando una singola freccia sotto il galleggiamento dell'imbarcazione. (questa è difficile da credere.... )
Tametomo fece seppuku nel 1170 dopo esser catturato dai Taira che gli recisero i tendini nel braccio sinistro, rendendolo inutile per qualsiasi battaglia.
Alla fine, decise di togliersi la vita tramite seppuku, uno del primo samurai a farlo.

 

050620120.jpg?resize=550%2C412

Kusunoki Masashige
Masashige ha cominciato come proprietario di un terreno di un piccolo tempio e rispose alla richiesta dell'imperatore Go-Daigo, per fornire assistenza militare durante le guerre Nanbokucho. Iniziò con solo cinquecento uomini a suo seguito.
Masashige è più famoso per la sua imperitura devozione al suo imperatore, anche quando il "suo" imperatore fu mandato in esilio e restò fedele fino alla morte, avvenuta per mano di un compagno samurai e traditore, Ashikaga Takauji.
Ciò porterà alla battaglia con Takauji, mentre Kusunoki supplicava il suo signore di  astenersi da una battaglia diretta con lui, optando invece per la tattica di guerriglia. Go-Daigo respinto le preoccupazioni di sua Kusunoku, e nonostante la sua conoscenza che gli ordini dell'imperatore erano fondamentalmente una condanna a morte, "i Kusunoki" marciarono fino "un faccia a faccia" con Takauji e .. subirono una sconfitta imponente e, lui, fu costretto a commettere seppuku.
Dopo la sua morte, Masashige era visto come il precursore per imperitura lealtà di un samurai.  Dopo la caduta dello shogunato Tokugawa, durante la restaurazione Meiji, alla metà del secolo 19th, Kusunoki Masashige diventa un simbolo nazionale di lealtà e la sua immagine fu nuovamente utilizzata nella seconda guerra mondiale nei manifesti di propaganda per "sensibilizzare" i soldati alla lealtà verso l'imperatore.

 

ca.jpg?resize=264%2C400

Honda Tadakatsu
Vine narrato come uno dei generali appartenenti alla corte dei Quattro Re Celesti di Tokugawa, e veniva "titolato" con il "grandioso detto" (moniker) "Il Guerriero, che ha superato la morte".
Come un subordinato di Tokugawa, Tadakatsu era un veterano di oltre un centinaio di battaglie e mai una volta è stato battuto da un generale avversario in combattimento.
In combattimento Tadakatsu era abile nel brandire una lunga lancia, che è stata soprannominata una delle "Three Great Spears of Japan", e, nel 1584, con solo un piccolo esercito, nonostante l'inferiorità numerica all'esercito guidato dal generale Toyotomi Hideyoshi, sfidò l'esercito avversario per combattere... un atto che ha colpito così profondamente Hideyoshi, che fece schierare ulteriori truppe per la sicurezza di Tadakatsu e di tutti gli uomini che lo accompagnavano.
Tadakatsu servì valorosamente nella battaglia di Sekigahara, che conclude il polemico periodo Sengoku e inaugurava una nuova era di pace guidata da Tokugawa Ieyasu, che avrebbe continuato a costruire un unico shogunato del Giappone non molto tempo dopo questa vittoria.

 

date_masamune.jpg?resize=550%2C467

Date Masamune
Spietato era un termine utilizzato per descrivere molti samurai durante il periodo Sengoku, come fosse una qualità che era necessaria per alcuni daimyo se ambivano a governare il Giappone.
Date Masamune, si incarnò in questo concetto e la paura era presente in tutti coloro che hanno attraversato il suo percorso anche a causa della sua natura violenta e l'approccio sconsiderato in tempi di guerra.
Masamune è nato come figlio primogenito del Clan Data, rinomato per i servigi offerti con onore durante la guerra di Genpei.
Come tale, ci si aspettava che Masamune sarebbe riuscito, come suo padre, a divenire il reggente del Clan;  ma dopo aver perso la vista dell'occhio destro, a causa del vaiolo, fu ritenuto inadatto per prendere il controllo del Clan.
Dopo aver subito diverse sconfitte -come inesperto generale all'inizio della sua carriera, Masamune ha guadagnato il suo posto da leader e divenne ben presto uno degli uomini più temuti in tutto il Giappone.
Espandendosi ha cominciato una campagna per conquistare tutti i Clan vicino alle sue province. La famiglia Hatakeyama supplicò il padre di Masamune, e quando suo padre (Terimune) disse che non c'era nulla che poteva fare per controllare questo suo figlio selvaggio, la famiglia Hatakeyama rapì Terumune .  Questo portò a scatenare un infuriato esercito guidato da Masamune che, su ordine del padre, spazzò via tutti i suoi rapitori.  Masamune fece come gli era stato detto, liberando Terumune, e uccidendo tutti gli altri rapitori.
La reputazione brutale di Masamune si svilupperà da lì.... egli procedette brutalmente a torturare e uccidere le famiglie di tutti i rapitori di suo padre.
Masamune ha servito lealmente nelle campagne sfortunate di Hideyoshi in Corea e alla morte di Hideyoshi, divenne un fedele generale sotto Tokugawa Ieyasu.
Nonostante la nuvola di sospetto sempre appesa sopra la testa di Masamune, per quanto riguarda le sue vere intenzioni e la convinzione generalizzata che lo definiva brutale e senza cuore, Masamune ha saputo ammistrare e organizzare con successo "il suo territorio", sotto la supervisione dello shogun Tokugawa.
Masamune era noto per aprire le porte della sua provincia agli stranieri e ai missionari cristiani, in quanto era da sempre attirato e curioso della tecnologia straniera.
Iniziò un viaggio verso Roma per iniziare rapporti con il Papa, e la lunga navigazione percorsa con la sua nave, la Date Maru, divenne una parte del primo viaggio giapponese a vela intorno al mondo.

 

statue-of-ieyasu.jpg?resize=266%2C400

Tokugawa Ieyasu
In Giappone, c'era un modo di dire per quanto riguarda Oda Nobunaga, Toyotomi Hideyoshi e Tokugawa Ieyasu, in relazione ad una tradizionale torta di riso: "Nobunaga batte i grani del riso , Hideyoshi li impasta e alla fine Ieyasu si siede e mangia."
Tokugawa Ieyasu si erge come il samurai più famoso di tutti i tempi e l'unico tra i tre grandi unificatori del Giappone, gli altri sono Oda Nobunaga e Toyotomi Hideyoshi.
Tokugawa si crogiolava in tutti i suoi successi nonostante il fatto che egli non era il miglior tattico o leader.
Che cosa era Tokugawa ... era un uomo pragmatico che affrontato solo, nel senso comune, e ha preso rischi calcolati fino a mettersi nella posizione migliore per salire alla parte superiore della confezione.  Ha giocato sul campo del Giappone feudale come pezzi su un gioco e quando si trattava di capitalizzare le resistenze e le debolezze dei suoi contemporanei, non c'era nessuno meglio a questo modo di Ieyasu.
Dalla nascita di Ieyasu nel 1543, fu preso tra i pericoli della guerra, come stava accadendo al proprio Clan, il Matsudaira, avendo al fianco il clan Imagawa e contro quello di Oda.  A sei anni, Ieyasu quasi si trovò ad essere una vittima di questo conflitto.. venne rapito dal clan Oda stesso e alla fine si dovette alleare e compiere un atto di ostilità verso il padre e la sua fedeltà al clan Imagawa.  Con alterne vicende, tuttavia, un anno dopo il giovane Ieyasu fu salvato dal clan Imagawa e tornò a casa.
Ieyasu ha combattuto la sua prima battaglia per il clan Imagawa all'età di sedici anni, e a vent'anni, dopo la nomina dell'astuto Oda Nobunaga come capo del clan Oda, Ieyasu ha mostrato lampi della sua saggezza che in seguito sarebbe diventata famosa.
Negli anni seguenti, rafforzò il nucleo del suo potere circondandosi di generali forti e alleati, che ha ricompensato lasciado loro terreni conquistati insieme.
A seguito della morte di Oda Nobunaga e più tardi che di Toyotomi Hideyoshi, Ieyasu si trovava pronto a prendere il controllo del Giappone con il clan Toyotomi.   Uno dei pochi ostacoli che restano nel suo percorso è quello di "raccogliere" l'aiuto dei nemici del clan Toyotomi, impegnati in una grande battaglia con il clan Toyotomi. 
E' Sekigahara nel 1600, che è vista come una delle battaglie più importanti nella storia giapponese, che alla fine ha consentito a Ieyasu di giocarsi la sua affermazione come shogun solo pochi anni dopo.
La vittoria schiacciante di Tokugawa a Sekigahara inaugura una pace duratura per tutto il Giappone e nel 1603, fu finalmente incoronato shogun dall'imperatore Go-Yozei.
Già alla veneranda età di sessant'anni, Tokugawa durò come shogun per solo una manciata di anni, abdicando solo tre anni dopo la sua incoronazione dello shogun.
Come un ex shogun, Ieyasu aveva ancora una questione da risolvere: quella di Toyotomi Hideyori, figlio di Hideyoshi, che si ergeva come l'ultimo faro di ribellione contro lo shogunato Tokugawa.

Castello di Osaka.
Tokugawa ordina un assedio della zona guidato da suo figlio Hidetada, e dopo aver rifiutato un ordine per lasciarlo nel 1615, Ieyasu ordina a un esercito di 155.000 soldati di attaccare tutti quelli del castello..  in un assalto che ha ucciso Hideyori, tutta la sua famiglia e tutti i suoi sostenitori.
Con la scomparsa di Hideyori, la linea di sangue di Toyotomi era stata recisa, non lasciando alcuna ulteriore opposizione contro lo shogunato Tokugawa.
Ironicamente, lo shogunato Tokugawa che nacque dal periodo più violento nella storia giapponese ha portato in una nuova era di pace che durò per 250 anni ed efficacemente pose fine al "potere" dei samurai che si basava sulle controversie della guerra per rimanere rilevante.

 

hideyoshi2.jpg?resize=324%2C400

Toyotomi Hideyoshi
Nato come un contadino e soldato di basso rango, Hideyoshi non fu considerato degno del lignaggio di samurai e poiché la "stirpe di un samurai" giocò un ruolo integrante nella condizione di qualsiasi samurai tra i suoi coetanei, e sarebbe stato impossibile per lui diventar il leader innovativo e generale formidabile che divenne.
A Hideyoshi non sono stati assegnati incarichi di prestigio che furono dati a famiglie nobili di bloodline di samurai e la sua dignitosa carriera cominciò umilmente come «alto ufficio«, un sorta di segretario (sandal-bearer ... portatore di sandali -del suo superiore- una qualifica risalente al lontano Egitto) quindi dicevamo "portatore di sandalo" per Oda Nobunaga (nella parte inferiore della gerarchia del clan Oda), ma come Nobunaga ha dominato il campo di battaglia del Giappone feudale e si applicò per diventare il feroce signore della guerra del Giappone.
Hideyoshi recideva la sua origine-stirpe contadina e divenne un magnifico generale sotto Nobunaga.
Dopo l'assassinio di Nobunaga, il potere di Hideyoshi all'interno del clan Oda ha continuato a crescere fino a quando assunse il controllo del Clan su sconfiggendo proprio un clan avversario nella battaglia di Shizugatake.
Da questo momento Hideyoshi avrebbe solo continuato a prosperare e da qui in poi ricoprire il ruolo di "leader forte".
Hideyoshi costruì il poderoso castello di Osaka, una struttura che si trova ancora oggi come uno dei simboli più riconoscibili del Giappone.
Ironicamente, il castello di Osaka.  A seguito dell'uccisione di Hideyori di Tokugawa, si pose fine alla linea di Toyotomi.
Insieme al castello di Osaka, Hideyoshi mise in mano a molte leggi innovative per cercare di fermare la ribellione contro il suo regime e portare ad un'organizzazione che in Giappone mancava.
Nel tentativo di creare una chiara gerarchia sociale, Hideyoshi vieta ai contadini di prendere le armi e nel 1588 con l'editto di separazione (gerarchia sociale) e della confisca delle armi, procede a un'imponente "caccia alla spada".
Le armi che ha sottratto si era promesso di farle fondere per una statua gigante del Buddha, mentre di fatto egli armò semplicemente le sue truppe con le armi "che rubò".
Sia l'editto di separazione e la caccia alla spada pose fine alla ribellione, sotto la sua guida gli umili contadini non avevano più mezzi per armarsi, unita, come poco dopo fece, vietando ai samurai di vivere con la popolazione dei distretti e di partecipare in occupazioni quali l'agricoltura o la negoziazione, portò a una ulteriore linea di demarcazione tra la classe dei samurai e quella dei contadini.
Negli anni finali di Hideyoshi, vide la gloria della sua eredità sfumare alcune con due invasioni molto audaci (alla fine infruttuose) della Corea, lasciando però il suo regime indebolito e con molti contrasti interni.
Solo un anno prima della sua morte, Hashiba fece una delle sue dichiarazioni da leader che cercò di sopprimere il cristianesimo in Giappone, ordinando l'esecuzione di ventisei cristiani, per scoraggiare i cittadini giapponesi che pensavano a convertirsi al cristianesimo.

 

takeda_shingen_versus_uesugi_kenshin_sta

Takeda Shingen
Durante il periodo Sengoku nel Giappone feudale, la campagna era piena di incessanti lotte che hanno caratterizzato il periodo più violento durante l'epoca dei samurai.
Con la guerre costante che paralizzato o completamente distrutto interi clan che gareggiavano per il potere, il clan Takeda, guidato da Takeda Shingen, era una delle poche costanti che spiccava su un paesaggio dominato da personaggi del calibro di Oda Nobunaga e Tokugawa Ieyasu.
Takeda era un veterano delle "campagne" (più di quaranta... e parliamo di scontri non di agricoltura), tra cui cinque battaglie di Kawanakajima e durante la quarta battaglia, fu appellato come il più sanguinoso samurai che mai si fosse visto.
Di tutti i clan in Giappone, il clan Takeda poteva vantare una potenza militare ed era di gran lunga il più potente di tutti i clan, ancor più dell'alleanza Oda-Tokugawa.  Shingen era in grado di ripristinare la potenza del suo esercito dovuta in gran parte per la prodezza di "Ventiquattrogenerali" di Shingen, dove spesso prevalsero le abilità di Shingen sul campo di battaglia.
È opinione diffusa che con la sua superiore potenza militare, Shingen era l'unico daimyo che avesse la possibilità di stare contro la superpotenza Oda Nobunaga nel suo tentativo di conquistare il Giappone, tuttavia, scelse di concentrare i suoi sforzi su ulteriori problemi locali delle province sotto il suo controllo.   Shingen è anche accreditato di essere uno dei primi signori della guerra ad integrare ampiamente le armi da fuoco tra i suoi soldati.
Come lui credeva che queste nuove meraviglie della tecnologia di guerra alla fine avrebbero reso archi e frecce obsoleti. (lungimirante....)
Per coincidenza pare che Shingen fu ucciso da un colpo.

.. come avrete notato non sono inseriti in ordine cronologico e questo l'ho lasciato per ultimo ..
perchè ... perchè sarebbe un ottimo premier per una europa unita (sic) si si lo so, sarebbe stato meglio scrivere: uomo di grande valore..

un grande uomo.
Oda Nobunaga

 

oda_nobunaga-portrait_by_giovanni_nicola

Durante il picco della presenza di samurai nel Giappone, nessun samurai era più forte o più furbo di Oda Nobunaga.  Il suo nome è uno dei più riconoscibili nella storia giapponese e non è senza ragione.

Dopo una guerra lunga e costosa che ha visto il daimyo preminente in Giappone – Takeda Shingen e Uesugi Kenshin – notevolmente indebolito, in molti clan scoppiò in guerra con la speranza di riempire il vuoto di potere lasciato da loro, anche se nessuno di loro aveva il potere sufficiente per rischiare di marciare sulla capitale per prendere il trono.
Nel 1560, quando Imagawa Yoshimoto della provincia di Suruga infine tentò di prendere la capitale di Kyoto, tutto ciò che si trovava sul suo cammino divenne una semplice conquista, dalla provincia di Owari e il poco tempo divenne il daimyo la governava, Oda Nobunaga.
Imagawa marciò con un esercito di venticinquemila uomini, in inferiorità numerica per le piccole forze di Nobunaga: otto a uno.
Durante un temporale che ha costretto le truppe di Imagawa a rifugiarsi, Nobunaga impose alle sue truppe di avvinarsi, in attesa di..  appena cessarono le piogge, lanciò un attacco rapido che Imagawa e il suo esercito intero rimasero storditi.  Prima che egli potesse ancora realizzare quello che stava accadendo, Imagawa fu ucciso, e Nobunaga aveva completato la vittoria più improbabile nella storia giapponese.
Dal suo successo nella sua battaglia con Imagawa, Nobunaga, con l'alleanza con Toyotomi Hideyoshi e Tokugawa Ieyasu, inizia la costruzione di una fondazione che avrebbe portato all'unità del Giappone e secoli di pace sotto lo shogunato Tokugawa.
L'ascesa di Nobunaga, da un daimyo umile a un inarrestabile generale, è dovuta alla rivoluzione che ha portato nel campo di battaglia, che lo vide portare in vita un sistema di classe basato sul merito (già allora l'avevano capito....sic) che ha visto guerrieri designati a ruoli specifici basati su capacità e abilità, piuttosto che eredità. (!!!!!)
Soprattutto, però, è stata l'adozione di Nobunaga delle armi da fuoco e la sua geniale creazione della tattica "volley rotante" che garantiva alle sue truppe di scatenare una raffica interminabile di spari: - come la truppa di uomini armati che si trovava sempre in riserva, pronta ad attaccare e scatenare l'inferno quando la prima truppa era costretta a ricaricare.
Oltre ad essere un magnifico generale, Nobunaga fu un leader gentile che portava il suo intelletto al campo di affari e politica.
Ha ricostruito un'economia basata esclusivamente sull'agricoltura;  ha operato come fosse un mercato libero e più focalizzato sulla produzione di beni e servizi, ed ha espanso il commercio internazionale,  durante il suo regno, a paesi in Asia sud-orientale così come Europa.
Per semplificare la sua economia in crescita, Nobunaga commissionò la costruzione di strade che collegavano le città sotto il suo controllo, che per inciso ha aiutato non solo con il trading, ma anche nel trasporto dei suoi eserciti massicci in tutta la sua terra.
Nonostante tutti i successi di Nobunaga e la sua presenza dominante sul campo di battaglia, non è mai stato in grado di raggiungere la posizione di shogun che tanti credevano dover essere destinata a lui.
Nel 1582, mentre lounging in un tempio con solo un piccolo entourage di "scorta", uno dei generali di Nobunaga, Akechi Mitsuhide, ordinò al suo esercito di attaccare la roccaforte di Nobunaga in un atto di tradimento.
Con Nobunaga restò circondato e intrappolato all'interno del suo tempio che nel frattempo era stato dato alle fiamme.  Si ritirò dal combattimento, dove le sue poche truppe furono massacrate e non gli restò che il seppuku.
La morte di Nobunaga meritava giustizia.
Toyotomi Hideyashi intercettata Akechi Mitsuhide e lo vendica nella battaglia di Yamazaki.

Insieme a Tokugawa Ieyasu, i progressi compiuti dalla Nobunaga non sarebbero andati persi.... il quadro dei contributi di Nobunaga per il paese per creare le basi di quello che sarebbe lo shogunato finale per governare il Giappone....




. . . . il decimo samurai sarà Musashi, ma a lui dedicherò uno spazio a se.



grazie per l'attenzione e per chi ha avuto la pazienza di leggere (special tank's Tanner Brooks)
 




p.s. non è cambiato nulla di sostanziale ...


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Betadine per aver creato questa discussione! Almeno potrò farmi un'idea sui nomi dei vari samurai e poi cercavo proprio informazioni di Tomoe Gozen e Oda Nobunaga :laugh:.

Mi raccomando quando arriverai a parlare dei samurai dell' '800, non ti dimenticare di un'altra famosa onna-bugeisha ovvero, Nakano Takeko.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bel articolo, interessante sapere qualcosa su i vari Samurai...


HAqDe6c.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:arigatou: (è un piacere condividere) ..... qua intando alcune immagini delle onna-bugeisha

Tomoe Gozen

 

640px-Tomoe_Gozen.jpg

 

800px-Y%C5%8Dsh%C5%AB_Chikanobu_Tomoe_Go

 

 

Tomoe era particolarmente bella, con la pelle bianca, capelli lunghi e le caratteristiche affascinanti.
Era anche un forte arciere e come spadaccina che era un guerriero degno di mille, pronta ad affrontare un demone o un dio, a cavallo o a piedi. Ha gestito i cavalli ininterrotte con abilità superba; ha guidato indenne in discese pericolose. Ogni volta che una battaglia era imminente, Yoshinaka l'ha inviata come suo primo capitano.. lei con di una forte armatura, una spada di grandi dimensioni e un arco possente . . . e ha dimostrato alto valore su tutti i suoi altri guerrieri.

Questo è tratto da un bellissimo romanzo storico (epico): The Tale of the Heike

 

e ... qualcosa avevo già pronto)

Nakano Takeko

 

qiu-jin.jpg 00017013.jpg femalewarrior.jpg tumblr_mi32aq5CfJ1qbwvhpo1_500.jpg

 

La storia della Guerra Boshin (1868-1869), a prima vista, si presenta come una guerra che ha coinvolto solo gli uomini della casta dei samurai.

Questo è, naturalmente, una semplificazione eccessiva.

La guerra ha rovinato la vita di molti contadini e commercianti e tra i combattenti non c'erano solo gli uomini ma anche le donne.

Una di loro, particolarmente rinomato in Aizu, era Nakano Takeko (1847-1868), figlia di un servitore Aizu, artista marziale abile e addestrata in una varietà di armi .... morta con una naginata in mano, colpita da colpo di arma da fuoco.

Nakano Takeko nacque a Edo nel 1847. e anche se era "da Aizu" (per dominio di appartenenza del padre) per la maggior parte della sua vita ha vissuto a Edo. Suo padre era un servotire di Heinai midran-king, sua madre Kou era figlia di un samurai di Ashikaga, un dominio a nord di quello che è ora di Tokyo. Takeko era un prodigio nelle arti letterarie e marziali e si formò con una varietà di istruttori in Edo. La sua "certificazione" (menkyo) era in Hasso-Shoken, un ramo di maggiore tradizione Itto-ryu.

Con questo riconoscimento ufficiale della sua abilità, Takeko ha trovato occupazione presso la tenuta di Lord Itakura di Niwase (un dominio minore nella moderna Okayama Prefettura). Ha insegnato naginata alla moglie del signore e servì come sua segretaria. Ha lasciato questa posizione nel 1863, quando fu "adottata" dal suo insegnante di un tempo Akaoka Daisuke, che trasferito a Osaka per lavoro per il dominio Aizu e che aveva forze schierate a Kyoto per compiti di sicurezza.

Takeko ha insegnato naginata in Aizu durante i mesi primaverili ed estivi del 1868 e in autunno e si unì nel combattimento durante l'invasione dell'esercito imperiale di territorio Aizu. Lei, la madre, e la sorella Yuko si unirono ad un gruppo di circa 20 altre donne in combattimento e provarono anche ad unirsi in un gruppo comandanto da Kayano Gonbei di rompere l'assedio in Aiku. Fu durante questo che Takeko è stata uccisa nella battaglia di Ruibashi.

Anche se il gruppo di donne non è stato ufficialmente organizzato come unità, è stato post-facto designato il "Aizu Joshitai," o "unità di Aizu donne".

Colpita a morte si fece decapitare dalla sorella Yuko, per non lasciare il "suo trofeo" in mano al nemico e la testa fu portata via e sepota sotto un albero di un vicino tempio (l'ancora esistente Hokai-ji) per la sepoltura.

La sua tomba è ancora esistente, e una statua più tardi di Takeko, in piedi con naginata in mano, rimane lì oggi.

La sua poesia di morte, legata al manico della sua naginata, era questa:

Mononofu no

Tateki kokoro ni kurabureba

Kazu Nimo iranu

wagami nagaramo

(che più meno recita così ....... ma qua bisognerebbe sentire qualcuno ne sa molto meglio di me)

Rispetto al rango
di aitanti cuori guerrieri
non posso entrare nel loro numero
per questo mio corpo

 

e per concludere il breve panorama sulle onna

Jingu-Kogo conosciuta come imperatrice Jingū (神功天皇Jingu-tenno) ...

ma questo meriterà una analisi a parte considerato che ancora oggi in Giappone è aperta una accesa discussione su chi sia stata veramenta la prima Imperatrice ... Kitabatake Chikafusa (1293-1354) e Arai Hakuseki (1657-1725) hanno sostenuto che lei era in realtà Himiko (una sciamano-regina di Yamataikoku (III secolo), e, perché Himiko era una figura storica, doveva essere inclusa come un membro della famiglia imperiale del autori Nihongi. Invece tra gli studiosi moderni, Naito Torajiro stima che lei è Yamatohime-no-Mikoto, mentre Higo Kazuo suggerisce che lei è Yamato-totohimomoso-hime.

Jingū-Tenno è stata una imperatrice giapponese che governò dal all'anno 201, dal momento della morte di suo marito (consorte di Chūai) fino al figlio dell'imperatore Ojin che salì al trono nel 269.

Anche se sulla sua figura si sovrappongono storie e leggende, la vita di questa sovrana rimane sconosciuta.

La sua tomba (kofun) può essere visitata oggi a Misasagi-Cho in Nara.

Questo Kofun (sono delle antiche sepolture presenti in Giappone, tipicamente sotto forma di tumuli) è caratterizzato da un'isola a forma di buco della serratura si trova all'interno un ampio fossato pieno d'acqua.

 

EmpressJinguInKorea.jpg


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

All'elenco aggiungerei Yoshitsune, il samurai perfetto.

"Minamoto no Yoshitsune (1159-1189) rappresenta nel mondo dei samurai, una delle figure di riferimento, insieme ad altre come Yamato Takeru e più avanti Kusunoki Masashige, ai quali generazioni di bushi guardarono come esempio delle vere virtù del guerriero. La sua vita, passata dalle glorie delle battaglie alla tragica fine , fecero di lui la classica figura del prode costrettto dal destino alla sconfitta e proprio per qusto portato sugli altari dell'olimpo degli eroi nipponico che ha sempre amato chi, pur uscendo sconfitto, merita la stima e il rispetto per i suoi alti ideali, per il coraggio e le virtù. Lo stesso termine, con il quale si alluse alla compassione per Yoshitsune caduto in disgrazia, la parola Hòganbiiki (letterlamente "solidarietà con il tenente", dal grado di tenente comandante della polizia imperiale, qualifica che fu conferita all'eroico generale ala fine della Guerra del Genpei), ancora oggi indentifica la tradizionale solidarietà per lo sconfitto." (fonte Storia dei samurai e del bujutsu du Roberto Granati.

Yoshitsune era il fratello minore del primo shogun, Minamoto Yoritomo, e ottenne tre grandi vittorie durante la guerra del Genpei. Nel 1184 a Ichinotami condusse un attacco a sorpresa sul retro della fortezza di Ichinotami guidando i suoi cavalieri lungo una ripida scarpata. Nello stesso anno trionfò nuovamente a Yashima contro i Taira, anche se questi riuscirono a scappare salpando sulle loro navi. L'anno seguente li sbaraglò definitivamente nella battaglia di Dan no Ura, quella durante il quale il mare si tinse di rosso per il sangue dei trucidati. Di Yoshitsune si deve ammirare la virtù guerriera e la fedeltà che dimostrò verso suo fratello. (fonte Stephen Turnbull).

 

Mia piccola bibliografia in italiano:

SAMURAI di Leonardo Vittorio Arena

STORIA DEI SAMURAI E DEL BUJUTSU di Roberto Granati

I GUERRIERI SAMURAI di Stephen Turnbull

LE ARMI DEI SAMURAI di Marco Quadri

SAMURAI IL MANUALE NON AUTORIZZATO DEL GIOVANE GUERRIERO di Stephen Turnbull

 

Ampia documentazione su Yoshitsune si trova anche nell'Heike Monogatari e nel Gempei Seisuki (non sò se si trovano le traduzioni in inglese).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. ma certo PelleGF, ben vengano citazioni e racconti di altri samurai ... questa "casa" è aperta (ci mencherebbe altro, mica è casa mia.)

Anzi più notizie mettete .. più "qualcuno" (come me) amplia le sue conoscenze... e il post diventerà sempre più interessante.

 

Da parte mia, considerata la scarsissima conoscenza sull'argomento, ho voluto privilegiare, come già detto, alcuni "signori" con caratteristiche particolari.. (o che almeno a me appaiono così) .. donne innanzitutto, arcieri e non spadaccini e, sopratutto, "politici" nel pensiero e nelle azioni ... "aprendo o chiudendo porte" ad altre religioni (ad esempio) o battendosi per modificare uno status culturale e sociale e di conseguenza innovatori del pensiero nella società giapponese ... piantando semi per la "nuova terra": Il Giappone.

(e questo senza voler sminuire le capacità del singolo o le sue eroiche gesta.... e sempre "nel rispetto" della mia scarsa conoscenza dell'argomento.)

 

 

p.s. infatti Musashi avrà un capitolo a parte, in quanto per me lui (considerato da molti il più grande spadaccino giapponese della storia) rapprensenta "solo" quello che ha cercato e sognato di percorrere “la via del samurai”, intraprendendo un lungo e solitario addestramento, molto finalizzato ad un personale "scopo" da condividere solo in tarda età sotto forma di un saggio (forse un pò troppo ispirato).

- ovviamente questa è solo la mia chiave di lettura - (ci mancherebbe altro..)

p.s.2 tanto per .... buona parte dei miei post sono frutto di una ricerca fatta diversi anni fa, quando per motivi di lavoro "fui costretto" ad approfonddire alcuni caratteri e caratteristiche sul Giappone e sulla cultura giapponese ... sarei andato da li a poco a lavorare a Kobe e per far una casa ad un giapponese dovevo di certo capirne qualcosa in più, visto che la mia basica conoscenza passava per una passione legata "solo" all'aspetto "marziale e filosofico" delle arti marziali in genere.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Interessante Pellegf...quali dai libri da te citati mi consiglieresti? A parte quello di Quadri che ho già. Diciamo quale hai trovato più completo ed interessante?


Diego T.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ne sta venendo fuori un buon articolo, non dimentichiamoci di citare le fonti.

Possono essere d'interesse per altri e fonte di studio.


"accorciati la firma". Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

direi questo: STORIA DEI SAMURAI E DEL BUJUTSU di Roberto Granati, non solo tratta adeguatamente tutti i periodi storici del Giappone, si sofferma anche sui personaggi più significativi

approfondendone non solo le gesta ma cerca di spiegarne la personalità,

contestualizza bene gli avvenimenti ed illustra lo sviluppo socio politico del Giappone.

Uno spunto interessante degno di esserre sottolineato si trova nell'indice del libro,

dove descrive così gli unificatori del Giappone:

Oda Nobunaga, colui che raccolse il riso,

Toyotomi Hideyoshi, colui che fece l'impasto,

Tokugawa Ieyasu, chi si mangiò la torta.

 

Gianfranco.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille Gianfranco lo farò sicuramente mio!


Diego T.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tomoe Gozen, era la concubina di Kiyo Yoshinaka. Questa (identica) ukiyo-e l'ho acquistata a Londra nel 1990

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"solo due cose stanno sopra a Tokugawa Ieyasu: il suo kabuto ed Honda Tadakatsu" (detto giapponese).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

, non dimentichiamoci di citare le fonti.

 

( Tanner Brook l'avevo scritto, Ellis Amdur per l'ampliamentio )


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bell'articolo....

 

tempo fa avevamo fatto diverse discussioni ognuna dedicata a un famoso personaggio, hanno tutte la scritta [EROI] nel titolo quindi se cerchi le trovi tutte.

Purtroppo sono un pò vecchie e si sono rovinate nelle immagini e nel testo, sarebbero un pò da rimettere a posto.

 

Molti dei personaggi che hai messo qui comunque non ci sono, quindi potremmo pensare di riorganizzare un pò la cosa....

 

 

Su Musashi ci sono diverse discussioni, leggile prima di scrivere un nuovo articolo, perchè mi sa che anche li c'è un pò di ordine da rimettere a posto.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:arigatou: (gli aspetti comportamentali o altro sono stati spostati ne : Il Samurai e la sua formazione)

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"solo due cose stanno sopra a Tokugawa Ieyasu: il suo kabuto ed Honda Tadakatsu" (detto giapponese).

 

Sta in copertina al nostro bollettino 2014 .... :fico:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante