Vai al contenuto
G.Luca Venier

Kawa-tsutsumi 革包 koshirae ?

Messaggi consigliati

Dato che ultimamente stavamo parlando di tsuba laccate ed altre amenità mi ha incuriosito questo koshirae.

A prima vista mi era sembrato un normale koshirae successivamente laccato.

Osservando meglio dovrebbe invece trattarsi di un koshirae interamente in pelle laccata di rosso, compresi fuchi e kashira (si possono intuire le cuciture)

Potrebbe trattarsi di un Kawa Tsutsumi koshirae ?

 

Tra parentesi, la tsuba la trovo bellissima :arigatou:

 

 

16371koshirae z1.jpg

 

16371koshirae z2.jpg

 

16371koshirae z3.jpg

 

16371koshirae z4.jpg

 

16371koshirae z5.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo ultimamente il forum riduce automaticamente le foto, non so se Simone può intervenire a riguardo.

Potresti passarci il link originale per apprezzare meglio? Grazie.


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In quest'immagine mi sembra sia abbastanza evidente una cucitura e quindi anche fuchi e kashira dovrebbero essere in pelle, probabilmente sagomati su una base di legno.

 

 

16371koshirae zoom.jpg

 

 

 

Ho ingrandito e separato i files, così non perdiamo le immagini anche se sparisce il link :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si l'impunturato delle cuciture è evidente nel kashira, ma i residui di pelle che contornano la tsuba con gli intarsi sul piatto fanno presagire un lavoro da parte dell'artigiano a dir poco certosino, pensa Gian Luca la tsuba appena terminata nuova, bella da incorniciare! Azzarderei il periodo in cui è stato realizzato il koshirae shinto shinshinto?


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La tsuba direi che sia certamente laccata non rivestita di pelle. Almeno da quanto intuisco dalle immagini.

Poi, non capisco bene se la tsuba sia di metallo laccato o di cuoio anch'essa. Forse la seconda, a vedere i dettagli.

Nel complesso una lavorazione in stile "fiorentino", almeno per quanto riguarda la perizia sul cuoio !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dovrebbe effettivamente essere una Kawa Tsutsumi koshirae, intendendo queste come le montature rivestite in cuoio per la loro maggior parte; è notevole che qui abbiano anche realizzato i kodogu, essendo Shinto non certamente per un motivo di costo, probabilmente chi la ordinò voleva ricordare il koshirae tachi da battaglia di epoca kamakura, anche se montato a katana..

Qui un antico Kawa Tsutumi koshirae del Tokyo National Museum

 

Kawa tachi.jpg

 

L'abilità dei nostri amichetti gipponesi a lavorare il cuoio era notevole, guardate questo kabuto e menpo, entrambi realizzati in cuoio

kabuto.PNG

il menpo è notevolissimo, con rifiniture ed angoli netti che sembrano metallo..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bellissimo! notare che è cmq un 64 piastre, in asta tra pochissimi giorni


Fabrizio T.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusa Fabrizio mi spiegheresti (scusa l'ignoranza) e sempre per tua cortesia cosa vuol dire "64 piastre" e le sue peculiarità e quanto un kabuto, anche come quello raffigurato poteva adeguatamente proteggere un guerriero da un fendente ben assestato?

Il menpo che cita Renato, che credo sia la protezione bassa del viso è veramente bello!


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io da super ignorante non apprezzo particolarmente il koshirae, probabilmente è come dare caviale ai porci.

Il kabuto invece lo apprezzo molto nella forma ma anche qui da super ignorante gli darei 2-300 euro al massimo. E lo dico con vergogna perchè immagino sia un insulto per chi invece di kabuto ne sa anche solo qualcosa...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lieto di esservi utile se riesco! Le piastre sono delle lamine, solitamente in ferro, poi unite insieme, talvolta rinforzate con una rivettatura. Questo allo scopo di attutire il colpo ed in qualche modo distribuirlo, diminuendolo, attraverso tutta la struttura. Efficacia o meno piu sono le piastre piu il kabuto risulta essere un lavoro certosino, vedi scuola saotome. Se un kabuto possa resistere ad una nihonto? Le ken o piastre sono robuste e leggere tuttavia riaentirebbero dell effetto del punto critico....un kawari di 2 cm è pesantissimo.ma impenetrabile! Sul.kabuto postato invece è abbastanza insolito, appartiene ad un lotto tedesco in asta a fine mese purtroppo vi rispondo da cellulare ma domani vi do il link all asta ricordo che è su invaluable ed è tedesco...abb recente seconda meta edo e sui 3 4k! Se lo comprerei? È uno sfizio...quindi lontanissimo dalla mia condizione di studioso e collezionista. Ad ogni modo tenete ben presente una differenza tra kabuto e nihonto, nel mondo kabuto yoroi tutto ciò che è recente ornamentale e semplicemente non ha vissuto il campo di battaglia vale poco!


Fabrizio T.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi, scusate ma da cellulare non trovavo il link diretto:
http://www.invaluable.com/catalog/searchLots.cfm?scp=c&catalogRef=4N23CK3BYM&shw=200

Sull'ornamentale sono stato impreciso, non è che kabuto o yoroi tardo edo valgano poco, valgono meno anche se in ottima condizione o di ottima fattura rispetto ad un esemplare più vissuto/ danneggiato ma prodotto in periodo di guerra.

Quest'asta ha pezzi molto interessanti, non museali, ed è un ottima palestra per riconoscere gli stili, i prezzi di partenza sono abb contenuti (credo saliranno ma non alle stelle) proprio in virtù di datazioni recenti e di condizioni non perfette (almeno sui pezzi su cui mi sono soffermato)


Fabrizio T.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Esempio di koshirae in cuoio realizzato nell'era Keicho. Contiene un tachi di Bungo Yukihira, classificato kokuho, appartenuto a Hosokawa Yusai (1534 - 1610)

 

hosokawa.pdf

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:thumbsup:

kawa koshirae.png

 

In realtà lo trovo così descritto: "Muromachi-period kawa-tsutsumi no tachi to the kokuhō tachi “Kokindenju-Yukihira” (古今伝授行平)"


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante