Vai al contenuto
Tenshi

Umidità e Nihonto

Messaggi consigliati

Buongiorno a tutti,

come da titolo ho bisogno di una mano a risolvere il problema umidità, e vi ringrazio in anticipo per i vostri consigli e tempo.

Credo sia doveroso fare alcune premesse, in modo da poter comprendere al meglio la situazione:

La Lama è all'interno della sua saya ed esposta sul katana-kake.

La stanza ha il deumidificatore acceso H24.

Distanza casa-mare 50m. (praticamente galleggio).

La lama viene pulita ogni 4/5 giorni effettuando 2 volte il passaggio suggerito dal video " Come Pulire una Nihonto - I.N.T.K. 2016",

che inviata, proprio per risolvere il problema umidità, a "ripassare" la Uchiko Ball per fare assorbire meglio l'umidità.

Detto questo, le piccole goccioline di umidità non hanno nessuna intenzione di abbandonare la mia lama.

Esiste una soluzione o dovrò continuare a pulire la lama settimanalmente?

Quali problematiche possono insorgere sul lungo periodo?

Help!!!!!

Grazie a tutti in anticipo.




Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, attenzione il giappone è un isola, non ti preoccupare di stare a 50mt dal mare (quando feci la stessa domanda mi risposero così)

Preoccupati invece di lasciarpa in una stanza non sottoposta a troppa umidità (come potrebbe essere un salotto/cucina).

Pulire la lama ogni 4/5 giorni è decisamente troppo spesso. Anche 1 volta al mese credo sia un pò troppo.

L'uchiko alla lunga opacizza e può strisciare la lama stessa.

Le goccioline che tu vedi forse dipendono dal fatto che non asciughi bene la lama dal vecchio olio.... in tal senso nel video si parla di "ripete l'operazione"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vero quanto dice Enrico.

 

Te parli di "piccole goccioline di umidità", a logica quindi sarebbe proprio acqua? Razionalmente mi sembra difficile, sarà l'olio, che per un insieme di fattori, vedi ad esempio una politura recente, quindi presenza di umidità interna e tensione superficiale, non rimane omogeneo sulla lama stessa.

 

Potrebbe essere anche un fattore intrinseco della lama, ho visto lame che nonostante tutto, l'olio proprio non gli vuole piacere e tendono sempre a farli formare delle goccioline.

 

Che olio usi?

 

Ti segnalo questo articolo sull'eccessivo utilizzo di uchiko: http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=8856

 

Questo invece un ragazzo che aveva un problema simile: http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=7341&hl=uchiko&do=findComment&comment=88248

 

In conclusione copio una risposta di Massimo di 7 anni fa per un altro problema analogo, naturalmente ti invito a leggere tutto il topic.. http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=6175

 

"OK molto interessante la discussione.Riguardo alla mia esperienza,ho visto quasi tutte le lame di una importante collezione (oltre 90 pezzi) monocromatiche,vale a dire che la hada aveva raggiunto il colore biancastro tipico di un eccessivo uso dello uchiko. In passato ho conosciuto una persona che usava addirittura la benzina avion. Cosa da non imitare.

Devo dire che questo tipo di alcool non reca nessun danno, ridando immediatamente la lubrificazione essenziale. I metalli ferrosi e con percentuali di carbonio sono tutti sottoposti ad una ossidazione naturale,è ovvio che l'uchiko è leggermente abrasivo. Il talco che si usa in cosmesi può essere un ulteriore alternativa è assorbente e meno aggressivo dello uchiko. Io lo uso quando l'umidità sulla lama persiste.Cosa faccio? Scaldo la lama con il phon,poi ci passo il taco con un piumino aspetto circa un minuto e pulisco la lama con delicatezza come di norma. Recentemente il M.Yoshindo si è raccomandato di usare i fazzoletti di carta nel posto della loro nugui gami, (facendo un appunto che la produzione di questa carta non è scrupolsa come una volta) però fate attenzione scegliete quella nelle scatole e non quella che portiamo in tasca.Quella che usano in Giappone è sottilissima e morbida.In conclusione: I prodotti che abbiamo citato sono idonei,vanno usati con accortezza visto l'oggetto che trattiamo."

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non esiste pulire la lama cosi' spesso! Cosi la rovini, pure io abito vicino al mare, non come te, ma le mie lame, le pulisco una due volte all'anno, ho delle lame da piu' 20 anni , e sono perfette

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille per il vostro tempo.
La lama è in salotto, con finestre sempre aperte (a Malta il clima aiuta) e deumidificatore a palla. Effettivamente l'eccessiva pulizia della lama cominciava a preoccuparmi, e leggendo le vostre risposte era un timore fondato.
Il kit di pulizia è stato preso insieme alla lama da AOI e sinceramente (chiedo scusa per l'ignoranza) non saprei dirvi esattamente il tipo di olio.
Ringrazio Francesco Marinelli per le dritte, vedendo i danni dell'uchiko mi sono arrivate un paio di pugnalate al cuore.
Proverò sia con il (panno in microfibra + alcol) che con (talco + fazzoletti di carta) spero di ottenere risultati.

Postero le foto del problema a breve.
Grazie ancora per la vostra attenzione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Te lo dico per deformazione professionale e se ci pensi bene anche a logica...

Se tieni le finestre aperte è quasi come se non usassi il deumidificatore!

 

Quando sei in macchina e accendi il condizionatore, come tieni i finestrini?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per me l'uchiko è perfetto, deve essere di qualita' e soprattutto devi saper usarlo, uso pure l'alcool, pero' la pulitura che mi da' l'uchiko non ha eguali, con l'alcool non riesco a intravedere l'hada ecc. come voglio, l'alcool è anidro al 99% per capirci, ovviamente non abuso di uchiko,

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusatemi, mi spiego meglio, di solito uso l'alcool, pero' quando voglio ammirare meglio e piu' a fondo le lame uso l'uchiko, quello che secondo me è importante dare bene l'oglio, ovviamente quanto serve

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo il problema finestra aperta non saprei come risolverlo, mi spiego,
con le finestre chiuse il problema umidità si riversa sulle pareti di casa, solo col deumidificatore acceso, purtroppo, essendo tutti fumatori, dopo qualche ora sembra di stare ad un concerto rock.
Quindi l'opzione finestra aperta + deumidificatore diciamo salva un po capra e cavoli.
Comunque ieri, ho spostato la lama in una stanza più interna della casa, con la finestra che affaccia nel pozzo di luce, guadagnando cosi qualche altro metro dal mare.
Ho provato a pulirla con microfibra e alcol, questa sera e nei prossimi giorni controllerò l'andamento della situazione per vedere se "siamo" riusciti ad ottenere qualche miglioramento.
Grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, come già è stato accennato è difficile immaginare un paese più umido del Giappone (foreste pluviali a parte).

Una lama debitamente oliata, senza esagerare, e riposta in shirasaya (fatta bene) e fukuro va più che bene.

Come detto da Francesco le gocce che hai visto sono al 99,9% gocce d'olio e non di acqua.

Se poi ogni tanto sfoderi e dai un'occhiata sarai al sicuro da sorprese.

Uchiko da usare solo per kansho o fotografie ma con estrema parsimonia. Se non devi fare kansho ufficiali o foto si può tranquillamente evitare e rinnovare l'olio solo dopo pulizia con panno morbido.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...