Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Ciao a tutti :-)

 

Come avevo annunciato nel mio post di presentazione: http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=9607&do=findComment&comment=110188

ho deciso di aprire questo thread per chiedere un parere agli esperti del Forum.

 

Mi scuso fin da ora se questa è la sezione del Forum sbagliata in cui chiedere, oppure se nel caso la mia spada dovesse rivelarsi una pataccata di quelle epiche, magari "già viste" e già discusse più e più volte fino alla nausea (da voi intendo) ma, purtroppo, mi sono iscritto da poco e non ho ancora avuto modo, maniera e tempo, di poter leggere bene le discussioni precedenti.

 

Ok, fatta questa premessa, un po' di 'storia'. Io e mio fratello acquistammo questa spada anni fa, da un ferramenta (ah ah ah!) che però vendeva anche ogni sorta di Machete, coltelli tipo Bowie ecc

 

Ora Io purtroppo non ricordo con precisione l'anno (scusatemi, ma ho quasi 40 anni :whistle:) ma parliamo della prima metà dei '90. Io dico il '93 o '94... non ricordo bene quale ma uno dei due, non si scappa.

 

Pagammo questa spada una cifra che (per due ragazzi di 14/15 anni, intendo) il grande Villaggio (R.I.P) avrebbe definito 'oscena'. Risparmiammo quasi sei mesi barando bassamente su ogni cosa (tipo: ai genitori e ai nonni dicevamo roba come: "... con la scuola dobbiamo andare di qui, o a mangiare di qua, ecc).

 

Comunque, com'è come non è, alla fine riusciamo a comprarla :yes:

 

Voglio sottolineare che, nonostante la nostra età (dell'epoca) Io e mio fratello abbiamo sempre avuto una mentalità diciamo 'diversa'... cioè, niente stupidate, la spada è sempre rimasta nel fodero (non so come si chiami il termine esatto), niente 'bambinate' come generalmente uno potrebbe (magari anche giustamente) aspettarsi da ragazzini, insomma.

 

La spada è stata acquistata, praticamente, per mero collezionismo. Perchè ci piaceva l'idea di vederla appesa (non si è mai mossa dal muro, in effetti, ah ah) giusto per dare alla camera quel tocco di 'Jap' tanto apprezzato grazie alla overdose di cartoni Giapponesi anni '80.

 

Ora, prima di cominciare con le foto, devo premettere che (come avrete capito) Io so a malapena cosa sia uno Tsuba (e giusto perchè tale nome mi ricorda Mazinga Z) per cui non riuscirei a 'smontarla/aprirla', nemmeno se volessi (e credo che mio fratello non la prenderebbe troppo bene, nel caso facessi un disastro).

 

Tutto quello che so è che, a me, da quello che ho potuto vedere online ecc questa spada non mi ricorda la classica "katana di San Marino", almeno non esteticamente, intendo.

 

Il ferramenta, all'epoca, blaterò qualcosa a proposito della WW2, ma tant'è. Non è decisamente il mio campo :ermm:

 

Ecco un po' di foto, quelle che ho sottomano al momento:

 

thumbnail_IMG_20171116_013234.jpg

 

thumbnail_IMG_20171116_013251.jpg

 

thumbnail_IMG_20171116_013300.jpg

 

 

Qui dove è sempre rimasta appesa (a un volgarissimo tassello/gancio, della Fischer, se non erro) e non fate caso alla mia (vera) 'Lucille' che riposa accanto a lei :kiss:

 

thumbnail_IMG_20171126_123059.jpg

 

Grazie a tutti quelli che vorranno aiutarmi.

 

P.S

 

Cercherò di postare altre foto.

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Chris, converrai che dare un parere su una spada di cui si possono vedere solo parti del fodero risulta estremamente difficile, a meno di non avere gli occhiali a raggi X della ditta Same...

 

La montatura sembra quella in uso durante la seconda guerra. Dico sembra perché imitazioni ne sono state prodotte, più o meno fedeli, a vagonate.

 

Sarebbe fondamentale vedere il nakago di questa lama.

Se esplori il forum troverai i tutorial per fare questa operazione.

Non ti posto il link: è più educativo che ti sforzi a fare almeno queste piccole ricerche di base con le tue forze

:-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già il fatto che l' hai acquistata da un ferramenta non è una buona premessa.

Giudicando dalle foto che non aiutano per niente, la montatura sembra una replica di una shin gunto, una spada da ufficiale delle seconda guerra mondiale.

La lama non l'hai fotografata ma dovrebbe essere in linea con la montatura.

Questo è il mio personalissimo parere, aspettiamo anche gli altri.


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Chris, converrai che dare un parere su una spada di cui si possono vedere solo parti del fodero risulta estremamente difficile, a meno di non avere gli occhiali a raggi X della ditta Same...

 

La montatura sembra quella in uso durante la seconda guerra. Dico sembra perché imitazioni ne sono state prodotte, più o meno fedeli, a vagonate.

 

Sarebbe fondamentale vedere il nakago di questa lama.

Se esplori il forum troverai i tutorial per fare questa operazione.

Non ti posto il link: è più educativo che ti sforzi a fare almeno queste piccole ricerche di base con le tue forze

:-)

 

Grazie :-)

 

Sono completamente d'accordo con te quando parli di "piccole ricerche", credimi. Hai ragione.

 

Ma il mio problema è che, anche se sapessi cosa sia un Nakago e anche se guardassi decine di Tutorials, non potrei comunque 'smontarla' e far vedere i singoli pezzi (la spada appartiene anche a mio fratello, l'abbiamo comprata insieme... è tipo un ricordo, non sarebbe corretto) purtroppo.

 

Posso chiederti solo una cosa? Ammettiamo che questa sia una imitazione (magari abbastanza fedele) di quelle della WW2, beh, secondo te sarebbe sempre (da avere come oggetto da collezione, intendo) un filino meglio tipo la "Katana di San Marino" ? :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già il fatto che l' hai acquistata da un ferramenta non è una buona premessa.

Giudicando dalle foto che non aiutano per niente, la montatura sembra una replica di una shin gunto, una spada da ufficiale delle seconda guerra mondiale.

La lama non l'hai fotografata ma dovrebbe essere in linea con la montatura.

Questo è il mio personalissimo parere, aspettiamo anche gli altri.

 

Grazie per la risposta :-)

 

Appena posso posterò altre foto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa è una (così descritta in un servizio fatto dalla I.N.T.K. su Diana Armi degli anni 90)

Pacchiana Pakisatana, in quanto sono spade realizzate in Pakistan, per l'esercito giapponese in dotazione agli ufficiali di complemento.

Praticamente sono lame in lasta di ferro sagomate a mo di Katana, senza tempra.

Niente a che vedere con una autentica.

Ne hanno messe sul mercato a vagonate.

In molti le hanno acquistate, ma non hanno nessun valore, se non quello di puro cimelio. :confused:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa è una (così descritta in un servizio fatto dalla I.N.T.K. su Diana Armi degli anni 90)

Pacchiana Pakisatana, in quanto sono spade realizzate in Pakistan, per l'esercito giapponese in dotazione agli ufficiali di complemento.

Praticamente sono lame in lasta di ferro sagomate a mo di Katana, senza tempra.

Niente a che vedere con una autentica.

Ne hanno messe sul mercato a vagonate.

In molti le hanno acquistate, ma non hanno nessun valore, se non quello di puro cimelio. :confused:

 

Ah ah 'Pakisatana', gioco di parole tra 'Pakistan' e 'Katana'? Spettacolo :-)

 

Posso chiederti come lo hai capito? Cioè, non fraintendermi, complimenti... è che pensavo che le foto non fossero sufficienti (e sono anche di scarsa qualità, scusate).

 

P.S

 

Scusa davvero la mia ignoranza ma ho due domande :smile:

 

1) Sono state realizzate, in Pakistan, per l'epoca, o per il dopoguerra? Quindi comunque, imitazione o no, è lecito pensare che la spada abbia dei decenni?

 

2) Senza tempra cosa significa?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come ho detto prima, sono costruite in Pakistan, per questo non hanno niente a che vedere con il Katana.

Sono realizzate da lastra di ferro e non da metallo ripiegato, non è Tamahagane.

Senza tempra, vuol dire che non hanno Hamon, sono spade come quelle che hanno i nostri ufficiali di complemento.

Come l'ho capito? Dopo trenta anni che studio le Token, ne ho viste talmente tante e di tutto di più, queste hanno la tsuka (impugnatura )

particolare e nel posto del mekugi hanno una vite che blocca la lama, tipico delle " Pakistane "

Se vedrai una buona lama Shin gunto vera, ti renderai conto di cosa vuol dire.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come ho detto prima, sono costruite in Pakistan, per questo non hanno niente a che vedere con il Katana.

Sono realizzate da lastra di ferro e non da metallo ripiegato, non è Tamahagane.

Senza tempra, vuol dire che non hanno Hamon, sono spade come quelle che hanno i nostri ufficiali di complemento.

Come l'ho capito? Dopo trenta anni che studio le Token, ne ho viste talmente tante e di tutto di più, queste hanno la tsuka (impugnatura )

particolare e nel posto del mekugi hanno una vite che blocca la lama, tipico delle " Pakistane "

Se vedrai una buona lama Shin gunto vera, ti renderai conto di cosa vuol dire.

 

Grazie per la risposta.

 

Ah... quindi la vite che blocca la lama è quella che si può vedere bene nella terza foto che ho postato?

 

Però, voglio dire, cosi, a occhio (e giudicandola solo come mero oggetto da antiquariato, diciamo) secondo te quanti anni potrà avere questa spada (considerato che l'abbiamo acquistata nei primi '90) ?

 

Scusa se ti faccio perdere tempo, ma sono curioso :-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, ma che i giapponesi si facevano fare le lame in Pakistan dove l'avete letto?

Ho 3 testi che sono considerati sacri nello studio e nella catalogazione delle gunto, ma o mi sono perso qualcosa nella traduzione dall'inglese o non saprei...illuminatemi :arigatou:


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'articolo " Pakkiane pakistane" su Diana Armi del 90, era scritto da Alberto Roatti, e spiegava in modo preciso (con foto) la differenza tra le due spade, una falsa, ed una vera nihonto in montatura militare da ufficiale, e le differenze sono molto evvidenti, se trovo,sara' difficile, l'articolo posto le foto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per aver linate l' articolo originale.

Continuo a pensare che tra un originale e un falso come quello di questa discussione ci sia an abisso.


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Betadine, guarda meglio, è stato postato si da Massimo, ma l'articolo scritto su Diana Armi è di Alberto Roatti, e ti posso dire che nel 90 un articolo cosi' era una novita'-rarita', le cose non si sapevano, e non c'era internet, era dura capire ,vedere, poche persone in Italia capivano qualche cosa di Giappone

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante