Vai al contenuto
Guido Pelloni

ALTRA ASTA ALTRE BELLE COSE

Messaggi consigliati

Effettivamente qualcuno potrebbe provarci, così, tanto per ravvivare il forum. :confused:


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto ricordo, la lama di De Feo poteva esser costata un cifra similare, ma la qualità dell'oggetto era un'altra (il koshirae d'argento riportava i mon di una famiglia), per non parlare della lama all'interno.

In Giappone non mi è capitato di vedere koshirae simili in vendita, le montature più care (e mi sembrava più apprezzate dai giapponesi) erano Itomaki no-tachi con aoi mon o meglio ancora kiku mon (incredibile la collezione personale di Sokendo...). Ne vidi una in fiera a 4.000.000 di yen..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Al di là delle incisioni che non sto qui a dire gimei o no, la cosa che più mi lascia perplesso è la forma del nakago, totalmente estranea a tutte le altre linkate da Maurizio. Pure la seconda lama linkata ha un nakago, contato l'accorciamento, compatibile con gli altri. Gohei gata esclusa che kuniteru iniziò a fare solo dal 1690 in poi...

 

E se qualcuno di voi mi dovesse dire "ma non vedi che anche le iscrizioni sono totalmemte diverse da quelle linkate?" Risponderei che nessuna tra quelle finora linkate è pienamente compatibile con le altre. In ognuna, kanji su kanji, vedo delle significative differenze.

 

Sarei curioso di sapere come è stato l'andamento delle bet, se ce ne è stato uno, o se un tizio a caso a ha sparato subito alto a caso...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da Sokendo abbiamo visto due koshirae "che voi umani non potete nemmeno immaginare", uno antico della famiglia Oda e uno dell'Imperatore...

nulla a che vedere con questi.


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In asta si porta tutto ciò che può valorizzare quello che si vuol vendere nelle lame i certificati, se ci sono, fanno parte del pacchetto che si mette in vendita.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono troppo niubbo per valutare la lama ma almeno so che il koshirae non mi piace, per me potevano batterla anche a 10 volte tanto come a 1/10.

Vi rendo alcune considerazioni personalissime: czernys rimane un mistero (come bonhams a volte), nel mio piccolo e nel mondo delle armature non mi sono mai trovato d'accordo con una dico una valutazione (molto probabilmente sarò ignorante io), credo che questa, infatti, sia prettamente occidentale.

Vi faccio un esempio, battono una edo (sopra la lama postata) a 26k, descrizione del tutto oggettiva, nessun riferimento di rilievo a clan o firme, per un giapponese edo è decorazione, l'armatura deve essere "vissuta" ergo non te la valutano così neanche sotto tortura, in europa evidentemente si.

A 26k prendo e vado da Piva, aggiungo qualcosa e mi prendo un kabuto museale


Fabrizio T.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eh, eh, questa ogni tanto puntualmente la ripropone ma pare che il raro koshirae ancora non abbia trovato un amatore...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante