Vai al contenuto
Guascone

Come esporre una nihonto

Messaggi consigliati

A mio parere le lame, considerando ladri, bambini ed altri accidentali ed involontari fruitori non dovrebbero essere esposte, ma possibilmente custodite ben nascoste in qualche posto il più sicuro possibile, non le tiri fuori tutti i giorni per studiarle, anche se si deve trafficare un po' per estrarle la soddisfazione è poi maggiore....

In caso di furto e di relativa denuncia la polizia potrebbe inoltre questionare sulla custodia non adeguata delle lame (sono armi...).

Si possono esporre le Koshirae con dentro una bella tsunagi, non serve nemmeno la teca di vetro, una mensola, katanakake e via..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non mi ricordo più chi e quando me lo disse... ma alla fin fine queste lame esistono da prima dei nonni dei nonni dei nostri nonni... quindi noi non siamo altro che dei custodi temporanei. Sta a noi farle perdurare nel tempo fino al prossimo custode... questo sì che è romantico... ma anche un pò cinico

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Essendo io, un romantico guerrafondaio e avendo ben spiegato al mio bimbo cos'è una nihonto e cosa può fare, ho deciso di metterla in soggiorno pronta all'uso..... ed il bimbo pure,,, 🤣😂🤣😂IMG_0231.JPG

 

Per gli ospiti di problemi non cen'è, tutti sanno cosa rischiano!!😇

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Grignas, non darti troppe arie da guerriero...

In casa tua, chi tiene la lama pronta all'uso, con tanto di sageo, beh, non sei tu!

 

 

(Non lo uso neanche io, in barba alla tradizione)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Caro Grignas, non darti troppe arie da guerriero...

In casa tua, chi tiene la lama pronta all'uso, con tanto di sageo, beh, non sei tu!

 

 

(Non lo uso neanche io, in barba alla tradizione)

 

Getsu, come ho detto il mio bimbo ha capito benissimo... :omg: anche meglio di me!!

 

Comunque a breve il sageo sarà tessuto (seta bianca e cotone nero) e pronto per la legatura... per ora mi alleno con le stringhe :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao , riprendo la discussione perchè mi sono sorti alcuni dubbi.

 

Ho deciso di far realizzare il katana kake dal mio falegname di fiducia.

L'idea è di fare realizzare qualcosa di simile ma da appendere al muro:

2weakkM.jpg

kkuprightM.jpg

kkmuseumbass.jpg

 

-il primo dubbio è la scelta del materiale, ci sono dei legni più indicati di altri?

 

-il secondo invece è sul trattamento del legno...conviene lasciarlo grezzo o ci sono dei trattamenti/verniciature che non creano problemi alla lama?

 

La mia paura è che se trattato, il legno o la sua vernice possa in qualche modo andare a innescare processi di ossidazione della lama.

 

Ogni suggerimento è bene accetto!

 

Grazie

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A suo tempo ho fatto due katana kake in legno di ciliegio, uno laccato nero e uno vernice trasparente, non ho le foto perché li ho regalati, per i legni e le verniciature non credo che ci siano problemi, non mi piace l'idea del katana kake appeso al muro, e ancora peggio con la lama estratta,non mi piace la forma del katana kake, sono per quelli tradizionali, non te la prendere parere personale

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Effettivamemte anche a me non piace per nulla.

Come mettere uno spoilerone e un autoradio ultimo modello su una grantorino.

Ad una lama con 450 anni abbinerei un katanakake molto più sobrio (e scuro), questo non ha nulla da spartire con una bizen sukesada, anche questo resta però solo un parere personale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non capisco poi, dopo tutto quello che s'è detto sul fatto che siamo custodi temporanei, e su come tenere la lama il più possibile lontana dall'umidità ambientale, come si possa ancora proporre di esporre una nuda lama, senza una adeguata teca.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie delle risposte.

 

La scelta del legno e del suo colore è ancora da decidere, quindi ok per un legno scuro o se possibile anche verniciato/laccato.

La preservazione della lama è proprio l'origine della discussione e della mia richiesta. La teca non è una soluzione al momento attuabile e di mio gusto.

 

La mia domanda i ogni caso resta valida anche se la lama fosse esposta in una teca ad ambiente e temperatura controllata, la mia paura è che se appoggiata su di un supporto trattato ad acido per esempio, questo possa andare a intaccare la lama...

 

Per quanto riguarda il modello di katana kake, ho le mie idee ma rispetto anche le vostre, non mi offendo ovviamente se ciò che piace a me non incontra il gusto altrui... :)

 

Ringrazio comunque chi avrà voglia di dirmi se con vernici, lacche o altri trattamenti del legno incorro in rischi particolari oppure no.

 

In ogni caso l'ambiente in cui soggiornerà la lama è un ambiente ad umidità controllata.

 

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non usi vernici e il problema non si pone direi :-)

Io nei miei uso un panno di cotone nei punti di contatto.

 

In ogni caso se continui ad essere dell'idea di tenere esposta così la lama sfoderata... il dove la appoggi è il problema minore (cosa vuol dire umidità controllata? Deumidificatore con umidostato? Guarda che basta potenzialmente parlare vicino alla lama e poi lasciarla li per ossidarla)

Tornando alla forma invece: dalla foto sembra perfetto per strisciare lo shinogi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente non ho ancora mai visto (nè sentito) nessuno, in Europa o in Giappone, che tenga nella propria casa una token esposta fuori dal koshirae o dalla shirasaya. Questo non vuol dire che uno non sia libero di fare come preferisce ma, da un punto di vista simbolico, in ambito domestico (il luogo emblematico della pace) una spada dovrebbe essere sempre riposta nel suo fodero.

 

Un esposizione di questo tipo, con spada nuda e koshirae, è senz'altro più adatta ad un contesto museale.

Oppure viene spesso utilizzata nelle inserzioni di vendita.

 

Ad ogni modo una spada esposta in questo modo andrebbe sempre messa all'interno di una teca. Innanzitutto per motivi di sicurezza, come giustamente ha indicato Walter, ma anche perchè una lama oliata tenderà ad accumulare tutta la polvere e lo sporco possibili.

 

Quindi il mio suggerimento è, intanto, di farti fare un katanakake in cui gli alloggiamenti siano adatti ad accogliere comunque un koshirae/shirasaya sia sopra che sotto.

 

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Appunto, non esistono esposizioni a nuda lama se non in certi contesti ed a determinate condizioni.

E nulla è lasciato al caso... nemmeno la forma del katana kake.

Ascolta il suggerimento di Gianluca, le token sono più delicate di quanto si pensi.

Con quella forma, a mò di blocca lama, basta metterla giù o prenderla una sola volta nel modo sbagliato per lasciare un segno sullo shinogi. E non stiamo parlando del costo di una politura buttato, ma dell'accorciamento di vita della lama stessa.

Ogni politura per quanto poco invasiva asporta micron di materiale... e se questa lama è arrivata dal tardo muromachi alle tue mani, è perchè probabilmente nessuna delle generazioni dei precedenti custodi la ha tenuta come intendi...

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...scherzavo, Enrico.

Una lama non si tiene mai sfoderata fuori da una teca museale.

In primo luogo e al di là di tutte le considerazioni perché è molto pericolosa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...