Vai al contenuto
rob

a casa di Yoshindo Yoshihara

Messaggi consigliati

Meibutsu Shoji Masamune, se non m'inganno :-)

 

Lavorazione "aliena"....

non ti inganni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

queste possono andare? c'è pure l'evoluzione del sugata dal tardo Kamakura al Nambokucho

masamune-kizu1.jpg

masamune-sugata.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dato che siamo in tema di "vigorosi chikei" vi propongo alcune immagini di una lama davvero interessante.

Allego anche un'immagine del sugata senza nakago, così potrete divertirvi a tentare un'attribuzione.

 

 

image.jpg

 

image.jpg

 

Misure:

Nagasa 44.0 cm

Sori 1.0 cm

Motohaba 3.9 cm

Munekasane 0.8 cm

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

lo stile è Soshu, il Jitetsu riporta alla stessa tradizione. Kasane spesso, sori abbastasnza profondo, sugata vigoroso.. la tempra ha bloccato tutte le formazioni carboniose con chikei impressionanti e anche paragonabili alle opere di Masamune anche se artisticamente ad un livello più modesto e con meno jinie. Mi verrebbe da dire primo nambokucho ma mi sa tanto che non è cosi e che questo wakizashi potrebbe riservare qualche sorpresa. Solo sullo stile sono abbastanza sicuro.

Ps ci vedo anche del masame nella prima immagine sezionata

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

@Walter, lascio un pó di tempo prima di dare ulteriori indicazioni. Così magari anche altri possono dire la loro.

 

@rob, l'impressione stilistica è corretta. Considerando che lo stile di alcune lame attribuite a Masamune a mio parere non assomiglia a quello di nessun altro autore (e sembrano scese, per così dire, "da un altro pianeta"), questa è una lama che in qualche modo ci si avvicina; anche se, come hai correttamente notato, la qualità complessiva è inferiore, mi pare un ottimo tentativo di ripercorrere le orme dell'archetipo.

Per quanto riguarda la datazione, occhio alle dimensioni del sugata :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bella lama Gian!

 

Un tanto hira zukuri con hamon vagamente simile che si alza molto in zona monouchi lo ho visto recentemente su Sa, questa naturalmente è una cosa ben diversa.

 

In lavorazioni brillanti simili mi ero imbattuto facendo ricerche per un tanto che avevate visto prima della politura in un incontro a Sesto, avendo anch'esso delle attività molto particolari ed evidenti nella hada. Appena pronta la scheda tecnica vedo di postarla. :arigatou:

 

Ora facendo qualche ricerca con la parola "imozuru" ho trovato la lama, come voleva sembrare era una lama del sud.

 

(Dato il titolo del topic è bene specificare che non si tratta del figlio di Yoshindo ahah)


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

infatti, niente a che vedere con Yoshindo (tanto meno col figlio :no:)

l'ho trovata anch'io Francesco e siamo proprio fuori dall'epoca che pensavo, anche se con molti dubbi :ciaociao:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

infatti la chiudo qui. Non ci sarei mai arrivato, non avevo elementi sufficienti in bagaglio :ciuccio:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il kantei è tradizionalmente un "gioco di società per daimyo" cui è bello partecipare senza trucchi. Godendo della soddisfazione di arrivarci con le proprie forze o, almeno, di provarci.

 

Questa in particolare è una lama molto difficile e non mi vergogno nel dire che io stesso, pur avendo studiato in particolare questa scuola (grande indizio per te, Enrico !!), non ci arriverei al singolo nome corretto. Però periodo e provincia/scuola sono individuabili.

 

Non per questo non possiamo comunque giocare tra noi e continuare a fare dei nomi. E poi ragionarci.

 

In genere i tentativi concessi ad ogni partecipante sono tre, per consentire di arrivarci per gradi ed "aggiustamenti".

 

Per Kinmichi: errato jidai, errato kuni (sorry!)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...