Vai al contenuto
benkei

Leggi E Regolamenti In Campo Di Uso, Detenzione E Acquisto

Messaggi consigliati

Nel caso di armi non c'è bisogno di un'ordinanza firmata da un giudiuce...


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

faccio una domanda un po strana:

 

se dovessi trasportare uno shinken dall'italia al giappone causa battodo visto che pretendendere di farsene prestare uno sul posto lo trovo parecchio scortese come dovrei fare?

naturalmente se la cosa è possibile....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
faccio una domanda un po strana:

 

se dovessi trasportare uno shinken dall'italia al giappone causa battodo visto che pretendendere di farsene prestare uno sul posto lo trovo parecchio scortese come dovrei fare?

naturalmente se la cosa è possibile....

 

 

L'anno scorso andando in Giappone con un gruppo di 10 persone ero l'unico che non ha portato lo iaito perchè non pratico (ora). Gli altri dovevano fare allenamento con un maestro. Non abbiamo avuto problemi, se non qualche discussione in un aeroporto, ma non sapendo l'inglese non ho capito bene il livello di difficoltà avute.

ma tutto si è risolto velocemente e tranquillamente.

 

Gianfranco :hiya:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

le dichiarazioni non sono mai state lassiste ma dettate unicamente dall esperienza..... con le leggi ci lavoro tutti i giorni ..... dovresti per diritto di cronaca almeno citare tutto l articolo...... e ricordo che se un autorità di pubblica sicurezza decide che un individuo è pericoloso puo sequestrare tutti gli oggetti "pericolosi" che trova all interno della casa......

Neanche un mese fa la Polizia a Torino a sequestrato in appartamento un coltello tipo Rambo e due spade di cui una katana . La polizia era intervenuta in quell appartamento a causa di una violente lite familiare nel cui ambito vi erano state anche minaccie di morte. Dopo tre giorni le "armi bianche" sono state riconsegnate perchè dichiarate di libera vendita e detenzione e perchè non esistevano elementi ogettivi per dichiarare i due litigiosi persone pericolosee perche no utilizzate per commettere alcun tipo di reato.

Cmq insieme a Yama stiamo cercando di affrontare questo problema delle leggi e presto cercheremo di pubblicare le poche certezze del codice.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ogni spada che entra in Giappone deve essere denunciata e registrata. Il discorso non vale per gli iaito.

 

La legislazione in Italia è, come detto, assolutamente insufficiente e ognuno sembra poterla interpretare come vuole. Il rischio è che un magistrato o un agente di p.s. la pensino diversamente da te.

Quando vado a iaido in moto (talvolta in metro) con la mia spada (non iaito...) corro sempre dei rischi: ho certo sempre con me dichiarazioni di questure, tessera della federazione eccetera, ma se trovo un poliziotto che non è d'accordo sono cavoli miei!!!

 

L'interpretazione che ho scritto io nel post è quella in vigore a Milano. Mi sono informato direttamente in diverse questure e non hanno dato adito ad interpretazioni: una katana va denunciata come arma. E la cosa non mi è stata detta dall'agente di guardia, ma sempre dal comandante responsabile dell'ufficio armi.

 

Tenevo solo a sottolineare che il momento in cui volete uscire con una raccolta di norme comportamentali da tenere in materia di armi, dovete tenere presente quanto NON ci siano certezze e soprtattutto quanto ogni questura fa quello che vuole.


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ragazzi un dubbio che ho da tempo.....qualcuno di voi ha denunciato una lama alla questura di zona??....almeno gianfranco mi sembra che ne abbia denunciate diverse....volevo sapere....vi è stato chiesto come ne siete entrati in possesso?? perchè mi sembra di ricordare che non si posso acquistare armi da un paese estero. se qualcuno sa qualcosa mi delucidi per cortesia :wacko:


....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bella domanda. Io volevo fare un esperimento con una lama da pochi soldi.


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Bella domanda. Io volevo fare un esperimento con una lama da pochi soldi.

giuseppe, io un paio di anni fa, andai in questura, perchè avevo una lama in arrivo dagli stati uniti....ed avevo il timore che si bloccasse in dogana......l'agente che si occupava di questo tipo di cose mi disse " falla arrivare, e se te la fermano vieni qui e ti facciamo l'autorizzazione per ritirarla". ora non so quanto questa affermazione sia stata...come dire....sbrigativa e superficiale. in tutti i modi il fatto che acquistavo una lama dagli stati uniti, al tizio non gli ha fatto ne caldo e ne freddo :)....mi ricordo l'unica cosa che mi chiese incuriosito....."ma perchè comprare una spada giapponese?? :laugh:

io vorrei denunciare le mie, però mi rimane questo dubbio.....bah...sentiamo da gianfranco, se a lui hanno chiesto informazioni sull'acquisto.......


....se il tuo cuore è forte....anche la tua spada sarà forte.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ichi,

nel foglio di denuncia bisogna indicare la provenienza e quindi da chi hai acquistato/ereditato la spada.


Budo

______________________________________

Se c'è qualcosa che manca ai samurai, questa è la paura.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fai conto che a me hanno chiesto di fare richiesta per farla arrivare dagli stati uniti, poi quando sono andato a denunciare la detenzione mi hanno detto che non serve.

 

Dove la legge non è chiara ognuno fa un pò come crede che sia più giusto.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Dove la legge non è chiara ognuno fa un pò come crede che sia più giusto.

Questo è il punto focale della questione.

L'ideale sarebbe avere un foglio dove la questura dichiara che non c'è bisogno di denuncia (ma a Milano non è così purroppo....) in modo che un domani si possa dimostrare di essere andati a denunciare la lama


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo anche qui da me le cose sono alquanto nebulose. Dario a me è successa la stessa cosa che tu descrivevi , ho importato dalla Nuova Zelanda, la lama è stata bloccata ed io ho richiesto il nulla osta in questura, una volta consegnata copia alla dogana me l'hanno consegnata, non senza aver chiesto prima una perizia della sovrintendenza, il sovrintendente sono dovuto andare a prenderlo io e portarlo in dogana. Sì insomma una cosa allucinante. Per quanto riguarda Gianfranco la cosa è grottesca anche nel suo caso, la sua zona dipende dalla stessa questura del sottoscritto. La questura è l'unico organo incaricato di recepire le denunce di detenzione di qualunque tipo esse siano. Eppure a pochi kilometri da casa mia lui va dai carabinieri! Assurdo. Spero veramente che si possano recepire utili fonti giuridiche Yama. Anche perchè, a dispetto degli atteggiamenti differenziati dei vari enti preposti, vi è una legge nazionale tecnicmente sopraordinata che sarebbe utile conoscere e far valere in caso di necessità (opinabilmente mai).


Mani fredde, schiena curva, odore di pietre bagnate. Questo è il togi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il fatto, ken, è che questa legge NON ESISTE. Ci sono solo delle norme generali sulle armi, per cui ognuno fa quello che crede.


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

credo che finche si rimane nell'ambito iaito, non ci siano troppi problemi, sia per l'importazione che l'esportazione.... credo.....

il problema è che uno shinken è affilato e mi seccherebbe e dispiacerebbe rispondere, guardi sensei non posso accettare il suo invito perche non so come portarmi in giappone la spada.... :cry:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Generalmente chi va in Giappone si porta dietro uno iaito.

Altrimenti vieni subito bloccato in aeroporto ed è un casino...


______________________
Giuseppe Piva
www.giuseppepiva.com

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il problema è questo.... purtroppo per il battodo uno iaito è un po inutile :gocciolone:

vedro di risolvere la situazione in qualche modo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
il problema è che uno shinken è affilato e mi seccherebbe e dispiacerebbe rispondere, guardi sensei non posso accettare il suo invito perche non so come portarmi in giappone la spada....

 

E se te lo fai prestare da qualcuno?...Ci sarà pure qualche anima pia disposta a fare una buona azione.

Modificato: da shimitsu masatsune

La vittoria è di colui,

ancor prima del confronto,

che non pensa a sè

e dimora nel non-pensiero della grande origine.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non voglio sembrare un maniaco sentimentele venale etc.... ma sarebbe la spada di un'altro.... :gocciolone:

 

non si presta la ragazza non si presta la spada.... e entrambe devono essere trattate con la stessa grazia e rispetto... da vero gentiluomo... (forse sto andando fuori argomento... :gocciolone: ) cmq c'e tempo per organizzarsi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa alle risposte.

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante