Vai al contenuto
Massimo Rossi

Museo Nazionale della Slovenia - Lubiana

Messaggi consigliati

Dal ritorno dalla Slovenia, in Lubiana, dove stò collaborando per la realizzazione della mostra sulle armi giapponesi che si inaugurerà il 17 maggio 2017 al Museo Nazionale National Museum (Narodni Muzej) Presernova cesta 20 Lubiana.

 

1.jpg2.jpg3.jpg4.jpg5.jpg6.jpg7.jpg8.jpg9.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtoppo le lame non sono ben conservate, ne ho recuperata una, che posterò a breve, una wakizashi firmata Kane Naga, Mino Yamato, interessante.

Il resto che sarà esposto è di privati, fra quelle ci sono buone cose.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vi posto la lama che ho recuperato e polito del Museo.

Purtoppo è stata l'unica che si è potuta salvare.

Questa Wakizashi è una buona Seki Mino, Yamato. Kanenaga, Sue koto tardo Muromachi.

 

DSC_0045.JPG

 

 

DSC_0062.JPG

 

 

DSC_0078.JPG

 

 

DSC_0022.JPG

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che boshi ragazzi. È la prima volta che ne vedo uno proprio così.... a pelle mi sembra una fiammata, quindi kaen, ma forse è più corretto definirlo hakikake? Spettacolare vhe si "divide" in due...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pensate che tipo di lavoro ha eseguito Sensei Massimo se come dici Francesco, era in condizioni pessime prima della politura, ma è il boshi che è spettacolare (rubando l'aggettivo ad Enrico) giusto Kaen - boshi tipico tardo Muromachi Hamon - gunome-ha, e correggetemi se sbaglio, la cosa che mi salta agli occhi ad un primo esame (delle foto, in particolare la foto di centro lama) è incredibile e bello, come l'attività ricchissima di tutte quelle cose che una buona forgiatura produce vada dallo Ji continuando con la stessa ricchezza nello Ha, spero di non aver detto grosse castronerie, concedetemi il coraggio di averle espresse.

P.S. se Massimo non ci avesse rivelato periodo scuola e forgiatore avremmo potuto farci il prossimo kantei :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Queste lame sono state trattate con inverione galvanica e acido, quidi immaginate in che stato sono le altre.

Se quardate attentamente il Nakago si vede la bugnatura dell'acido.

Per fortuna questa è stata salvata, devo dire è anche di buona qualità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hello, exhibition "Paths of Samurai" starts at 30. th of May 2017. National museum of Slovenia, Ljubljana, Metelkova street. Public opening at 31.th of May. Happy to meet you in Ljubljana.

Big thank's to Mr. Massimo.

 

PATHS OF THE SAMURAI. Japanese arms and martial culture in Slovenia

 

The figure of the Japanese warrior the samurai his weapons, combat skills, and worldview have excited our imagination for at least a century and a half since the land of the rising sun opened itself to the rest of the world after a long period of isolation.

 

The samurais arms as well as his ethos and worldview have become a unique bridge between the Japanese culture and the West. It's hardly a coincidence that Slovenes also are fascinated by the masterly crafted blades, sublime philosophy, art, and martial arts of ancient Japan. However, we are often not aware how profound these contacts are. This is the reason that, with the support of the Japan Embassy in the Republic of Slovenia, the Research Centre of the Slovenian Academy of Sciences and Arts, and the Faculty of Arts, University of Ljubljana, the National Museum of Slovenia is preparing its first comprehensive exhibition of about 50 selected items of Japanese weapons and armour from the museum's as well as several private collections in order to portray the warriors that once used them, the world they lived in, and the paths by which the legacy of the samurai reached the Slovenes.

20170515_133333.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...