Vai al contenuto
rob

wakizashi scuola Hizen

Messaggi consigliati

Credo che qualsiasi considerazione su un nakago cosi compromesso possa restare nel campo della pura speculazione. È chiaro che è stato asportato molto materiale e ciò che si vede ora sono giusto i resti di una pesante molatura.

 

Per quanto riguarda le caratteristiche della lama, vedo nel video diverse aree del jigane che sarebbe meglio analizzare dal vivo. Quindi su alcuni dettagli non mi pronuncio.

 

In generale il jigane mi sembra relativamente scuro con piccole aree anche più scure. Il boshi è molto convincente, l'habuchi che parte "in sordina" per vivacizzarsi nella zona del monouchi fino a lambire, in alcuni punti, lo shinogiji è abbastanza tipico della linea Munetsugu. Come pure i vigorosi nie nello ha e nel ji.

 

Questa lama di certo ne ha viste di tutti i colori per quanto riguarda il restauro ma, a lume di naso, potrebbe essere buona. Ossia, per quanto mi è possibile arguire da ciò che vedo in questa sede, mi pare papabile un'attribuzione alla linea Munetsugu.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille Gianluca per aver raccolto il mio invito :arigatou:

 

Che sia di una certa qualità la lama si è detto da subito e siamo tutti concordi penso. Avresti delle altre oshigata di riferimento per questi forgiatori da poter linkare per lo hamon? Purtroppo non ho molte fonti ancora e mi piacerebbe collegare quanto dici sul nioguchi con delle immagini :arigatou: sul boshi concordo in pieno

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il materiale che ho a disposizione è quello che si può trovare facendo un po' di ricerca sul web. Sui libri in mio possesso non c'è molto altro.

 

Non ho mai avuto in mano una lama di Munetsugu ed un giudizio da foto è sempre parziale.

 

Semplicemente molti dettagli sembrano congruenti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho cercato e cercato sul web, ma a parte un'altra lama venduta da aoi non ho trovato altro, non utile per fare un confronto secondi me valido. E non mi sembrano molto combacianti gli hamon, per quello chiedevo... secondo me e possibile che sia di un munetsugu, ma non sono molto sicuro sia attribuibile allo shodai non con quanto vedo. Ma tutto può essere. E sicuramente una tua opinione vale molto più della mia!

Sono sempre più curioso su questa lama!

Spero che altri dicano lo loro! :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La mia opinione è che ci siano diversi particolari stilistici che potrebbero calzare con la linea Munetsugu. Per dire di più occorrerebbe vederla e studiarla dal vivo.

 

Considerate le condizioni del nakago (e tenendo presente che per molti forgiatori dello Shinto il nakago è l'unico elemento su cui basare una distinzione tra una generazione e l'altra) non mi metto a fare speculazioni su shodai/nidai etc. e neppure se la firma è somigliante oppure no.

 

:-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Neanche io speculerò se shodai o nidai, per me i colpi sono troppo diversi dalle lame famose pubblicate. Ma intendiamoci Rob, per la cifra che l'hai pagata è un bel colpo!!!

 

Io onestamente tutta questa Hizen dentro non ce la vedrei, e se fosse una Soden Bizen tardo Muromachi?

 

_DSC2246hoshigatabis.jpgyozazaemon-sukesada1.jpg

Modificato: da Francesco Marinelli

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Neanche io speculerò se shodai o nidai, per me i colpi sono troppo diversi dalle lame famose pubblicate. Ma intendiamoci Rob, per la cifra che l'hai pagata è un bel colpo!!!

 

Io onestamente tutta questa Hizen dentro non ce la vedrei, e se fosse una Soden Bizen tardo Muromachi?

 

attachicon.gif_DSC2246hoshigatabis.jpgattachicon.gifyozazaemon-sukesada1.jpg

hai qualche particolare della jihada di questa che hai postato? a questo punto comincio ad avere le idee confuse. Trattiamola come mumei, mi sembra più opportuno. Tanto con quel nakago, non se ne viene a capo.

Come potrei fare per portarla a vedere, dal vivo intendo :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per cosa pensi che qualche post fa avevo scritto di concentrarci sulla lama tralasciando il nakago? Perchè è praticamente invalutabile... (e non regge il confronto col resto della lama).

 

Bravo Francesco, hai postato una oshigata con un hamon molto più simile (DA QUELLO CHE SI PUÒ VEDERE DA QUESTE IMMAGINI) alla lama di Rob secondo me...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mah, forse il disegno dell'hadori è simile ma la struttura dell'hamon, secondo me, è diversa.

 

Poi il nakago Sue Bizen è piuttosto corto e tozzo; questo è lungo e snello.

 

Non resta che esaminarla dal vivo...yuk yuk !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certamente le mie sono pure ipotesi, fare "kantei" del genere è sempre difficile.

 

Ho postato nel post precedente accanto (almeno da pc si visualizzano così) una foto di una lama di Sukesada e della lama di Rob (che aveva caricato precedentemente un file pdf da scaricare).

 

Per chi legge il forum da poco lo hadori (una sorta di make up) nella foto è quella zona bianca che sormonta lo hamon, viceversa nella scannerizzazione della lama in questione è il bordo nero dello hamon.

 

----------

 

Per quanto vedo trovo che il sugata sia molto simile, ed un poco tozzo.

Caratteristica piuttosto rara è la forma dello hamon, una prima metà bassa, la seconda alta.

Simili anche dell "onde":

_DSC2246hoshigatabis - Copia.jpgyozazaemon-sukesada1 - Copia.jpg

 

Vero per il nakago Bizen, ma confrontato con questo come lunghezza siamo lì, vero che è snello ed ha quel nakago jiri appuntito, ma come è stato detto è tutto molto rovinato, non mi meraviglierei se fosse stato modificato, ed in origine fosse stato più tozzo.

 

--------

Lo scorso anno ho visto un'altra lama con hamon basso nella prima metà, e nella seconda alto che ricordava Bizen, appena mi ricordo vi faccio sapere. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sapete che qui parlo con meno cognizione di causa che altrove, per cui totale beneficio di inventario.

Rob, secondo me il trauma che ha avuto è stato l'incontro con un deficiente che ha tentato di adattarla ad una Tsuka non sua.

Anni addietro non era facile recuperare pezzi originali e persone capaci di restaurare con criterio se non con filologia.

Ma la patina potrebbe suggerire che questo "adattamento" possa non essere troppo recente. Magari fu fatto di fortuna, per mettere in piedi rapidamente una lama funzionale, quando ancora non si andava troppo per il sottile.

L'età potrebbe quadrare.

Odio l'hadori, l'ho sempre odiato è sempre l'odierò.

Già capisco poco e così niente del tutto.

Per giunta, spesso viene usato solo per camuffare la stanchezza di una lama, ma non è questo il caso.

Anche a me ha ricordato vagamente un bizen tardo muromachi, come a Francesco.

Sugata e hamon mi ricordano qualcosa visto non troppo indietro nel tempo.

Comunque, qui sono il meno affidabile di tutti...

I miei complimenti e dì ha tua moglie che sono gli uomini senza spirito d'avventura e senza interessi quelli che fanno minchiate!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sapete che qui parlo con meno cognizione di causa che altrove, per cui totale beneficio di inventario.

Rob, secondo me il trauma che ha avuto è stato l'incontro con un deficiente che ha tentato di adattarla ad una Tsuka non sua.

Anni addietro non era facile recuperare pezzi originali e persone capaci di restaurare con criterio se non con filologia.

Ma la patina potrebbe suggerire che questo "adattamento" possa non essere troppo recente. Magari fu fatto di fortuna, per mettere in piedi rapidamente una lama funzionale, quando ancora non si andava troppo per il sottile.

L'età potrebbe quadrare.

Odio l'hadori, l'ho sempre odiato è sempre l'odierò.

Già capisco poco e così niente del tutto.

Per giunta, spesso viene usato solo per camuffare la stanchezza di una lama, ma non è questo il caso.

Anche a me ha ricordato vagamente un bizen tardo muromachi, come a Francesco.

Sugata e hamon mi ricordano qualcosa visto non troppo indietro nel tempo.

Comunque, qui sono il meno affidabile di tutti...

I miei complimenti e dì ha tua moglie che sono gli uomini senza spirito d'avventura e senza interessi quelli che fanno minchiate!

penso anch'io che sia stato danneggiato volutamente o in maniera scellerata da qualcuno che aveva qualche urgenza, non credo per nascondere la sua origine. C'è da dire che in passato lame anche di buona fattura, hanno subito modifiche truffaldine per aumentarne il valore, ma qui, questo intervento non ha migliorato la lama e questo mi fa pensare che ci siano state motivazioni diverse :numerouno:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il Sashikomi rende bene nel caso di uno stretto Nioiguchi / Habuchi, ma non aiuta a rendere ben visibili Nie e Nioi; nel peggiore dei casi li puo' addirittura oscurare. Lo Hadori può aumentare o diminuire il contrasto tra Hada ed Hamon, e dà agli Hataraki più brillantezza.

 

Ne avevamo a lungo parlato, qui un articolo completo tradotto: http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=7985&page=1

qui in parte ma con evidenti immagini per far capire: http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=744

 

buona lettura :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questo certificato, in copia, era allegato alla spada

 

Sword Registration

 

Local Authority: Fukuoka Prefecture

Issuance #: 76829

Type: Wakizashi sword

Length: 52.0 cm

Curvature: 1.7 cm

Mekugi holes: One

Mei Signature:

(front) 伊予掾源宗次 (Iyo-jo Minamoto-no Munetsugu)

(back)

Issued on: June 26, 1983

DSC05198.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come forse avrai già avuto modo di leggere sul forum questo è il torokusho e, se hai questo documento in originale, vuol dire che la lama è stata esportata dal Giappone illegalmente.

Per te non cambia nulla però, da questo dettaglio, si può fare qualche riflessione sulla serietà del venditore.

 

Non è un certificato in senso stretto e non implica nessuna garanzia di autenticità della firma.

 

Sul forum ed in rete si trovano moltissime info a proposito di questo documento.

 

:-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...