Vai al contenuto
Walter Pozzecco

tameshigiri su kabuto

Messaggi consigliati

Ciao bello il video!

vorrei fare una considerazione, in battaglia non credo che restassero fermi ad aspettare il colpo dell'avversario!!

le varie evoluzioni di forma penso siano dovute ai diversi usi, la fanteria, i cavalieri, gli arceri li avevano diversi

non sono un esperto ma per quello che ho visto e letto in giro i kabuto hanno cambiato forma e consistenza in funzione dell'utilizzo in battaglia,

nei periodi piu antichi si combatteva con pietre, forconi e con le temute naginata, e il ridotto volume poteva aiutare a schivare il colpo... Puo essere?

.... chi mi sa dire altro?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io ho il video in VHS completo. Solo che sto facendo trasloco ed è in uno dei vari scatoloni che sto facendo.

Se a qualcuno interessa potrò, diciamo a fine anno, trasferirlo su DVD.

Mi sono sempre chiesto perchè ha usato la parte mediana della lama e non l'ultimo terzo.

Non me ne intendo per cui non ne so nulla.

Se qualcuno mi illumina ...

 

Gianfranco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Francesco.

Davvero molto interessante.

 

Confermo quanto disse Grignas ad agosto.

Questi test nascono in epoca Edo per saggiare non solo la qualità estrema che una lama deve avere per subire un test estremo di questo tipo. Esso è un test altrettanto estremo per l'esecutore, cui vanno almeno la metà dei complimenti per il risultato.

Questi elmi nascono per difendere cavalieri che non avrebbero mai ricevuto colpi di questo tipo.

Essi affrontavano prima piogge di frecce, ed è per questo che le coperture si estendono spesso fino a coprire bene tutto il collo, quindi una fanteria armata di lance (yari) e alabarde (nanginata).

Le nostre armature del basso medioevo sono state sviluppate all'incirca sulle medesime funzionalità.

 

Questo non significa, ovviamente, che non fossero in grado di sostenere un colpo di spada.

Ma un colpo come quello del filmato è la dimostrazione che questi kabuto erano sapientemente costruiti.

L’elmo riesce a reggere l'urto, proteggendo chi lo indossa, nonostante l'evidente taglio.

Il colpo, considerando inoltre che l'elmo del test è fissato e quindi non può ammortizzare l'urto come in battaglia, non sarebbe stato mortale.

 

Difficilmente qualcuno avrebbe tentato un colpo del genere in battaglia.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bei ricordi, lo vidi la prima volta nel 1990/91 il video me lo diede Mr. Sinclaire (Londra ), ho ancora gli originali da dove fu tratto questo documento,che

conserviamo nel nostro archivio I.N.T.K.

Per noi fu, un privilegio averlo, perchè in Italia non esisteva niente di simile, grazie al Clive Sinclaire, che ce lo concesse in esclusiva per I.N.T.K.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...