Vai al contenuto
maurizio.duse

Qualcuno può aiutarmi, per favore?

Messaggi consigliati

Buonasera a tutti!

 

Una cara amica di mia moglie, ieri sera, mi ha portato una (credo) "Gunto" che ha ereditato dall'anziano papà.

A sua detta era originale e, da qualche parte a casa, dovrebbe avere un certificato di autenticità (ma non lo trova).

 

Sinceramente non ho abbastanza esperienza per stabilire se è originale e che valore può avere. Qualcuno può darmi dei suggerimenti, per favore?

 

Una cosa che mi fa pensare ad una destinazione esclusivamente formale o cerimoniale è il fatto che la spada è palesemente priva di affilatura (e non lo mai stata).

 

Allego le foto di alcuni dettagli.

 

Ringrazio anticipatamente chiunque vorrà darmi il suo parere.

 

Maurizio

IMG_0468.JPG

IMG_0469.JPG

IMG_0470.JPG

IMG_0471.JPG

IMG_0472.JPG

IMG_0473.JPG

IMG_0474.JPG

IMG_0475.JPG

IMG_0476.JPG

IMG_0477.JPG

IMG_0478.JPG

IMG_0481.JPG

IMG_0482.JPG

IMG_0483.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buona sera Maurizio,

dalle foto, questa è si una lama dell'esercito giapponese, ma non una Nihonto cioè lama forgiata.

Questa è una spada da ufficiale di complemento.

Non è forgiata ma fatta da lastra di acciaio, sarebbero le famose (noni le chiamiamo così ) pacchiane pakistane, in quanto fatte in Pakistan per l'esercito giapponese. In sostanza è l'uguale ad una nostra spada che viene data in dotazione agli ufficiali.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie infinite Massimo!

 

In effetti, quando mi è stata prestata e l'ho visionata, mi ha ricordato quella che avevo io in Marina Militare, quando ero ... "Ufficiale e gentiluomo" : finta! ;-)

 

Grazie comunque.

 

Buona serata.

Maurizio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Attenzione , non è finta, semplicemente non è una katana forgiata tradizionalmente.

Dal punto di vista storico ha tutto il suo perchè.



Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Prova a smontarne l'impugnatura, sul forum ci sono articoli che spiegano come fare, forse potrebbe rivelare ancora qualche sorpresa.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Prova a smontarne l'impugnatura, sul forum ci sono articoli che spiegano come fare, forse potrebbe rivelare ancora qualche sorpresa.

https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwjC2vyGoc3KAhWJ6CwKHZAYAqoQFggfMAA&url=http%3A%2F%2Fwww.militaryheritage.com%2F&usg=AFQjCNFuFZPLsRrhsgoHEbkkXFbkB7zw7w&sig2=G-gWUUeOLpycNRLlfTaCsg

 

Ne vidi una uguale quando iniziai ad interessarmi alle spade giapponesi, non ha il mekugi in bamboo ma una vite in ottone con controdado cianfrinato (nakago a prova d'ispezione).

 

Sicuramente una trappola accattivante per un principiante.

 

Come direbbe Massimo Rossi: Non buttate soldi in questi troiai

 

@Massimo perdonami se ho citato un tuo dire

 

Marco


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante