Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Malacarne

Katori Shinto Ryu

Messaggi consigliati

Ciao a tutti!... :fiori:

 

C'e' qualcuno fra divoi che conosce o pratica la scuola di spada detta Katori Shinto Ryu?

 

IO la conosco da poco e sono molto interessato a qualsiasi cosa inerente l'argomento... :samurai:

 

 

Un grazie anticipato a tutti quelli che risponderanno!

 

Fabrizio (detto IL MALACARNE)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Benkey...che celere risposta!

 

Io ho iniziato da pochissimo a praticare il Katori, in un dojo di aikido qui a Torino.

 

Purtroppo essendo un "esperimento" da parte del Dojo ancora le lezioni sono rade(un'ora a settimana), ma d'altronde e' il primo e unico Dojo che si interessi a questa scuola qui a torino, quindi non posso fare altrimenti che seguirlo.

 

 

Sono particolarmente interessato a trovare VIDEO sull'argomento, specialmente sui Kata!

 

Conosco il sito www.katorishinto.it, ma mi piacerebbe trovare altre risorse in italiano.

 

Ed anche: Esistono libri sul katori che non siano in Giapponese?, un po di francese e inglese li mastico..ma solo un pò.. :whistle:

 

Iosono assolutamente novello di arti marziali...perdonate inesattezze maestri! :vecchiocinese:

 

Comunque il Katori mi piace da morire :ok:

 

ciao

 

Fabrizio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi spiace se nella seconda risposta non sono stato così celere. Sono contento che anche tu ti sia avvicinato a questa bellissima scuola. Anche a me piace davvero moltissimo. Purtroppo ti devo subito dire che materiale in italiano è praticamente impossibile da trovare perchè non è mai stato prodotto, mentre le edizioni in inglese sono esaurite già da molto tempo. Esistono alcune edizioni in francese e qualche supporto video, ma personalmente te li sconsiglio molto per i seguenti motivi.

 

Uno degli elementi più affascinanti del katori è proprio il fatto di essere uan scuola che è rimasta altamente conservata. ne consegue che molto di quello che era mantenuto segreto nel Giappone feudale, è rimasto per tradizione segreto ancora ai giorni nostri, non perchè ad oggi ci sia la necessità di nascondere le tecniche, ma pe custodire e tramandare non solo la parte "pratica", ma anche i principi filosofici ed educativi della scuola. Quindi anche vedendo una di queste videocassette o leggendo un libro, probabilemtne non riusciresti a comprendere molto di quello che recepisci. L'unico consiglio sincero che posso darti è quello di continuare in una pratica appassionata e costante. Il resto delle risposte arriverà :ok:


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Benkey

 

Faro tesoro di quanto detto.. :arigatou:

 

Tu dove pratichi? Conosci mica Andrea Re di MIlano? Ho partecipato a un paio di stages tenuti da lui, mi sono molto piaciuti.

 

Sarebbe bello mantenere vivo questo post non trovi? Il katori secondo me merita spazio....

 

 

In compenso ho trovato qualche video su un sito olandese, deve essere un dojo di Amsterdam.

 

Il primo kata di spada e il primo di Bo.......a me sono molto utili per praticare a casa perche devo ancora memorizzare le mosse ..... :whistle: .

Li ho messi in allegato ma spero funzioni e la prima volta che lo faccio e non sono un grande informatico

Ciao Ciao :laugh: !

1itsutsu_no_tachi.WMV

bojutsu_1kajo.WMV

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pratico a Verona seguendo il mio maestro, che è allievo del Maestro Carniel, un insegnante svizzero che segue direttamente la scuola di Sugino Yukihiro sensei adesso, ma che ha studiato per più di 20 anni con il padre, Sugino Yoshio sensei.Conosco Andrea Re di fama, ma non ho mai partecipato a nulla fatto da lui. Il link a cui ti riferisci è del Maestro Louw, che segue la scuola di Hatakeyama sensei, l'allievo più vecchio di Sugino Yoshio.

 

Per fare un po' di chiarezza ti allego qui sotto un passaggio scritto dal mio Maestro sull'evoluzione del Katori in Italia

 

La situazione del Katori in Italia è abbastanza complessa. Fino a pochi anni fa, esattamente fino a quando era vivo il Maestro Yoshio Sugino, esistevano, per ogni nazione, gli Shibu, sorta di "capitani ufficiali" rappresentanti il Sensei in una nazione. Con Sugino Yukihiro Sensei a capo del Dojo di Kawasaki, questa cosa è cambiata. Sugino Sensei ha preferito, per evitare alcune tensioni createsi nel passato credo, far sì che tutti i dojo direttamente facessero capo a lui, senza intermediari e abolendo tutti i gradi Shibu. Confermo quanto detto per Hatakeyama Goro Sensei. Validissimo maestro e uno degli assistenti di Sugino padre, ha però scelto una strada diversa da quella di Yukihiro Sensei, motivo per il quale di solito chi segue quest'ultimo, per rispetto a lui, non segue anche Goro Sensei. Non entro ovviamente in merito della bravura dei singoli insegnanti. Da quello che so comunque la prima ad aver portato il Katori in Italia è stata la Sig.ra Raini (credo si chiami così), la vera fondatrice della prima associazione Italiana Katori, legata a Sugino Sensei. Da quello che mi è stato raccontato, per motivi prettamente politici, che non spetta a me giudicare, fu costretta ad allontanarsi da tale associazione e crearne una nuova, legata questa volta a Otake Sensei. Noi, come scelta personale, seguiamo come punto di riferimento Carniel Sensei di Neuchatel, che è anche nostro Maestro per il Daito Ryu Aikijujutsu e che fa capo esclusivamente a Sugino Yukihiro Sensei di Kawasaki. Questo non toglie validità a molti altri che insegnano questa disciplina in Italia. L'unica amarezza è nel constatare, talvolta, uno certo atteggiamento "antagonista" da parte di qualcuno che forse non ha appieno compreso quello che dovrebbe essere, a mio parere, una pratica di questa disciplina priva di schematismi federativi eccessivamente rigidi. Comunque questo per fortuna è solo il comportamento di rari personaggi che non minano comunque la validità di questa arte nel nostro paese.


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se devo essere onesto, per quel che mi riguarda e per come intendo la cosa, non mi interessa affatto (ancora magari...) chi sia a capo di e a chi faccia riferimento, mi interessa praticare , imparare, menare fendenti.. :samurai: e divertirmi, lascio queste cose a chi vive o quasi di questo (anche economicamente),e sospendo ogni giudizio.

 

Grazie delle risposte, peccato non ci sia niente di scritto, mi avrebbe fatto comodo!

 

A presto, appena avrò domande intelligenti!, (o almeno passabili :)! )

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

 

io sono un principiantissimo di Katori: ho iniziato a gennaio di quest'anno ed anche a me piace veramente moltissimo ... magari daro' maggiori dettagli in futuro.

 

Probabilmente sapete gia' (ma non si sa mai e magari vi interessa) che il Maestro Hatakeyama Goro e' in Italia e alcuni dojo organizzano seminari e stages con lui ... ecco quelli di cui conosco il link:

 

jitakyoei budo a Palazzolo (BS) ... il link porta alla pagina degli stages, ma un'occhiatina alla sezione multimediale ... :smile:

 

zanshin dojo a Milano ... anche in questo caso il link e' alla pagina degli stages.

 

 

CIAO :smile:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo che puoi chiedere, ci mancherebbe !!!

 

Studio a Milano presso il Centro Zen Ho Un Do con Carlo Faleschini che fa riferimento ad Hatakeyama sensei (spero di aver usato i termini corretti, sono un principiantissimo) ... per quanto riguarda il sottoscritto sarebbe più corretto dire che al momento cerco di capire da che parte si impugna un bokken :confused::smile: ... il resto, penso, arriverà in seguito.

 

A sproposito: complimenti e grazie per il Giardino dei Ciliegi ed il materiale che rendi disponibile

 

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Certo che puoi chiedere, ci mancherebbe !!!

 

Studio a Milano presso il Centro Zen Ho Un Do con Carlo Faleschini che fa riferimento ad Hakateyama sensei (spero di aver usato i termini corretti, sono un principiantissimo) ... per quanto riguarda il sottoscritto sarebbe più corretto dire che al momento cerco di capire da che parte si impugna un bokken :confused::smile: ... il resto, penso, arriverà in seguito.

 

A sproposito: complimenti e grazie per il Giardino dei Ciliegi ed il materiale che rendi disponibile

 

:arigatou:

 

Non conosco il Maestro Faleschini, ma sono sicuro che la sua pratica è ottima. Sono felice che tu ti stia appassionando a quest'arte, vedrai, ne vale veramente la pena. Grazie :arigatou: anche per i complimenti, nel mio piccolo cerco di fare il possibile per diffondere quello che generosamente tutte le persone che vedete citate nelle introduzioni mi hanno insegnato


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hei!

 

Ho sentito parlare anche io di questi appuntamenti con hatakeyama e penso che partecipero a quello del 14 maggio a milano, dovremmo venire da torino in almeno due o tre, se ci sarai avro piacere di salutarti

 

ciao Rodolfo e benkei..:)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

SI ... due amiche-uke mi hanno fatto notare:

 

"... mi pare di riconoscere in kendogi nero tradizionale con kamon sulle maniche la scuola di Sugino come stile e in kendogi blu il maestro Otake giovane ... nello iaido Otake sembra volare ..."

 

"... anche se i primi mi sembrano della scuola di Sugino, vista la distanza, i secondi mi hanno permesso di capire il senso degli attacchi perchè sembra che attacchino e parino per davvero ..."

 

... e dire che io al massimo mi ero detto ".. mazza se sono veloci" :laugh:

 

 

... una confessione :blush: avevo omesso il nome del dojo: MUSHINKAN DOJO :blush: a volte mi domando in che modo vivo (spesso me lo domandano gli altri)

 

a domenica

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con le tue amiche. Si tratta di due dojo differenti. I primi filmati sono più vicini a Sugino, mentre i secondi sono con ottima probabilità della scuola di Otake. I video sono davvero molto belli e ben fatti e vale veramente la pena di vederli, soprattutto per una sfumatura culturale.


image665.jpg

image634.jpg

image719.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento
Accedi per seguirlo  

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante