Vai al contenuto
Francesco Marinelli

Civico Museo d’Arte Orientale - Trieste

Messaggi consigliati

Il Civico Museo d’Arte Orientale è situato nel cuore di Trieste, a pochi passi da piazza dell’Unità d’Italia. È il primo museo dedicato specificatamente all’arte orientale che nasce nella città altoadriatica e nella regione Friuli-Venezia Giulia.

 

0.jpg

 

Storia

 

Inaugurato l’8 marzo 2001, il museo ha sede in Cavana, ai limiti della zona più antica (Città Vecchia), vicino alle rive, a pochi passi dalla piazza dell’Unità d’Italia, in uno storico edificio del XVIII secolo, il Palazzetto Leo, già proprietà della famiglia triestina dei Leo, donato nel 1954 al Comune di Trieste dalla contessa Margherita Nugent assieme ai due edifici attigui.

 

Il museo

 

Il Museo ospita le collezioni d’arte orientale, ma anche memorie e ricordi di viaggio, armi, strumenti musicali, testimonianze di vario tipo e reperti di carattere etno-antropologico, provenienti da tutta l’area asiatica, in particolare dalla Cina e dal Giappone, e acquisiti dai Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste a partire dalla seconda metà del XIX secolo. Il percorso del Museo si sviluppa sui quattro piani dell’edificio.

0.5.jpg

 

Al Piano Terra funge da introduzione la narrazione dei rapporti tra Trieste e l’Oriente, avviati nel ’700 e sviluppatisi nell’800, quando le navi del Lloyd Austriaco di Navigazione, partite da Trieste e superato il Canale di Suez, raggiungono le lontane coste dell’India, della Cina e del Giappone. Uno spazio è rivolto all’interessante nucleo di sculture del Gandhara, databili tra I e IV secolo d.C., raccolte durante la spedizione italiana al K2 del 1954.

 

Il Primo Piano è dedicato all’arte in Cina, tramite abiti e tessuti in seta ricamata del tardo periodo Qing (XIX secolo), porcellane dal periodo Song (XI-XIII secolo) al tardo periodo Qing (XIX secolo), sculture e oggetti legati a Confucianesimo, Taoismo e Buddismo, le religioni della Cina.

 

Sulle scale di collegamento tra i diversi piani, volgendo gli occhi in alto, si scoprono otto aquiloni giapponesi del XIX sec., dipinti ad acquerello su carta.

 

18.jpg

 

Negli ultimi due piani del Museo la sezione dedicata al Giappone si apre con le porcellane giapponesi e ha il suo punto di forza nel salone dove si dispiega la collezione di stampe dell’Ukiyo-e, ovvero il Mondo Fluttuante, con opere di grandi maestri dell’arte giapponese tra cui Hiroshige e Hokusai con la celeberrima Onda.

 

12.jpg

13.jpg

15.jpg

16.jpg

 

È possibile gettare uno sguardo sulla tradizione del teatro popolare kabuki, avvicinarsi ai riti e alle tradizioni di Shintoismo e Buddismo

14.jpg

17.jpg

 

 

e infine, attraverso la ricca raccolta di armi e armature dal XV al XIX secolo (tra cui una lama datata 1481).

 

1.jpg

2.jpg

3.jpg

4.jpg

5.jpg

6.jpg

7.jpg

8.jpg

9.jpg

10.jpg

DSCF0904.jpg

DSCF0905.jpg

DSCF0906.jpg

DSCF0907.jpg

DSCF0908.jpg

DSCF0909.jpg

DSCF0910.jpg

DSCF0911.jpg

DSCF0912.jpg

DSCF0914.jpg

DSCF0915.jpg

DSCF0916.jpg

 

Breve video-tour: https://www.youtube.com/watch?v=JJYYscZo5i4

 

Sito: http://www.museoarteorientaletrieste.it/

 

Sulle condizioni di preservazione e gestione del museo ne è stato ampiamente parlato qui: http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=7287

 

 

Prima di eventuali visite è consigliabile telefonare per chiedere conferma dell’apertura del museo o prenotare una visita.

 

Non ci dovrebbe essere alcun catalogo della collezione.

 

 


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono "Triestino" se per caso passate per Trieste, mi contattate , il museo è un po misero (per me), purtroppo qui a Trieste di roba ne è rimasta poca, Trieste ai tempi d'oro era lo scalo principale tra l'oriente e l'occidente, a Trieste sotto l'amata Austria ci sono stati i piu' grandi mercanti D'arte orientali e negozi di antiquariato,che poi si sono spostati a Vienna, adesso il nulla! Pero' una visitina al museo merita, l'I.N.T.K. a suo tempo a catalogato tutto il materiale, un lavoro lungo e difficile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci lavorammo in due periodi in totale circs una settimana per catalogare le lame del Museo.

Erano nelle casse dal 1852, e nessuno ci aveva messo le mani.

Ci lavorammo Io, Stefano Verrina, Alberto Roatti, ed il M. Hosokawa, che venne nel secondo incontro per controllare che fosse tutto ok.

Fù molto interessante catalogare le lame, anche perchè fummo i primi dopo quasi un secolo e mezzo a metterci le mani.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come promesso ho fatto alcune foto nel museo d'arte orientale a Trieste

la responsabile mi ha permesso di fare poche foto e solo l terzo piano :basito: purtroppo ,quindi la qualità e medio/buona.

comunque il museo è diviso in 3 piani per a maggior parte Giappone e cina.

bellissimi gli aquiloni antichi . :fuso:

 

 

20170129_151257.jpg

20170129_151315.jpg

20170129_151600.jpg

20170129_151733.jpg

20170129_151902.jpg

20170129_152008.jpg

20170129_152023.jpg

20170129_152027.jpg

20170129_152032.jpg

20170129_152044(0).jpg

20170129_152048.jpg

20170129_152138.jpg

20170129_152142.jpg

20170129_152150.jpg

20170129_153301.jpg

20170129_152156.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sisi se non ricordo male c'era anche la didascalia.

Ma purtroppo la foto è venuta con un enorme riflesso del vetro 😢.e me ne sono accorto solo a casa 😱

Sul cellulare della ragazza dovrei avere le didascalie degli tsuba se interessa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è che per caso ti ricordi a chi era attribuito il tanto centrale nell'immagine?

 

Bè che domande, certo che ci interessano anche le didascalie delle tsuba! :uhm-haha::uhm-haha:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Wuao grazie mille per le foto!!

 

Per caso ti ricordi se queste lame avevano la didascalia?

 

attachicon.gifTanto.jpg

 

 

Sono curioso pure io, se si legge qualche cosa di quello tutto a destra.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dovrei ripassare o in settimana o al massimo la prossima ^-^ con un amico interessato.

Quindi nessun problema , anzi se volete qualche foto più nel dettaglio chiedete

Comunque è un peccato che molte lame siano così rovinate , certe sono proprio coniate malissimo .

Un piccolo restauro , magari su quelle più importanti ci stava! 😅

Ma probabilmente mancano soldi 😅

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il museo è anche molto anonimo , non lo pubblicizzano x niente , molti a Trieste non sanno nemmeno che esiste , figuriamoci chi viene da fuori .

È un peccato perché anche se piccolo a alcune cose davvero interessanti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Venerdì scorso 8 Dicembre ho avuto finalmente la possibilità di visitare la bellissima Trieste ed il Civico Museo d'Arte Orientale.

 

DSC_6128.JPG DSC_6129.JPG

 

Premettendo che il museo è gratuito, il nuovo allestimento e l'illuminazione non sono male, considerando gli standard italiani. Purtroppo le condizioni delle opere sono quelle che tutti voi amici conoscete...

_MG_0079.jpg

_MG_0077.jpg

Vi posto qualche foto di dettagli, se ne vorrete altre, non esitate a chiedere!

 

_MG_0059.jpg _MG_0057.jpg _MG_0055 - Copia.jpg_MG_0054 - Copia.jpg


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante