Vai al contenuto
mirco

La mia prima Katana.

Messaggi consigliati

Cerco aiuto per identificarla grazie a tutti coloro che mi dedicheranno un pò di tempo !!!! .......Ho sbianchettato le iscrizioni per evidenziarle

DSCN7374.JPG

DSCN7377.JPG

DSCN7378.JPG

DSCN7380.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cerco aiuto per identificarla grazie a tutti coloro che mi dedicheranno un pò di tempo !!!! .......Ho sbianchettato le iscrizioni per evidenziarle

Qualunque indicazione è ben accetta ............... sono affamato di curiosità, queste lame mi hanno sempre indotto un certo timore reverenziale CIAO !!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate se mi permetto ...

 

ciao Mirco, penso che dovresti spostare "la discussione" su Consigli .. o Schede tecniche, qui sei nel gotha delle lame, una sezione del forum dedicata al religioso studio.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mirco, non preoccuparti, capita di sbagliare. Ci penserà Simone a spostare la discussione.

Come ha detto giustamente Betadine in questa sezione si studiano lame particolarmente importanti, per la maggior parte proposte dalla NBTHK.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mirco, grazie per averci mostrato la tua lama. Sarebbe interessante anche notare i dettagli della lama, a prima vista sembra ben conservata così come il koshirae. Ad ogni modo, la firma recita Nōshū Jū Kanetoshi (Kanetoshi residente in Mino) e la data riporta Shōwa Jūhachinen Haru (Primavera del 18° anno dell’epoca Shōwa – 1943).

 

Kanetoshi, il cui vero nome era Murayama Kinokazu, fu un famoso spadaio del primo periodo Shōwa riconosciuto ufficialmente dall’esercito giapponese (Rikugun Jumei Tōshō), come anche dimostrato dalla stella incisa prima del suo nome sul nakago della tua spada. Era in forza alla Società per azioni Spade di Seki (Seki Tōken Kabushikigaisha), in cui entrò nel 13° anno dell’epoca Shōwa (1938). Fu anche membro d’onore dell’associazione nazionale dei forgiatori giapponesi. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mirco, grazie per averci mostrato la tua lama. Sarebbe interessante anche notare i dettagli della lama, a prima vista sembra ben conservata così come il koshirae. Ad ogni modo, la firma recita Nōshū Jū Kanetoshi (Kanetoshi residente in Mino) e la data riporta Shōwa Jūhachinen Haru (Primavera del 18° anno dell’epoca Shōwa – 1943).

 

Kanetoshi, il cui vero nome era Murayama Kinokazu, fu un famoso spadaio del primo periodo Shōwa riconosciuto ufficialmente dall’esercito giapponese (Rikugun Jumei Tōshō), come anche dimostrato dalla stella incisa prima del suo nome sul nakago della tua spada. Era in forza alla Società per azioni Spade di Seki (Seki Tōken Kabushikigaisha), in cui entrò nel 13° anno dell’epoca Shōwa (1938). Fu anche membro d’onore dell’associazione nazionale dei forgiatori giapponesi. :arigatou:

Grazie ........ posterò altri dettagli appena provvederete a spostare il tutto nella sezione che riterrete più indicata.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mirco, penso che in molti se lo staranno chiedendo, cosa intendi con ''ho sbianchettato le iscrizioni''?!

 

Così ad occhio non mi pare borotalco.. :confused:

 

Sandro preziosissimo come sempre :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una matita leggera che ho già provveduto a rimuovere prima di rimontare il tutto Francesco.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mirco, con molta probabilità nell'ultima foto che ci mostri è riportato il nome del militare proprietario della spada, Moriie Yū. Inoltre, dato anche questo interessante, i due ideogrammi sulla destra sono quelli di Yamato; è possibile che essi si riferiscano al nome della famosissima corazzata presso cui il militare prestava servizio. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Facendo un pò di ricerca sul prezioso Fuller & Gregory, questo sarebbe un esempio di montatura shin gunto per Ufficiale dell'Esercito entrato in uso alla fine del 1944, in sostituzione del modello standard. Le modifiche mirerebbero al risparmio di parti in ottone, metallo importante per l'industria bellica, impiegando ferro brunito (come ad esempio la tsuba, che qui è in ferro brunito nero senza ornamenti).

Quindi non si tratta di una montatura per la Marina. Però questo tipo di montatura veniva utilizzata anche dalle truppe da sbarco, quindi nulla vieta che il nostro Moriie Yū fosse un Marine imbarcato proprio sulla Yamato..... :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio tutti per l'interessamento e le suggestive ipotesi ....... che dire, sono ovviamente molto compiaciuto, sarebbe interessante dirimere una questione ....... la marina se non sbaglio aveva i suoi marchietti particolari (qui non presenti) magari potrebbe trattarsi di un ufficiale dell' esercito in forza alla Yamato ???? .......... e in secondo luogo, sarebbe interessante una disamina sui simboli e tacche presenti sul dorso del codolo ( Nakago ).............. ne sapete qualcosa ??? ne avete già visti ???? grazie ! :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La Marina aveva sperimentato lame in acciaio inox (per non farle attaccare dalla ruggine) che, proprio a causa del materiale e del tipo di lavorazione, non vengono considerate nihonto in senso tradizionale. Non è il tuo caso e, dal nostro punto di vista, è molto meglio così. Gli ufficiali della Marina avevano in dotazione una montatura particolare, che è diversa dalla tua. Quindi, come detto sopra (fidandoci del Fuller & Gregor), la montatura della tua lama era destinata ad un ufficiale dell'Esercito. In senso stretto un ufficiale dell'Esercito non può essere "in forza alla Yamato" poichè non fa parte del Corpo di Marina. Potrebbe però trattarsi di un ufficiale appartenente ad una forza da sbarco, per intenderci di "marines", che pur appartenendo all'Esercito era comunque imbarcata su quella nave.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto riguarda le tacche sul nakago ti riporto le parole di Paolo Placidi, prese da questo precedente topic ( http://www.intk-toke...?showtopic=7241 ):
"Ci sono "favole" sul significato delle tacche: numero di nemici uccisi, numero di dita tagliate, ...... ma in realtà nessuno sa bene a cosa si riferiscano.
Sembrerebbe invece più probabile l'esecuzione di tacche al posto della "punzonatura di accettazione" della lama, effettuata in un qualche arsenale militare giapponese durante il periodo prebellico e bellico (vedi marchio Seki, marchio Shōwa, ecc...)."

 

In questo caso la punzonatura già c'è, quindi...largo alle fantasie più sfrenate :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...