Vai al contenuto
Massimo Rossi

Un Wakizashi speciale

Messaggi consigliati

Non credo sia facile fare delle foto speculari perfettamente simmetriche alla stessa distanza dell'oggetto e con la stessa inclinazione...

Penso che le differenze siano dovute da questo... Mi sembrerebbe strano altrimenti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una meraviglia! Praticamente Massimo e come se l'avessi riforgiata. Nemmeno un grande fabbro conosce a fondo le prerogative della lama che ha creato finché il Togi non gliele rivela. Una curiosità, nella foto del boshi lati ura e omote ho notato, una asimmetria della linea dello yokote è voluta? Magari è un effetto ottico, sarei curioso eventualmente se ci fosse un motivo specifico, prima della politura quasi non esisteva (appena accennata) è stato ricreato da zero lo yokote? Perdona le eresie che posso proferire ma preferisco sbagliare ed imparare dagli errori. Complimenti ancora Massimo :arigatou:

No, è un effetto dell'inclinazione durante la foto, per evidenziare i dettagli a volte si perde in assimmetria.

Non sono un fotografo non ho l'attrezzatura ci vorrebbe Giorgio Movilli, è molto bravo è un professionista, le sue foto la renderebbero perfetta, dovrò farci un viaggetto prima di portarla in Giappone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vedi questa è su un'altro angolo, ed i giochi di luce fanno vedere cose che ad occhio nudo non si vedono.

Comunque lo Yokote è perfetto altrimenti non parte per il Giappone, è la prima cosa che controllano se c'è un infinitesimo di imperfezione,

non passa.

 

DSC_0006.JPG

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Massimo, vorrei farti una domanda.

Ho visto che spesso lavori il boshi in continuità con la hamon.

In questo caso, come ho visto fare molto spesso dai giapponesi, hai invece preferito una sorta di immagine al negativo (non conosco i termini per descriverla più propriamente), senza evidenziare il nioiguchi.

Da cosa dipende la tua scelta artistica?

La risposta è quella di Francesco, però questa lama ha delle partcolarità, cioè: Il nioiguchi è molto denso ed il ko nie (perfetto) si mischiano e danno una luminosità particolare,

però le foto non rendono come vederla dal vero.

 

 

P.S.

Se mi ricordo, posto anche la scheda con le misure, e proverò a pesarla.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No, è un effetto dell'inclinazione durante la foto, per evidenziare i dettagli a volte si perde in assimmetria.

Non sono un fotografo non ho l'attrezzatura ci vorrebbe Giorgio Movilli, è molto bravo è un professionista, le sue foto la renderebbero perfetta, dovrò farci un viaggetto prima di portarla in Giappone.

già è difficile riprendere una lama figuratevi poi quando vengono messe a confronto immagini con la finalità di rappresentare un prima e dopo, dove un minimo di inclinazione altera le prospettive e i profili. La difficoltà sta molto nel posizionare l'oggetto su un supporto fisso e in posizione "riproducibile" alla perfezione. Comunque il risultato di Massimo è buono e si intuisce che le diverse proporzioni sono dovute o a distanza di ripresa differente o a un ridimensionamento delle immagini dopo lo scatto. La stessa differenza di dimensioni tra ura ed omote, si notava già, per gli stessi motivi, nelle foto originali dell'auction

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono uno sciocco, chiedo scusa a tutti è evdente che è impossibile fotografare in una sola foto i due lati del boshi, la seconda foto se messa a confronto è soggetta sempre a troppe variabili di posizione! Confermo i miei complimenti a Sensei Massimo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi associo ai complimenti Massimo, l'avevo vista ad un kantei a Sesto tempo fa, come dice Francesco sembrava la spada di Conan, enorme pur essendo un Wakizashi.

Stupendo lavoro, del resto non poteva non esserlo!!! :prostro::fico:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono uno sciocco, chiedo scusa a tutti è evdente che è impossibile fotografare in una sola foto i due lati del boshi, la seconda foto se messa a confronto è soggetta sempre a troppe variabili di posizione! Confermo i miei complimenti a Sensei Massimo.

le tue osservazioni sulle proporzioni ci stavano tutte, però ti puoi rendere conto di cosa significhi riprodurre una lama in foto, senza nulla aggiungere nè togliere, solo dopo che hai provato a farlo e ti assicuro che devi sperimentare un poco. Un risultato alla Movilli non si può ottenere con poco impegno o senza esperienza e sopratutto senza essere un ottimo conoscitore della materia, delle nihonto intendo, perchè non è sufficiente essere un buon fotografo. Tu pensa che per riprendere quelle lame, quelle del libro INTK per intenderci, c'e sicuramente voluto un grande ambiente, il buio, dei supporti, il non far vedere i supporti nelle foto, l'eliminazione dei riflessi sul metallo, la sottoesposizione dello sfondo per farlo scomparire, tempi lunghi, cavalletti titanici per eliminare il mosso da vibrazione dell'otturatore, lenti professionali, studio della gradazione kelvin più adatta alle diverse tipologie di hada, illuminazione omogenea su tutta la lunghezza delle lame e tanto altro. Quindi, buono, anzi ottimo il risultato fotografico di Massimo che non penso abbia usato tutto ciò. Sul risultato della politure e sulle proporzioni da lui ottenute, il dubbio non mi ha nemmeni sfiorato :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un gran bel risultato, accurato su ogni micron della superficie.

 

Trovo sempre stupefacente ed emozionante immaginare .. i pensieri .. la passione .. l'immaginazione .. la speranza (in un certo senso)

che portano uno studioso ad avere "una visione" . . .

e di fronte ad "un pezzo di metallo" forse solo ad una forma di questo, comincia a "ragionare e a fantasticare"

mettendo poi in essere il suo lavoro e la sua esperienza per scoprire e crescere col metallo stesso

trasferendo su di esso anni di studio e mestiere . . .

 

e mi piace immaginare di vedere la luce nei suoi occhi e la gioia sulla sua fronte nel guardare la rinascita . . . attraverso le sue mani.

 

 

Bravo

( e lungi da me dare col "bravo" un giudizio,,,, è un complimento alla passione)

 

... e mi pare di cogliere "una certa emozione" nei tuoi scritti su questa lama, un pò più vibrante del solito

(e non credo sia solo per "l'esame che ti attende")

:arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi mettete in difficoltà con i vostri apprezzamenti.

Grazie vi ringrazio.

Speriamo che i Nipponoci la pensino come voi, io ce la metto tutta.

Betadine, fai uscire anche il poeta :arigatou::prostro:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao massimo , davvero un opera d'arte .. sicuramente i nipponici lo apprezzeranno! puoi inviarmi una foto alla luce del sole? senza particolarità?e che a me piace vederli all natural :)

grazie mille

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
...

Speriamo che i Nipponoci la pensino come voi, io ce la metto tutta.

..

 

Massimo, perdona per la curiosità, ma mi piacerebbe sapere se questa lama è stata in Giappone con te e .....

 

un caro saluto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...