Jump to content
INTK Forum
Francesco Marinelli

Cercando gli antenati

Recommended Posts

Cercando gli antenati

 

Le ricerche più recenti avanzano l'ipotesi che i giapponesi descendano da un ceppo coreano. Ma gli intellettuali conservatori ribadiscono l'unicità ed il mistero delle origini dell'impero del Sol Levante.

 

Peter Landers, Far eastern economic Review, Hong Kong
Tutto cominciò 2.400 anni fa, quando centinaia di persone migrarono dalla penisola coreana, attraversando lo stretto braccio di mare che le separava dall'isola giapponese di Kyushu. All'inizio i nuovi arrivati ebbero uno scarsissimo impatto sulle abitudini della popolazione jomon, le tribù di cacciatori e raccoglitori che avevano abitato le isole giapponesi nei diecimila anni precedenti.
Nel giro di alcuni secoli, tuttavia, si verificò una spettacolare trasformazione: gli immigrati, che utilizzavano strumenti di metallo e padroneggiavano la tecnologia della risicoltura su vasta scala, sviluppata per la prima volta i Cina, arrivarono a dominare gran parte del Giappone meridionale. In breve tempo nacquero piccoli Stati retti da un'aristocrazia, che si diffusero nella pianura di Kansai, vicino ad Osaka. Nei primi secoli dopo Cristo quello che un tempo era un piccolo gruppo di avventurieri provenienti dalla Corea fondò uno Stato giapponese unificato, diretto antecedente di quello odierno.
Questa è la storia raccontata da un numero crescente di antropologi che studiano uno dei problemi più carichi di conseguenze politiche della scienza giapponese: l'origine della popolazione del Giappone. Le prove a sostegno di questa tesi, prevalentemente ossa e antichi manufatti, sono consistenti, quando non schiaccianti. Ma l'aspetto che colpisce di più è la scarsissima attenzione suscitata tra i giapponesi. Molti intellettuali, riecheggiando le convinzioni del periodo prebellico, preferiscono ancora credere che le origini del Giappone siano nascoste in un passato lontano e inaccessibile alla ricerca scientifica. Una stretta identificazione del Giappone con la Corea mette a disagio molte persone.
"I giapponesi non vogliono ammettere di essere in qualche modo imparentati ai coreani", osserva Johann Nawrocki, specialista di storia del pensiero dell'istituto germanico di studi giapponesi di Tokyo. Il Giappone ha colonizzato la Corea dal 1910 al 1945, giustificando il suo dominio con l'idea che i coreani fossero esseri inferiori bisognosi di una forza civilizzatrice. Ancora oggi, in Giappone, la discriminazione nei riguardi dei coreani resta forte.
Shinichiro Fujio, archeologo al Museo nazionale di storia giapponese, racconta che, a volte, durante le conferenze sull'influsso coreano gli ascoltatori più anziani lo contestano, insistendo che devono essere stati i giapponesi a insegnare ai coreani la coltivazione del riso, e non viceversa. "I giapponesi", osserva Fujio, "non pensano ai coreani come loro simili. È un lavoro durissimo insegnare alla gente i fatti della storia". Lo scarso interesse della stampa su questa controversia costituisce un ulteriore ostacolo al diffondersi di una maggiore consapevolezza. I media, infatti, preferiscono dedicare la loro attenzione a questioni meno spinose, come per esempio l'ubicazione del reame di Pimiko, regina-sciamana del Terzo secolo.
La storia basata sulla mitologia
Come sottolinea il professor Jared Diamond, docente dell'Università della California di Los Angeles, nel numero del giugno 1998 della rivista Discover, in Giappone parlare di storia antica non è mai stato semplice. Prima e durante la Seconda guerra mondiale la propaganda del governo considerava come fatti accertati i miti registrati nelle cronache antiche, usandole come base per l'insegnamento.
Secondo la mitologia, il primo imperatore giapponese discendeva dalla dea del sole e sal&igrane; al trono nel 660 avanti Cristo, fondando una linea imperiale ininterrotta. Quando negli anni Trenta la destra nazionalista rafforzò il suo potere in Giappone, per gli studiosi divenne impossibile contestare questa storia.
Dopo la sconfitta giapponese nel 1945, la mitologia è stata tolta dai programmi scolastici, anche se sono ancora diffuse opinioni analoghe. Per esempio, Takeshi Umehara, noto filosofo ed esperto di problemi culturali, è un fautore dell'idea che i giapponesi abbiano le loro radici nella popolazione del periodo jomon, e quindi che vissero in relativo isolamento per circa diecimila anni. Secondo questa tesi, dunque, i giapponesi forse non sono unici, ma hanno sicuramente un passato diverso da quello degli altri popoli asiatici.
Le prove più recenti, tuttavia, suggeriscono che i jomon avessero poco in comune con i moderni giapponesi. Da uno studio sui teschi - spiega Yukio Dodo, professore all'Università Tohoku di Sendai - emerge che i jomon sono i diretti antenati degli ainu, popolazione a sé stante che un tempo viveva numerosa sull'isola settentrionale di Hokkaido. La civiltà degli ainu è stata a lungo disprezzata dai giapponesi, che l'hanno sempre considerata barbara e hanno costretto la popolazione ad assimilarsi. Oggi resta solo un esiguo gruppetto di ainu purosangue.
Antenati continentali
Alcuni antropologi sostengono che gli attuali giapponesi discendono principalmente dalle tribù giunte dalla penisola coreana intorno al 400 avanti Cristo e non dai jomon. Takahiro Nakahashi, docente di antropologia all'università di Kyushu, ha esaminato una serie di crani risalenti a duemila anni fa, rinvenuti nella zona settentrionale dell'isola di Kyushu, confrontandoli con alcuni crani contemporanei provenienti dalla punta meridionale della Corea e di Shadong, in Cina.
Secondo le sue conclusioni, pubblicate quest'anno su Anthropological Science, i crani di Kyushu "mostrano tratti distintivi che corrispondono con precisione quasi assoluta, bisogna riconoscerlo, a quelli dei gruppi continentali". Il volto è allungato e relativamente piatto, considerevolmente diverso dai visi larghi e con lineamenti prominenti dei jomon che avevano popolato Kyushu per migliaia di anni.
Esistono altre prove a favore della tesi di Nakahashi, il quale sostiene che i nuovi arrivati dalla penisola coreana e i loro discendenti finirono con il dominare la popolazione locale di Kyushu. I denti risalenti a duemila anni fa trovati qui, infatti, sono più lunghi dei reperti del precedente periodo jomon e sono analoghi ai reperti continentali.
C'è poi il problema del linguaggio. Il giapponese e il coreano hanno in comune molti termini presi dal cinese, ma è difficile trovare nelle due lingue parole originali comuni. molti linguisti hanno abbandonato l'impresa di individuare le origini del giapponese; alcuni, tuttavia, ritengono che possa derivare da un antico dialetto coreano ormai estinto. Mark Hudson, antropologo dell'Università Tsukuba, afferma che se gli intellettuali giapponesi avessìsero occupato le isole per diecimila anni o più, dovrebbero parlare decine di lingue diverse, come gli aborigeni australiani e i nativi americani. Invece parlano una sola lingua, anche se divisa in dialetti regionali molto diversi tra loro. Questo fatto suggerisce l'arrivo in Giappone di una nuova lingua, che abbia cominciato a differenziarsi tra i 1.500 e i duemila anni fa: una teoria che ben si adatta alla tesi secondo cui un piccolo gruppo di immigrati giunse in Giappone 2.400 anni fa, per poi insediarsi in tutto il paese.
Antropologi contro archeologi
Non tutti riconoscono agli immigrati un ruolo così rilevante. I critici accademici sono in maggioranza archeologi, che guardano ai reperti quali ceramica e terraglie, piuttosto che a ossa e denti come fanno gli antropologi. Fujio, del Museo nazionale, ritiene che i nuovi arrivati si siano stabiliti in villaggi in cui la popolazione locale costituiva la maggioranza. "Fu un atto di collaborazione", scrive nel numero di ottobre di Iden (Eredità). Confutando la tesi di Nakahashi, egli afferma che la società agricola non si è sviluppata grazie alle azioni indipendenti di una delle due parti. Le prove a suo favore: molte delle ceramiche e delle terraglie dei nuovi villaggi assomigliano a quelle del periodo jomon, piuttosto che a quelle coreane e cinesi.
Da parte sua, l'antropologo Nakahashi sostiene che i nuovi arrivati dalla Corea furono prevalentemente uomini che portarono nei loro insediamenti donne indigene, e con loro gli stili locali di lavorazione delle ceramiche e delle terraglie.
Una nuova ondata di immigrati coreani potrebbe anche essere giunta in Giappone circa 1'500 anni fa e aver svolto un ruolo centrale nel nascente governo. Da recenti scavi archeologici sono emerse prove di questo collegamento, per esempio oggetti funerari simili a quelli usati dai più antichi colonizzatori. Ma l'Agenzia della casa imperiale giapponese, istituzione conservatrice che controlla l'accesso ai sepolcri contenenti i resti dei primi imperatori, ha limitato gli scavi che potrebbero rivelare maggiori informazioni.
Questo ente non è il solo a essere riluttante a confrontarsi con le prove. Molti intellettuali sono convinti che i giapponesi siano un nebuloso miscuglio di razze, all'interno del quale gli immigrati della penisola coreana rivestono solo un piccolo ruolo. "Siamo completamente di sangue misto", dichiara Katsuaki Asano, produttore cinematografico dalle idee conservatrici. "Tutti si concentravano qui perchè il Giappone è il punto più a est: non si può andare oltre". Asano vorrebbe che nei programmi scolastici fosse reintrodotto lo studio delle antiche cronache.
Il risvolto politico
Il dibattito sulle origini del popolo giapponese - ammesso che si possa parlare di dibattito - è dominato da esponenti della cultura piuttosto che da scienziati. Nakahashi, studioso dai modi affabili, trova più agevole discutere le dimensioni dei crani che affrontare un confronto con gli intellettuali: "Noi cerchiamo di spiegare basandoci sui fatti", osserva, "loro sono filosofi che esprimono idee. La corrente semplicemente non passa". Secondo lui, comunque, moltissimi giapponesi sono aperti alle nuove teorie, in particolare quelli cresciuti dopo la guerra. "Esistono effettivamente alcuni strani tipi di destra", afferma, "ma in tutte le conferenze che mi è capitato di tenere non ho mai personalmente sperimentato un rifiuto fondato su ragioni emotive".
Ammesso che gli attuali giapponesi e gli odierni coreani abbiano in comune le medesime radici, che ripercussioni potrebbero esserci sulle relazioni politiche? Nell'articolo pubblicato su Discover, Diamond sostiene che l'antico legame potrebbe essere usato per promuovere un miglioramento dei rapporti.
"Sebbene siano riluttanti ad ammetterlo, giapponesi e coreani sono come fratelli gemelli che hanno condiviso i loro anni formativi. Il futuro politico dell'Asia orientale dipende in larga misura nel loro successo nel riscoprire quegli antichi legami." (S.P.)
dal numero 272 di Internazionale del 26 Febbraio 1999

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Francesco per questo articolo.

I Giapponesi nella maggior parte dei casi, compresi tanti che ruotano attorno alle lame, non ammetterebbero mai che queste ultime siano il risultato di mutazioni non autoctone, la stessa cosa dicasi per le fornaci di produzione del loro ferro.

Ma è ormai appurato che anche le prime loro lame in ferro di un certo valore d'utilizzo, provenissero dalla Corea e che parecchie famiglie coreane che erano dedite a questo lavoro siano emigrate in Giappone nei primi tempi in cui c'è stata richiesta di questi manufatti.

 

E' altrettanto vero però che coloro che ad oggi hanno mantenuto le loro tradizioni più degli altri sono questi:

 

ainu1.jpg hqdefault.jpg

Può essere che questi siano i veri Giapponesi e gli altri siano il risultato di contatti... non solo commerciali?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riporto il mio post anche qui.

 

Basterebbe dare una distratta occhiata ai dna odierni e dei resti, per capire quanto abbia funzionato davvero il 'vento degli dei'.

Come molto probabile, ciò che verrà fuori è che esso ha funzionato a tratti e che ognuno ha i propri nativi (il buon selvaggio sarà per l'ennesima volta santificato).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su questi passaggi sono interessanti alcune teorie di Lev Nikolaevic Gumilev, lui le ha sviluppate sul popolo Russo ma si possono applicare a tutte le grandi civiltà.

Purtroppo qualche problemino per questi suoi studi gli è stato creato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanto per dirne una:

"Wakatakeru fece bruciare viva per infedeltà una concubina, la Principessa di Baekje (questo era il regno del sud-ovest della penisola coreana, assieme a Shilla e Koguryŏ costituivano i tre Regni della Corea), mandata dal Sovrano di quel regno per cementare l'alleanza tra i due stati." (siamo circa nel V d.C.)

 

 

Se vuoi puoi postare le suddette teorie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno rifletteva anche sulla scuola Rai.... che forse prende il nome da raiku (che può intendersi coreano), qui bisognerebbe magari fare un pò di etimologia dei kanji e vedere se c'è qualche riscontro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ehmm si ricordo un bellissimo incontro INTK a riguardo, comunque raigoku (来国) significa letteralmente "venuto nel (nostro) paese", il che dovrebbe far riflettere. :arigatou:

 

Se qualcuno volesse tradurre questo studio di Markus Sesko, potrebbe essere interessante: https://markussesko.com/2014/02/05/on-the-rai-schools-character-rai/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno rifletteva anche sulla scuola Rai.... che forse prende il nome da raiku (che può intendersi coreano), qui bisognerebbe magari fare un pò di etimologia dei kanji e vedere se c'è qualche riscontro.

apperò... forse ci potrebbe aiutare Alberto a tal proposito... anche se fosse (raiku) però forse potrebbe anche essere una coincidenza... no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito dicono Maruyama e Miller che: "L'uso della scrittura cinese in Giappone, come il buddhismo che l’ha seguita da vicino, è nata quasi completamente, almeno nei primi stati del processo, tramite intermediari coreani, di cui i principali erano quelli del Vecchio regno coreano di Baekje ".

 

E la cosa si complica sempre più :arigatou:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non bisogna essere troppo fatalisti sulle origini di un popolo o di una cultura, dire che i giapponesi derivano da cinesi e coreani non vuol dire assolutamente nulla.

 

E' come dire che la pizza è uguale alla pasta perchè sono fatte tutte e due di grano. O perchè ci si mette il sugo sopra.

Prova a mangiare una spiga, poi vedi se c'è differenza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovvio quel che sono ora sono frutto comunque di decine e decine di secoli di evoluzione socioeconomica e culturale, però potrebbe comunque essere un fatto che discendano da un popolo rispetto ad un altro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

mah.... appioppare a una civiltà un origine io lo trovo sempre così limitativo da risultare non solo banale ma quasi offensivo. Nel senso che una origine di civiltà è sempre un qualcosa a cui dover deferenza o rispetto in un certo senso.

Se ragioniamo così allora tutte le popolazioni europee devono qualcosa ai Romani ma... prova a dire a un Francese che se hanno le strade è merito dei romani... piuttosto preferiscono risalire ai barbari Galli .

 

Aggiungo inoltre, nello specifico del topic, che tra Corea e Giappone, sono rimaste terribili reminescenze della occupazione bellica della seconda guerra, tanto che tuttora, c'è parecchio astio tra le popolazioni.

Ad esempio:

https://en.wikipedia.org/wiki/Anti-Japanese_sentiment_in_Korea

 

Non escludo quindi che voler sostenere un origine continentale sia un modo di porre in un certo senso in debito di rispetto i Giapponesi nei confronti dei Coreani o Cinesi, ma non tanto per amore dell'antropologia ma piuttosto per sentimento di rivalsa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quanto alla benevolenza e all'amorev olezza dei giapponesi, mio nonno ha avuto modo di sentirsela calcata addosso in modo veramente poco simpatico, come ho avuto modo di dire altrove. Il campo di concentramento l'hanno schivato, ma mio padre conta ancora perfettamente fino a dieci in giapponese e non ha mai avuto a che fare coi giapponesi da dopo i quattro anni...

Quanto ai romani, basta andare qui in Brianza, senza andare in Francia, per vedere come il celtismo ha mietuto antichissime recenti discendenze.

 

Francesco forse esagera, ma non troppo.

Invasioni, dominazioni, emigrazioni rendono il concetto di razza qualcosa di molto evanescente.

Forse aveva ragione Einstein quando, invitato negli Stati Uniti per far parte del team di scienziati che avrebbero poi dato vita al progetto Manhattan e all'atomica, sul foglietto dell'immigrazione alla domanda "razza", rispose "umana".

 

Le isole fanno diga? Mah, forse se si chiamano Islanda e hanno densità di popolazioni nulle.

Se già guardiamo Gran Bretagna e Giappone ci accorgiamo che parlare di lingua, morale, abitudini, cibo, vestire, per non parlare dei tratti somatici, non remano troppo nella direzione della purezza...

Se poi concludiamo che una persona che nasce oggi in Sicilia è di razza "caucasica", abbiamo chiuso il cerchio.

 

Mio papà quando ero piccolo, e mi prendevano in giro perché mi consideravano una sorta di mezzosangue, una volta mi disse: ricordati sempre che tu non vali per metà, vali per due.

Al liceo, a Milano, ero l'unico in classe in grado di leggere Carlo Porta. Quella lingua si è parlata fino alla fine della seconda guerra mondiale e negli anni ottanta bisognava farla leggere a uno nato all'estero.

 

La diversità , anche da un punto di vista biologico, generalmente arricchisce.

Sarebbe bello se capissimo tutti l'importanza di questa ricchezza prima che l'andar del mondo finisca per imporcela.

Perché ci saremmo messi nella condizione di vivere una naturale evoluzione come una violenta involuzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...