Vai al contenuto
Mc 74

Hiroshima

Messaggi consigliati

Ciao a tutti!

 

appena rientrato da un viaggio a Hiroshima avrei il piacere di condividere con voi alcune foto.

 

Durante questo mio breve soggiorno sono riuscito a visitare il castello di Hiroshima, completamente ricostruito dopo i tragici fatti della seconda guerra mondiale, il Peace Memorial Museum, luogo da visitare assolutamente dove sono esposti reperti inerenti all'esplosione della bomba atomica, cimeli e fotografie dell'epoca, un memoriale crudo e allo stesso tempo toccante che fa sicuramente riflettere sulla stupidità umana. Ovviamente non troverete alcuna foto inerente a questo museo, mi sembrava cosa di cattivo gusto in ogni caso ribadisco che una sua visita è d'obbligo.

E per finire la bellissima isola di Miyajima con il suo paesaggio mozzafiato ed i suoi scorci di Giappone feudale.

 

Tornando alle nostre amate token, durante la visita al castello oltre che all'oggettistica feudale, collezioni di tsuba, fornimenti , koshirae vari, un paio di moschetti, armature e parti di esse, erano esposte una quarantina di lame dal Periodo Koto allo Shinsakuto.

Impressionante la qualità delle politure,purtroppo come ben saprete fare foto è assolutamente vietato quindi dovrete credermi sulla parola.

Tra le tante lame esposte sono rimasto abbagliato da due waki e una katana tutte firmate Harima no kami fujiwara Teruhiro, una katana firmata Tamba no kami Yoshimichi con un bellissimo accenno di sudare-ba nell'area del monuchi e un paio di tachi firmate Unji e Kanenaga rispettivamente suriage.

Interessante un esempio di orikaeshi mei, una lama con tameshi mei in kinzogan (di cui non sono riuscito ad avere traduzione) e argomento che si sta trattando in quest giorni sul fourm:

l'evoluzione del processo costruttivo di una lama dal tamahagane alla lama finita, passando attraverso tutti i vari step, con veri campioni per ogni passaggio.

 

Per chi avrà la fortuna di visitare questo castello nel mese di aprile ci sarà un esposizione con tema Ieyasu Tokugawa, per ricordare l'anniversario dei quattrocento anni della sua morte.

 

Scusate se mi sono dilungato...

 

Marco

1.jpg

2.jpg

3.jpg

4.jpg

8.jpg

9.jpg

10.jpg

11.jpg

12.jpg

13.jpg


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a voi!

 

felice di averle condivise :arigatou:


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Who belle foto! E come è stato vedere l'edificio sopravvissuto all'atomica?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Massimiliano, l'edificio semidistrutto che si vede nella quarta foto è conosciuto come "the atomic bomb doom" ed è una delle pochissime costruzioni sopravvissute all'esplosione.

Il 6 agosto del 1945 fu seriamente danneggiato e bruciato dalla prima bomba atomica usata in un conflitto, questa struttura è un simbolo di Hiroshima che ricorda l'orrore delle armi nucleari e testimonia un appello per la pace mondiale.

Nel 1996 è diventato patrimonio mondiale dell'UNESCO. Vederlo dal vivo fa sicuramente un certo effetto ma nulla in confronto rispetto quello che si può vedere all'interno del Memorial Peace Museum.

 

Mi piace pensare positivo: sappiate che nel parco del castello di Hiroshima c'è un grande albero sopravvissuto all'esplosione.

 

Marco


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie anche da parte mia. :arigatou:


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

belle, davvero molto belle.

 

e grazie per averle condivise.

 

:arigatou:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la condivisione, Marco, fa impressione vedere ciò che l'uomo è in grado di avere il coraggio di fare! Sono molto belle le foto in cui si mescolano le architetture moderne con la serenità delle architetture antiche. Molto belle grazie ancora.


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Marco il Doom e inquietante, é là per ricordarci quanto può essere distruttivo l'uomo, per fortuna c'è anche la natura che con enorme sforzo fa di tutto per salvarci!!

La pianta sopravvissuta alla Atomica come detto da Walter e un ginko biloba, Fantastico!

Se ci si vede approfitterò per chiederti dell'organizzazione del viaggio!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie delle foto bellissime.

 

Noi quest'anno abbiamo fatto soltanto Tokyo, Kyoto, Tokyo.

Avevamo giornate dedicate allo studio delle lame, così abbiamo trascurato il turismo.

Comunqe abbiamo preso l'inizio della fioritura dei Sakura, sia a Himeji che a tokyo nel parco di Ueno.

D'altra parte è uno spettacolo che ogni volta lascia il segno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante