Vai al contenuto
Walter Pozzecco

tameshigiri su kabuto

Messaggi consigliati

Anni fa avevo una cassetta vhs, su Yoshindo, partiva, dalla forgiatura di una lama, forse su commissione, la costruzione della shirasaya, e dalla prova su un kabuto antico, sapete se esiste il filmato o dvd? Grazie ciao Walter

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mai pensato alla resistenza del kabuto ad un colpo di nihonto...forse perchè va da se che è meglio colpire la yoroi che è più fragile. Forse uno zunari o un eboshi potrebbero cedere, ma è un ragionamento dettato a sensazione dallo spessore e dal peso tipico di altre forme di kabuto. Magari anche un 62 ken potrebbe cedere ma a livello di struttura, non credo di taglio, ma ripeto tutto può essere, stranamente è un argomento che non ho mai affrontato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho le idee un pò confuse :confused:

 

"On February 16, 1994, master swordsman and Shinkendo founder Obata Toshishiro-kaiso performed a rare, record-setting kabutowari (helmet-splitting) test using a sword created in the traditional Japanese fashion by American swordsmith Paul Champagne. The sword was only lightly polished, and was unmounted save for a length of nylon rope tied around the tang. The helmet was an authentic Hineno-style kabuto, dating back between 1573-1602. Rather than requiring elaborate preparations like previous testers, Obata-kaiso preferred to lay the helmet loosely on a tree stump to simulate a more realistic atmosphere. After the test, resulting in a 13-centimeter (4 sun, 3 bu) gash in the kabuto, the katana blade remained undamaged".

 

Ci sono le medesime immagini postate da Mauri. Articolo completo qui, con anche il libro e connessi dvd: http://www.shinkendo.com/kabuto.html

 

Un estratto dal libro, vedi http://www.shinkendo.com/books.html#tameshigiribook

 

kabuto 1.pngKabuto 2.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I vecchi giapponesi invece pensavano anche alla resistenza all'impatto del kabuto.

 

Famosi sono gli Akodanari Kabuto (阿古陀形兜), tradotto letteralmente elmetto a forma di zucca, da cui appunto ne prende il nome per l'apparenza.

Questa è la tipologia per eccellenza durante la maggior parte del periodo Muromachi (1336-1573). Questi sono stati anche doni diplomatici e scelti per armature di altissima qualità.

 

Nella sua forma classica questo tipo di kabuto aveva la parte frontale piuttosto arrotondata attorno al tehen e poi rigonfiava verso l'esterno nella parte posteriore. Lo scopo di questo rigonfiamento era quello di offrire ulteriore protezione contro il forte impatto di una lama.
Verso la fine del periodo Muromachi questa forma classica inizia a cambiare, il fronte diventando più alto e il rigonfiamento posteriore diventato meno pronunciato (come anche per le lame sorte di utsushi sono sempre stati fatti).
akodanari kabuto.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non resta che chiedere direttamente a Yoshindo, tra un paio di settimane.

A lume di naso propenderei più per l'ipotesi che abbia utilizzato una replica tardo ottocentesca piuttosto che un originale del periodo Momoyama :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eheh ben detto Gian! Però non vorrei che questo fosse un altro test con lama americana... Yoshindo non viene rammentato.

 

Scusami Walter, ti ricordi se era la persona raffigurata in queste ad eseguire il taglio? Nel caso è disponibile il DVD sul sito che avevo linkato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Credo che anche gli articoli online abbiano fatto un pò di confusione... certamente chiederemo conferma tra un paio di settimane direttamente a Yoshindo :-)

 

Esistono due kabutowari uno appunto come si legge nel mio post poco sopra fatto da Obata Toshishiro con una lama americana costruita da Paul Champagne, il quale aveva preso l'idea dal taglio fatto con una lama di Yoshindo da Terukata Kawabata Sensei, la lama in una tsuka molto spartana.
Le immagini postate sopra credo che fanno tutte riferimento ad Obata Toshishiro.
Questa invece del secondo:
kabutowari Yoshihara blade Visualizzazione Web - Grande.jpg
Walter ci confermi che nel video era lui ad eseguire il taglio?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Allora Francesco,sei forte, ci siamo, è lui, nel video che avevo, si vede Yoshindo che forgia la spada ,la polisce,ecc, poi passa la lama a Kazuyuki Takayama ,tesoro vivente per koschirae, per la tsuka "spartana" finito il tutto la spada viene presentata alla persona che eseguira il test, non conosco il nome, la cassetta credo che lo avuta o da Stefano o Massimo, non ricordo sono passati venti anni,ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guardando la foto postata , ricordo anche il kabuto, il video era a colori , ricordo che dopo il test, positivo, Yoshindo guardando la lama era molto sodisfatto,il punto d'impatto sulla lama, era solo un alone , che Yoshindo, con il pollice e l'indice tiro via.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guardando la foto postata , ricordo anche il kabuto, il video era a colori , ricordo che dopo il test, positivo, Yoshindo guardando la lama era molto sodisfatto,il punto d'impatto sulla lama, era solo un alone , che Yoshindo, con il pollice e l'indice tiro via.

Walter, forse da qualche parte una copia dovrei averla, in cassatta VHS.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Simone, la cassetta girava tra noi associati, ma erano i primi anni 90, forse 94, Ciao Massimo, se trovi ( spero ) si tramuta in dvd, merita perché era molto bello, un tameshigiri di quelli seri !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...