Vai al contenuto
Manuel Coden

Analisi su una lama tagliata

Messaggi consigliati

Cosa pensi che sia?


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Queste sezioni bastano per analizzare il pezzo da te postato.

Secondo te quale di queste gli assomiglia?


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

questi sono solo esempi schematici, ovviamente non possono essere presi per quello che effettivamente avviene in una lama lavorata a mano, dalla sezione si vede un'anima morbida racchiusa totalmente all'interno della lama, il nome del kitae ha poca importanza ma se proprio bisogna darne uno sarebbe makuri kitae

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Manuel. :arigatou:

 

Vedere: http://www.militaria.co.za/nmb/topic/9855-tsukuri-komi-kitae-blade-construction-methods/

Modificato: da mauri

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto interessante, Manuel! Ricordo un articolo sul bollettino dell'accademia di San Marciano di almeno 40 anni fa sulla sezione delle lame, comprese quelle giapponesi, pensavo di averlo ma non lo trovo....

Domanda stupida, che fine han fatto ha machi e mune machi? Raspati via?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A parte le facezie (e senza per forza riattizzare un noiosissimo flame "in fieri"), da quello che si vede dalle foto, anche ingrandendo l'immagine al massimo, quel segno sul mune sembra davvero un kirikomi.

 

Considerazioni sulle traiettorie d'impatto le lascio a voi, come pure la questione habaki (che, essendo generalmente di rame, si può tagliare piuttosto facilmente) e la questione tsuba (che potrebbe anche essere assente, in determinate montature).

 

Dico questo in base unicamente alle foto.

 

Poi, se Manuel suggerisce che sia invece una specie di delaminazione credo possiamo dargli retta, dato che ha la lama in mano e può giudicare senz'altro meglio di noi che stiamo di fronte ad uno schermo.

 

Be cool....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certe lame girano da un bel po' e ne hanno viste tante, dalle frecce alle schegge di granata.

Quello che può succedere in un campo di battaglia va al di là di ogni comprensione, mentre noi abbiamo spesso in mente l'immagine di un duello.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto interessante, Manuel! Ricordo un articolo sul bollettino dell'accademia di San Marciano di almeno 40 anni fa sulla sezione delle lame, comprese quelle giapponesi, pensavo di averlo ma non lo trovo....

Domanda stupida, che fine han fatto ha machi e mune machi? Raspati via?

L'ha-machi è completamente sparito mentre il mune-machi ha circa 1mm di scalino, forse erano entrambi relativamente bassi in origine, visto anche che ha perso circa 1mm di kasane a giudicare dal nakago

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi spiace Gianluca ma stavolta non la penso proprio così. Sul kirikomi intendo. Proprio ingrandendola al massimo si vede che il segno dell'intaccatura non è "pulito" ma è fatto di svariati scalini, indice sicuramente non di un fendente.

Se poi manuel per primo ci suggerisce che non lo è, non vedo perchè incapponirsi subito sul contrario con fare arrogante.

Ma sono discorsi già affrontati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

cercando di ragionare e anche se a prima vista sembrarebbe un kirikomi, mi sembra difficile che si impieghi un tanto per parar fendenti di katana. Considerando la leva di lunghezza assai inferiore, dovresti esser Ercole per fermare un fendente di daito, considerata anche ll'angolazione opposta della tacca...poi nella vita tutto è possibile

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certe lame girano da un bel po' e ne hanno viste tante, dalle frecce alle schegge di granata.

Quello che può succedere in un campo di battaglia va al di là di ogni comprensione, mentre noi abbiamo spesso in mente l'immagine di un duello.

Appunto. Una tacca del genere può essere determinata da varie cose.

Come già abbiamo consideraro in altri topic il "kirikomi", se considerato un "segno di battaglia" (e non una tacca in seguito a caduta accidentale) è degno di rispetto anche se causato da un proiettile o scheggia.

 

Il fatto che uno dei lati della "fessura" sia slabbrato non significa molto, secondo me. È un'intaccatura profonda e diagonale, con tutta l'aria di una "penetrazione".

 

Peró, come premesso, mi fido al 100% del giudizio di Manuel. Posso solo aggiungere che una delaminazione sul mune di questo tipo è la prima volta che la vedo.

 

Bene. Ora l'ho vista :-)

 

E, si: l'arroganza cerchiamo di tenerla al guinzaglio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo, allora siamo allineati.

In questi termini si può tranquillamente discutere su tsuba non tsuba, habachi non habachi, colpo non colpo e tutto quello che ci va dietro, anche restando sulle proprie posizioni eh per carità.

Ad esempio a me alla prima occhiata comunque effettivamente farebbe strano una apertura così profonda, ma come hai già sottolineato tu, da una foto... dietro un monitor... mettendo insieme angolazione, posto, aspetto, ed ulimo ma non ultimo il parere di chi 'sto pezzo di acciaio ce l'ha in mano, secondo me non è un kirikomi, inteso come ferita di battaglia da un'altra lama. Al massimo ha preso un colpo accidentale...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie manuel ora è ancora più chiaro!

La foto della sezione in bianco/nero però è quella che mi stimola di più... mi piacerebbe vederla dal vivo

ci sarà occasione di vederla ad un kantei, comunque viste le dimensioni è più facile vedere in foto che in mano

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante