Vai al contenuto
rob

fotografare le lame

Messaggi consigliati

Di lame non so ancora nulla :( ma di fotografia still-life un po' me ne intendo. Non ho mai provato con una spada ma a naso la soluzione migliore per fotografarla è costruirsi un lightbox, ossia un parallelepipedo di tessuto bianco dove dentro inserire la spada, illuminato dall'esterno con diverse lampade. Questo serve per illuminare uniformemente tutto l'oggetto eliminando i riflessi indesiderati. Praticamente nella fotografia still-life professionale è una scelta obbligata quando si fotografano oggetti in metallo o molto riflettenti. Poi come scrive anche Gianfranco farei diversi scatti muovendo la macchina in orizzontale su di una guida lineare e poi li ricomporrei a pc.

 

Provate a cercare "lightbox homemade"

nello still life tu spesso fotografi per esprimere un concetto, utilizzando esposizione ad "alte luci"; il che va benissimo per applicazione publicitaria o industriale. C'e da provare cosa ne viene con la tessitura delle lame e con la rapprentazione dello hamon. Però, il fatto che per evitare fantasiosi effetti e appiattimenti nelle aree dei mezzi toni si usi professionalmente il B&W e luci a bassa intensità mi fa riflettere e pensare che forse, la tecnica sia già consolidata. Il lightbox potrebbe di certo andar bene per evitare di aggiungere riflessi di oggetti circostanti ma per fare ciò, basterebbe anche fotografare in ambiente oscurato con luce incidente oltre i 45° sulla sola lama.

Sarebbe interessante fare delle prove

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Userei un Nikon 50mm f1,4.

Dovrebbe equivalere ad un 75/80 mm (per le ex 24x36 pellicola) che era l'ideale per le foto ritratto proprio perchè non deformava.

se il 50 mm progettato per il formato pieno o FX o 24x36 lo usi con tale formato, resta un 50 mm. Su formato ridotto o DX inquadra un crop dell'immagine( proietta su un sensore più piccolo dell'immagine ripresa e l'effetto apparentemente fa pensare ad una ripresa con focale più lunga di 1.5x, un 75 mm in questo esempio)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante