Vai al contenuto
G.Luca Venier

NBTHK Italian Branch

Messaggi consigliati

Siamo lieti di annunciare che, nel mese di aprile 2017, è nata la NBTHK Italian Branch, ossia la filiale italiana della Nihon Bijutsu Tōken Hozon Kyōkai.

 

NBTHK Italian Branch – Manifesto costitutivo

 

La Società Giapponese per la Tutela della Spada d’Arte, la ben nota Nihon Bijutsu Tōken Hozon Kyōkai (NBTHK), fu fondata ai tempi dell’occupazione americana del Giappone (1945-1952), dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Il Generale MacArthur, Comandante supremo delle Forze Alleate, nominato Supervisore dell’occupazione ebbe tra i vari incarichi, come a suggello di una vittoria completa, anche quello di distruggere tutte le spade esistenti in Giappone. Delegò questa operazione al colonnello Caldwell, il quale si rivolse ad un “esperto di spade” del Paese. Questo esperto era il dr. Honma Junji (Kunzan).

 

Dopo molte discussioni e riunioni tra le parti in causa si giunse alla decisione di salvare, tra tutte, le spade tradizionali, grazie all’impegno di Honma nel far comprendere agli Alleati come esse avessero la dignità di oggetti d’arte e di testimonianza culturale da salvaguardare.

Ottenuto il consenso dell’Autorità di occupazione, Honma Junji fondò la NBTHK assieme ad un suo allievo, il dr. Sato Kanzan, con l’intento di conferire ufficialità al progetto di salvare le spade tradizionali, tutelandole con leggi specifiche.

Dopo essere stata poco più che un ufficio in cui venivano censite e registrate le spade destinate a salvarsi, la NBTHK è divenuta poco a poco un organismo di primo piano per lo studio della tōken, grazie a pubblicazioni scientifiche fondamentali tra cui, basilari per completezza ed affidabilità, quelle realizzate degli stessi Honma Junji e Sato Kanzan.

 

Attualmente la NBTHK è un’importante agenzia governativa e gestisce il Tōken Hakubutsukan - Museo della Tōken - forte di una collezione di migliaia di spade di altissima qualità (tra cui molti capolavori) ed è senz’altro un punto di riferimento insostituibile per gli studiosi di oplologia giapponese. Perpetuando la tradizione e senza cadere in una sterile musealizzazione la NBTHK sovrintende anche alla produzione dell’acciaio (tamahagane) secondo l’antico metodo (fornace tatara) e patrocina concorsi e mostre annuali di forgiatura, politura (togi) e realizzazione di accessori per la spada (tosogu).

 

Ad oggi vi sono solo quattro filiali (Branch) della NBTHK al di fuori del Giappone. La filiale americana, la filiale europea (con sede in Germania), la filiale russa e, a partire da quest'anno, la filiale italiana.

 

La NBTHK Italian Branch è nata con il preciso intento, stabilito nel suo statuto, di sviluppare gli studi e promuovere la preservazione della spada giapponese attenendosi scrupolosamente agli standard scientifici applicati dalla Sede di Tōkyō. Questo organismo è stato creato, su indicazione della Direzione della NBTHK, con l’obbiettivo di aprire un canale preferenziale ed attingere a risorse scientifiche altrimenti precluse a soggetti singoli o ad associazioni non riconosciute come filiali ufficiali. Esistono nel mondo numerose associazioni che si dedicano alla nihontō, alcune delle quali prestigiose: la Nihon Tōken Hozon Kai (NTHK), scissa in due diverse branche dopo la morte del presidente Yoshikawa Sensei, la Japanese Sword Society of United States (JSSUS), la Florida Tōken Kai, la Japanese Sword Society of Canada (JSSC), la Tōken Society of Great Britain, ecc.. Come ben sappiamo, in Italia è attiva la Itaria Nihon Tōken Kyōkai (INTK) che si occupa, da più di 25 anni, di divulgare la conoscenza e la cultura della spada giapponese nel nostro Paese.

 

La NBTHK Italian Branch non è stata creata per sovrapporsi alle attività, peraltro bene avviate, di queste associazioni (di fatto molti di noi, certi dello scopo comune, sono iscritti ed operano contemporaneamente in diverse di queste) ma per poter accedere ad un livello superiore di collaborazione scientifica con la “casa madre” e, soprattutto, per avere accesso privilegiato alla sua importantissima collezione di spade. Come si sa, infatti, non è possibile progredire nello studio di una qualsivoglia categoria artistica se non si ha la possibilità di fare confronti diretti con i capolavori.

La linea guida è, dunque, quella dell’approfondimento dello studio, secondo i canoni tradizionali tramandati dai più importanti studiosi della NBTHK, tenendo sempre presenti le profonde implicazioni storiche, filosofiche, tecnico-artistiche, simboliche e spirituali della spada giapponese.

 

La NBTHK Italian Branch non ha nulla a che vedere con qualsiasi attività connessa, direttamente o indirettamente, al commercio delle lame e dei suoi accessori e tantomeno si occupa della certificazione o della stima delle spade, ambito che è riservato alla Sede centrale di Tōkyō.

I membri dell’Italian Branch sono, tecnicamente, soci della NBTHK e accedono ai privilegi accordati ai normali affiliati. Oltre a ciò godono di uno sconto sulla tariffa standard di affiliazione ed hanno accesso ad iniziative altrimenti precluse, come ad esempio la possibilità di esaminare in via privata le lame della collezione.

 

Dopo più di sessant’anni dalla sua nascita, nonostante l’irrimediabile perdita dei due fondatori, la NBTHK ha mantenuto un altissimo livello scientifico e didattico grazie ad importanti studiosi, quali Takayama Takeshi, Kobayashi Terumasa e Tanobe Michihiro (solo per citarne alcuni); siamo convinti che lo studio della tōken, di per sé evocativa del concetto di ryū, debba attenersi ai dettami di una Scuola precisa e come tale sia da considerarsi la via indicata da Kunzan e Kanzan, nel perpetuare una tradizione che affonda le radici nella storia e nell’anima stessa del Dai Nippon dei Kami, del Kiku e dei Sakura.

 

Board of Directors (Direzione)

Francesco de Feo – Chairman (Presidente)

Gianluca Venier – Representative Director (Direttore)

Massimo Rossi – Officer (Dirigente)

 

Founder Members (Soci Fondatori)

Stefano Verrina

Alberto Roatti

Vittorio Donanzan

Claudio Regoli

Giorgio Movilli

Francesco Marinelli

Renato Martinetti

Franco Fabian Mannello

 

Approval(NBTHK I.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti a tutti voi per questo risultato.


"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede".

 

Ernst Jünger

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Onorato anche solo di poter fare i complimenti a tutti voi, siete e sarete dei punti di riferimento per tutti coloro che amano studiare la spada giapponese . :arigatou:


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certamente il risultato di un gran lavoro svolto.

I miei complimenti con l'augurio di un gran futuro.

...e la sostituzione delle polveri con una bottiglia di quel famoso prosecco...

 

;-)


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Lo scopo del kantei:


Nyusatsu kantei è il tentativo, di attribuire una lama ad un autore o se non altro ad una scuola.

Sia per approfondire l'argomento che per verificare l'autenticità della lama in questione.

Oltre a questo le associazioni del settore usano pubblicare sui rispettivi bollettini uno o più oshigata insieme, per saggiare ed aumentare la competenza degli iscritti.

La NBTHK propone una lama per ogni bollettino, la NTHK ne mette, invece 3 alla volta, e non ci si può sbagliare troppo se si vuole raggiungere un punteggio sufficiente ad entrare in classifica.

Come sappiamo sono accettati vari livelli di risposta oltre a quella che ne indica precisamente l'autore.

Il Nagayama dedica un capitolo che tratta nel dettaglio terminologia e metodi di kantei. Come NBTHK ITALIANA lo seguiremo onestamente a cominciare dal sottoscritto.

È chiaro che l'esame indiretto, solo attraverso la descrizione e immagine, è completamente diverso da quello reale e va considerato come propedeutico al vero confronto. Ma non disponendo di lame adeguate, risulta comunque di grande utilità. Quando è svolto, però, con correttezza.

Ossia cercando di comprendere quanto più possibile con i propri mezzi cognitivi e culturali, senza ricorrere a trucchetti da computer o a copiare le conclusioni dei soci più esperti con la scusa di scambiarsi opinioni.


Il kantei altro non è che uno degli aspetti della nihonto.

Si è sviluppato nell'ambiente dei nobili e dei bushi che si servivano della spada se la tramandavano e vi si identificavano.

Va svolto con lo stesso identico spirito del vero BUDO antico: si progredisce insieme ma alla fine sei solo, anche se vinci nel nome del feudo o della scuola che rappresenti.


All'inizio è normale consultare tutte le pubblicazioni possibili per consolidare la propria formazione e familiarizzare con il linguaggio dei differenti Sensei. Ma bisogna tenere conto che al momento del confronto diretto ed individuale con la lama il tempo sarà poco e tutti questi ausili (leciti o meno) mancheranno. E davanti alla spada ognuno sarà ciò che è veramente. Proprio come in combattimento.

Dunque lo scopo è cogliere ogni occasione per allenarsi fino a quando ci accorgeremo che senza saperlo si è formata una base accettabile e sempre disponibile anche senza internet.


1 Identificare il periodo 2 il luogo 3 la scuola 4 l'autore.

Fare tutto ciò da soli.


Inizi ad esporsi chi ne sa di meno. E soltanto dopo aver ponderatamente scritto le proprie conclusioni confrontarle con quelle altrui.

Prendere appunti e disegni e non perdere tale documentazione anche se si è sbagliato aiuta a progredire verso un risultato che, favorevole o meno, non mancherà.


F. de Feo

24 4 17


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un onore avere un così prestigioso organo anche in Italia e che degli Italiani ne facciano parte con così grande competenza e amore per questo lavoro. In bocca al lupo e buon lavoro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Luciano, ti aspettiamo nella I.N.T.K. se sei appassionato della materia, un buon motivo, è partecipare ai nostri incontri, che si riducono a due all'anno,

però molto intensi e produttivi.

Vieni a trovarci il 13 ottobre a Sesto Fiorentino (Fi) al Kansho, (studio e spiegazione della Token).

Se hai voglia di muoverti scrivimi ti do tutte le dritte per essere con noi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante