Vai al contenuto
Massimo Rossi

Tanto di Sensei Yoshindo Yoshihara

Messaggi consigliati

Scusa rob rimaniano nella semplice forgiatura lascia stare tempra e hamon. Mano a mano che si prcede con le ripiegature il tenore di carbonio del tamahagane decresce. Shingane e kawagane hanno tenori diversi ma può capitare che un forgiatore debba correggere il tenore (più alto nel kawagane) ed il risultsto viene chiamato oroshingane.

Quindi è chiaro, impurità a parte, che per arrivare alle ripiegature necessarie per una hada muji serva idealmente un tamahagane con un più alto tenore di carbonio. Ma se così non fosse potrebbe comunque essere aggiustato già strada facendo....

Non mi è chiaro perchè sia importante l'alta temoeratura per un'hada muji.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come sopra detto il discorso è complicato, e secondo me potremmo fare un interessante lavoro per il bollettino grazie a Lonnie, che ne dici Gian?


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come sopra detto il discorso è complicato, e secondo me potremmo fare un interessante lavoro per il bollettino grazie a Lonnie, che ne dici Gian?

Se riusciste vi sarei molto grato :D

Questa parte del mondo della token è stata la molla che mi ha incantato prima di tutte

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Normalmente i fabbri si fermano a 16 ripiegatura mentre per questa lavorazione si arriva a 20. Questo significa che si raggiungono più di un milione di strati. Siamo a livelli molecolari

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come sopra detto il discorso è complicato, e secondo me potremmo fare un interessante lavoro per il bollettino grazie a Lonnie, che ne dici Gian?

Certamente. Oltretutto è già un pó che non riappare la sua rubrica :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono sincero non sono molto preparato a riguardo mi piacerebbe approffondire. Che temperatura avrebbe raggiunto? E perchè e necessaria?

Probabilmente mi son perso per strada

Siamo rimasti d'accordo che gli devo inviare le foto che abbiamo fatto insieme ( Kapp mi ha aiutato tenendo inclinata la lama mentre regolavo l'angolazione della luce incidente ) appena ritorno. Potrebbe essere l'occasione per chiedergli un chiarimento, quando prende questi argomenti è un fiume in piena, non è certo avaro di spiegazioni, altrimenti se preferite, fate pure voi. Io lo chiederei volentieri, sento di aver lasciato le cose a metà

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Normalmente i fabbri si fermano a 16 ripiegatura mentre per questa lavorazione si arriva a 20. Questo significa che si raggiungono più di un milione di strati. Siamo a livelli molecolari

rettifica: in questa lavorazione sono state effettuate dodici pieghe ed una forgiatura ad alta temperatura: un fabbro riscalda l'acciaio il più possibile prima della forgiatura. Alle alte temperature, più impurità vengono rimosse.

La temperatura di fucinatura è importante ma la cosa più importante è questa: l'acciaio non deve mai sciogliersi. Se l'acciaio si scioglie, ci saranno punti deboli nella spada.

Quindi niente livelli da milione di strati, che non migliorerebbero ulteriormente la resistenza del prodotto finale. Al massimo i fabbri arrivano a 16 ripiegature

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante