Vai al contenuto
mauri

Lo Zen e la cultura giapponese

Messaggi consigliati

 

Zen.jpg

 

Dal Risvolto del volume:

 

«Che cosè lo Zen? ... Non capisco rispose un maestro. Che cosè lo Zen?. Il ventaglio di seta basta a farmi aria rispose un altro maestro. Che cosè lo Zen?. Lo Zen rispose un terzo maestro». Memore di questo ineffabile scambio (mondō), Daisetz T. Suzuki, massima autorità giapponese nel campo del buddhismo zen, dà avvio nel 1936 a una serie di conferenze in Inghilterra e in America, cimentandosi nella non facile impresa di illustrare al mondo occidentale la più indecifrabile e sfuggente delle dottrine orientali. E due anni più tardi, dopo aver profondamente rielaborato e perfezionato i testi approntati allo scopo, consegna con questo libro le chiavi di accesso a una mirabile tradizione religiosa, senza la quale sarebbe inconcepibile gran parte della filosofia, dellarte e della letteratura nipponiche. Fu infatti grazie alla pratica zen del satori il risveglio o illuminazione che ogni aspetto della vita giapponese assunse le forme misteriose di unincessante ricerca del senso ultimo nascosto nellesistente, di unarte al servizio del potenziamento spirituale: la filosofia samuraica della spada, la cerimonia del tè, la pittura sumiye, il teatro Nō e lo haiku sono solo alcune delle vie attraverso cui lo Zen ci invita a una partecipazione etica ed estetica al mondo, percepito nella sua vacuità e impermanenza. Con uno stile in cui convergono lo spirito del monaco, del poeta e del divulgatore, Suzuki ridefinisce lidentità e levoluzione storica dello Zen origini e influenze, scuole e maestri, princìpi e strumenti , svelandoci quel vuoto originario in cui i grandi maestri seppero cogliere un barlume di eternità.

 

Preso da: http://www.adelphi.it/catalogo/autore/505


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Mauri per la segnalazione.

 

Naturalmente ormai quasi tutti conoscono Suzuki ed i suoi scritti. Mi chiedo: Suzuki ha tramandato o ha tradito ?

 

Che ne pensate ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bella domanda, qui si apre un mondo.

Chi era Suzuki?

Certamente uno studioso scrupoloso che ha cercato di esportare la tradizione giapponese al di fuori dei confini della sua terra.

Non si rivolgeva certamente ai suoi concittadini, ma a persone che in qualche modo dovevano assorbire concetti più per studio che per valori di vita.

Se poi è riuscito anche solo in parte nella seconda ipotesi, si può affermare che abbia svolto con perizia il suo lavoro.

Il fatto stesso di aver usato una lingua diversa ne fa un divulgatore non certamente un continuatore della tradizione.

Per capirci, quando Mishima ha formulato il suo discorso prima del suicidio l’ha fatto nella sua lingua e si è rivolto ai giapponesi, per lui gli alti in quel momento non esistevano, il suo gesto, secondo il suo pensiero era rivolto al Giappone, il resto del mondo, almeno in questo ne era fuori, nel bene o nel male si può certo dire che anche solo per questi aspetti così differenti, uno era un cultore della sua tradizione uno un divulgatre dei principi che la fondano.

Due aspetti e due modi di porsi nettamente agli antipodi.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante