Jump to content
Guascone

Scelta fra tre diverse lame

Recommended Posts

Buongiorno,

 

scrivo dopo diversi anni dalla mia prima iscrizione.

Finalmente sono in procinto di acquistare la mia prima spada antica.

 

Ovviamente l'acquisto ha delle limitazioni dettate dal budget...

 

Vorrei sottoporvi tre articoli e conoscere se possibile le vostre opinioni.

 

https://www.aoijapan.com/katana-menuki-shikkake-kodaiarmy-gunto-koshirae

https://www.aoijapan.com/katana-mutsu-aizu-ju-masanaga-the-first-generation

https://www.aoijapan.com/katana-mumei-attributed-as-ko-naminohira

 

Vi ringrazio per il vostro aiuto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le tre lame che hai postato sono di tre periodi diversi e con stili diversi quindi è difficile darti consigli, a parte delle impressioni soggettive sulle stesse.

Una lama è già in hold, quindi dubito tu la possa prendere in ogni caso

Share this post


Link to post
Share on other sites

si, gli stili sono diversi e i periodi pure ma considerando la mia ignoranza in materia valutativa mi chiedevo se poteste aiutarmi con qualche opinione sui tre oggetti.

Non conosco i forgiatori delle lame ( e quindi nemmeno la loro eventuale fama...) e non riesco nemmeno a valutare bene le condizioni...il prezzo lo si può giudicare appropriato?

 

Grazie ancora!

Share this post


Link to post
Share on other sites

si, gli stili sono diversi e i periodi pure ma considerando la mia ignoranza in materia valutativa mi chiedevo se poteste aiutarmi con qualche opinione sui tre oggetti.

Non conosco i forgiatori delle lame ( e quindi nemmeno la loro eventuale fama...) e non riesco nemmeno a valutare bene le condizioni...il prezzo lo si può giudicare appropriato?

 

Grazie ancora!

Perdona se sono diretto, ma allora perchè vuoi spendere certe cifre (non tra le più basse) per qualcosa che non conosci?

Capisco bene la voglia di possedere una lama, ma se neppure tu sai cosa vuoi potresti investire una minima parte di quei soldi in libri oppure se proprio non puoi fare a meno di una lama in qualcosa di più economico (ce ne sono in vendita anche nella sezione riservata ai soci)

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie per il tuo suggerimento.

Il fatto che mi definisca ignorante non vuol dire che qualche libro non lo abbia letto...ad oggi non ho trovato traccia di quei forgiatori nelle pubblicazioni da me lette (incluso il libro venduto sul forum), ragion per cui ho pensato di chiedere aiuto qui.

 

Ho chiesto aiuto per quelle tre lame perché ho la possibilità di acquistarle direttamente a Tokio (avrò di conseguenza modo di guardarle con i miei occhi e d ogni suggerimento è gradito).

Quello che mi piacerebbe ricevere è, sulla base delle immagini oltre che della breve descrizione presente sul sito, qualche informazione sul forgiatore (se conosciuta) piuttosto che un'opinione sul koshirae che mi aiuti a scegliere e capire se si tratta di pezzi a prezzo o pure no.

 

Considerando l'esperienza di molti utenti di questo forum immagino che anche da una discussione di questo tipo ci sarebbe da imparare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo tu abbia preso in considerazione anche le questioni burocratiche e costi di importazione allora.

Ti do le mie impressioni sulle lame:
1) Certificata come Shikkake Muromachi, scuola di tradizione Yamato anche se questa non è l'esempio più bello della scuola, abbastanza sana senza grossi difetti, il koshirae è da gunto quindi nulla da dire

 

2)Firmata e certificata, Masanaga non è un nome tra i più grandi ma ha una buona quotazione https://nihontoclub.com/smiths/MAS158, la lama è sana ma personalmente hada e hamon non mi entuasiasmano, il koshirae mi piace di più anche se è semplice

3)Certificata come Ko-Uda, è molto stanca ha molti kizu, i bohi sono pessimi, il koshirae non è niente di che

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la risposta!

 

Andandole a vedere dal vero, cosa mi consigli di controllare/verificare?

 

Tra le tre lame quella che mi piace di più è la Masanaga (è anche la più economica).

 

Delle altre due mi affascinava molto l'età..la Ko-Uda sembra consunta però e mi lascia perplesso mentre la Yamato mi fa pensare ad "un tesoro di famiglia" tramandato fino alla WWII (ma il suo Koshirae è anche quello che meno mi piace essendo un Gunto).

Share this post


Link to post
Share on other sites

...inoltre , parlando della Ko-Huda quali sono i difetti di cui parli?

Trovo che sia molto evidente la trama dell'acciaio ma non capisco se sia un difetto dovuto alle troppe politure...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le cose da verificare sono sempre le stesse, la presenza di difetti (in particolare di hagire) la qualità del hamon (in particolare del nioiguchi) e della hada

La scuola Uda ha di prassi zone di O-hada, ma in questo caso le numerose aperture nella trama fanno pensare che sia "stanca" il che non sorprende vista l'età, ma personalmente mi fermerebbe dal comprarla. Senza poi contare i bohi pessimi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie ancora per le preziose informazioni!

Pensi che sia possibile che alcuni difetti da te riscontrati possano essere frutto delle immagini non perfette?

 

Come mai definisci i bohi pessimi?

 

Scusa per e tante domande ma non voglio fare un acquisto con troppa leggerezza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto può essere ma di solito Aoi fa ottime foto e se si vede qualcosa è probabilmente quello che sembra.

Ti faccio vedere dei bohi fatti bene e poi mi dici se vedi differenze

16678-2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, come già ben premesso da Manuel è difficile dare un consiglio, dal momento che la tipologia delle tre lame è molto diversa.

 

Quello che posso consigliarti, prima di spendere dei soldi che magari un domani vorresti avere per una lama che incontra più precisamente il tuo gusto, è di individuare (in base alle tue letture) almeno un periodo storico che ti affascina in modo particolare e la tipologia di lama che corrisponde a quel periodo. O, quantomeno, un tipo di lama che per te risulta particolarmente significativo. Questo perchè ogni lama reca con sè una storia complessa e variegata e, dalle tue parole, capisco che il "retaggio della lama" è un elemento per te importante, oltre ai particolari squisitamente "tecnici" di produzione.

 

E' chiaro che quasi ognuno di noi sogna la lama del Kamakura, che ci porta a casa le memorie del periodo "cavalleresco". Purtroppo è estremamente difficile potersi togliere questo tipo di soddisfazione. Ci sono comunque altri periodi storici estremamente interessanti e lame di riferimento che sono anche più facilmente abbordabili. A patto però di sapere bene cosa si sta cercando.

 

Il fatto è che una lama presa "a caso" può perdere presto il suo fascino (per svariati motivi).

 

Infine, le mie considerazioni sulle lame da te selezionate.

 

La lama ko Uda: dal tipo di sugata credo si tratti di una lama decisamente Nambokucho, e non Kamakura. La lavorazione della scuola Uda è assai variabile (ne stiamo discutendo serratamente con il nostro Cristiano) ma sono d'accordo con Manuel: questa lama è molto "stanca".

Il buon Tsuruta tira in ballo la scuola Norishige e, senza dubbio, la hada di Norishige può essere molto "aperta" e vorticosa. Se però si va a vedere qualche lama di Norishige si può notare che (anche solo per quanto riguarda la hada) si tratta di un altro pianeta, rispetto a questa.

Viceversa ci sono lame di scuola Uda, del periodo Muromachi, con una hada molto compatta e mirabilmente forgiata; personalmente, se fossi un appassionato di questa particolare scuola, cercherei una lama di queste. Ve ne sono di firmate a cifre relativamente abbordabili, dato che non è una scuola tra le più "gettonate" tra i collezionisti.

Questa la lascerei perdere. In ogni caso, dato che è "on hold", quasi certamente è già stata venduta.

 

La lama Shikkake: probabilmente hai ragione quando dici che forse si tratta di un "tesoro di famiglia" ma potrai verificare solo dal vivo se davvero il koshirae militare è stato fatto su misura per questa lama (la lunghezza è inconsueta, quindi è probabile sia così), oppure se è uno dei soliti "adattamenti" di Aoi Art. Il same e lo tsuka ito sembrano rifatti molto di recente. Il sugata è abbastanza elegante e rievoca le spade antiche; lo stile Yamato è in genere molto "classico" quindi questa è sulla carta una spada "evocativa" dei bei tempi andati.

Osservandola bene si può notare, come giustamente dice Manuel, che non si tratta di una lama "esemplare" dello stile Yamato: gli hataraki più caratteristici infatti sono assenti. Inoltre, per essere bene apprezzata, ha senz'altro bisogno di una politura (che, però, potrebbe evidenziare qualche altro difetto). Su una lama di 70 cm è cosa da valutarsi con attenzione, se non si vuol rischiare di andare fuori budget (e fuori quotazione di mercato).

 

La Masanaga: nel complesso è forse la più "coerente" col suo tempo e le condizioni generali mi sembrano discrete. Inoltre è firmata (quindi nessun dubbio attributivo) e certificata (quindi con una preziosa "pezza d'appoggio" per il futuro...).

Mi sento solo di sottolineare che è corta. Se ti emozioni con gli "spadoni" questa potrebbe risultare deludente.

 

:arigatou:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per l'interessante spiegazione!

L'età della spada ha ovviamente un fascino indiscutibile ma quello che più mi affascina è trovare una lama più votata alla battaglia che "da parata" spero di rendere l'idea...questa è anche la ragione per la quale prediligo la Masanaga.

 

Non è per me tassativo comprare in Giappone, anche se pure questo aspetto mi intriga e avendo l'occasione di andare lì, però volendo fare un acquisto oculato e consapevole valuterei anche l'acquisto qua in Italia.

 

Grazie ancora!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Guascone, premetto che non posso darti nessun tipo di consiglio in merito alla scelta di una lama, non ho le competenze e i miei gusti non ancora maturi sono solo dettati da sensazioni e da quel poco di sensibilità che col passare del tempo si comincia a sviluppare, per tanto ti rimando ai consigli degli utenti più esperti che già hanno iniziato a risponderti.

Vorrei però rivolgerti una domanda, non solo a te ma a tutti gli altri frequentatori del forum.

 

Con tutte le lame che ci sono in Italia e di lame ce ne sono parecchie e per tutte le tasche, perchè andare in Giappone per comprarne una? Senza contare le varie beghe e i rischi che comportano l'importazione.

 

Detto questo sottolineo quello che ha già espresso G.luca sul Gunto koshirae. Uno tsukaito nuovo di fiamma abbinato ad una montatura giustamente vissuta non si può vedere (opinione personale). In più in quella montatura mancano Sarute, Hatome e Tosho (dragona).

 

@ Guascone ignora pure la domanda visto che hai già risposto mentre stavo scrivendo. :arigatou:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, il periodo Kan'ei, (in cui lavora Masanaga) è proprio quello in cui è finito il momento delle "spade da battaglia".

Nel periodo precedente, Genna, c'è stata la distruzione del Castello di Osaka, e la vittoria dei Tokugawa. Dopodichè segue la pace.

 

In Kan'ei le spade sono state usate, semmai, per sterminare 30,000 cristiani e decapitare l'equipaggio di una sfigata nave spagnola arrivata a Nagasaki. :arigatou:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao giascone e ben ritrovato :)

La masanaga è quella che mi piace di più.

Personalmente trovo le lame intorno ai 65 cm delle piccole chicche, mi danno una idea di agilità. Ovviamente come sola impressione nella mia mente ed escludendo le lame più antiche che erano realmente molto più maneggevoli anche se di 10 cm più lunghe...

In più è una daimyo registration quindi di sicuro è stata una lama di qualche nobilastro. Tra l'altro il certificato è relativamente nuovo (circa 3 anni fa).

Quindi se devo indicare una lama come "tesoro di famiglia" indicherei sicuramente anche questa lama.

Ovviamente siamo nel campo della pura ipotesi ma è una delle cose che più mi piacciono di questo mondo. Immaginare il contorno e la storia di una lama. (Ecco perchè mi piace anche l'idea di una lama molto antica, perchè ha visto molti piu avvenimenti...)

La ko uda però non mi piace affatto, gli sgusci poi... nemmeno simmetrici sono... hanno veramente rovinato la lama.

 

Mi hai messo una certa curiosità però. Cosa ti spinge a prendere ora una lama da quando ti sei iscritto anni fa?

Sinceramente su queste cifre ci sono lame in giro molto più carine ed interessanti. Resta la mia umile opinione. Poi non ho idea di cosa tu possa cercare in una lama

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sicuramente però andare in giappone (se poi hai l'ok della tua questira per importarla) è un plus per la scelta. Se non ti fermi solo da aoi art (è pieno di negozi li).

Quindi preferenze a parte prova a girare anche altri negozi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...