Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Qualche tempo fà ne avevammo discusso anche sul forum, perchè qualche cosa del genere era già capitato.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'incisione sembra posta "non in profondità" e con un minimo di discrezione (caratteri piccoli e non appariscenti)... secondo me se la politura è della più alta qualità e fatta ad arte da un grande maestro (in grado di tirar fuori il massimo dalla lama), in questi termini la percepisco come un valore aggiunto che come un grido di autoreferenzialità...

Aggiungo però che non so giudicare una politura del più alto rango da una media e buona politura.... e detto questo su una lama di medio valore. Su un capolavoro artistico e di indiscusso valore storico, come una kokuho farebbe storcere però anche a me il naso...

Forse anche in una lama non prettamente strabiliante ma con una grande storia la vedrei come una sorta di kizu quasi...

Insomma valuterei di volta in volta.

 

probabilmente è come per i graffiti. La maggior parte sono niente di più che atti di vandalismo che rovinano il paesaggio. Altri invece per fortuna che ci sono.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca fa probabilmente riferimento ad una tradizione, un tempo assai diffusa, che riteneva doveroso percorrere il nostro viaggio senza lasciare tracce sul percorso che potessero offuscare la meraviglia della natura.

 

Il mondo delle lame giapponesi non ha lasciato lo zen quest'anno e pensare che esso possa viaggiare in controtendenza col resto dell'umanità è follia. ....So quel che dico, visto che c'è voluto del bello e del buono per convincere la mia bimba che non è disonorevole indossare un paio di mutande mumei.

 

L'effetto estetico è gradevole.

Il punto scelto è tradizionale e sobrio nell'economia estetica complessiva.

Sono certo che presto il togi di grido sarà apprezzato e opportunamente valutato dal mercato.

Con qualche ragione.

Dal mio punto di vista, non aggiunge niente. Ma avrete capito che ho le mie idee e che non faccio testo.

 

Quello che invece riterrei opportuno è che il Togishi rilasciasse una scheda tecnica che, oltre a dettagliare la lama, certifichi il lavoro fatto e le scelte operate. Magari con un minimo di documentazione fotografica.

Oltre a valorizzare il lavoro fatto, che talvolta è un vero e proprio restauro, resterebbe traccia nella storia della lama, favorendo successivi interventi. Qualora fossero necessari, ovviamente.

...ormai te lo rilascia anche chi ti aggiusta lo scaldabagno!

 

Parere personale, eh, non se la prenda nessuno, non accuso ne critico.

Forse l'INTK potrebbe addirittura prendere posizione in merito, indicando uno standard e facendo scuola....

Sicuro serve di più di un graffio sotto l'habaki.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

@Getsu, hai inteso perfettamente il mio pensiero :arigatou:

Comunque si trattava solo di un commento d'istinto: so come va la faccenda e...la cosa delle mutande mumei è impagabile (ho anch'io una figlia di dodici anni...)

 

Il nostro Massimo Rossi già da anni redige le schede tecniche delle lame che polisce ed ha un notevole archivio fotografico. Una pratica encomiabile che, a parte il valore aggiunto, risulta utilissima anche per lo studio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pure il mio è solo un piccolo parere personale getsu!

Non sono quei due graffi che aggiungono il valore anzi.

Che non dovrebbero mai "rubare" la scena di ammirazione dell'oggetto ci aggiungo. Sempre che non ci sia più maestria racchiusa nel restauro che non nell'oggetto stesso...

 

E le schede tecniche della politura dovrebbero essere un must come per i tagliandi di una macchina (scusate il paragone...). Io ho visto solo quelli di massimo e sono vome un hozon praticamente... mica quattro scarobocchi in croce... misure... carta gialla... formato stile paper... belli anche nell'estetica

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Forse la spada è stata fatta su commissione, e il proprietario desiderava pure la firma del togi, io ho sempre saputo che la firma del politore sono le linee verticali fatte con il brunitoio, che poi non so come si riesce a capire chi è il togi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...Enrico, ti abbiamo trovato il prossimo lavoro.

Lettore di bar code da applicare al nagashi per definire la scuola di togi...

 

😂😂😂

 

(Walter, non ci ho mai capito niente neanche io)


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il problema è che avevano inventato il codice a barre ma non sapevano come leggerlo. :marrotolo:


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ribadisco il concetto, sè questa èla tendenza non possiamo andare controcorrente e, tutto sommato, se resta discreto non fa male.

Il lavoro della persona c’è ed è tanta roba.

...tanto lì viene poi comunque invariabilmente ricoperto dal sangue coagulato.

(Reminiscenze del passato per Betadine).


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante