Vai al contenuto
Francesco Marinelli

Lama con sugata insolito

Messaggi consigliati

Voglio postarvi una lama dal sugata insolito che ricorda da vicino una scimitarra!

 

1.jpg5.jpg6.jpg2.jpg4.jpg9.jpg10.jpg12.jpg11.jpg7.jpg8.jpg13.jpg15.jpg14.jpg

 

Qui altre foto: http://vi.vipr.ebaydesc.com/ws/eBayISAPI.dll?ViewItemDescV4&item=322948222853&t=1465358985000&tid=10&category=66841&seller=koushuya&excSoj=1&excTrk=1&lsite=0&ittenable=false&domain=ebay.com&descgauge=1&cspheader=1&oneClk=1&secureDesc=0

 

Reca la firma di un nome altisonante:

 

Mei: Kishū Wakayama ni oite Shigekuni saku (於紀州和歌山重国造之)

Nengo: 3 anno dell'era Genna (1617)

 

Onestamente è la prima volta che vedo questa tipologia di lama e mi piace!

 

Possiamo prendere anche la firma come esercizio per fare le nostre valutazioni :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(mi associo) e mi pare abbia anche una serie di "difettucci", oltre a qualche segno e personalmente un nakago troppo ringiovanito.

 

 

Certo che inusuale è inusuale (direi molto strana... ma per correttezza diciamo molto particolare.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho già visto lame di questo tipo.

Generalmente, sono riadattamenti di naginata tomoe antiche, ad esempio del Kamakura, che hanno perso la loro funzione di alabarda anti cavalleria e sono state riadattate a spade. Di solito il suriage è però evidente.

Qui, invece, la scelta artistica sembra proprio questa fin di partenza.

In questo senso, in effetti, è la prima volta che la vedo...


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sono due giorni che la osservo, ancora non ho sciolto la prognosi.

Due cose non mi convincono primo la punta (non mi viene proprio di chiamarlo kissaki) sembra il risultato nemmeno tanto ben fatto di un adattamento, per cui sembrerebbe un suriage bilaterale. Il nakago è fin troppo netto, la punta sembra ricavata.

Sul gradimento mi pronuncerò più in là.....


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Strano ed interessante oggetto; prima volta che lo vedo.

 

La lama è temprata per buona parte anche sul mune, giusto ?

 

Sul fattore estetico non mi pronuncio. Anche perché bisognerebbe giudicare con la lama in mano, se produce una buona impressione oppure no.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bè che sia un sugata insolito siamo tutti d'accordo... parlando con un amico esperto ne ha visto solo uno del genere anni fa, era più piccolo e con un kasane più spesso.

 

Naturalmente come tutte le lama andrebbero visionate dal vivo, però spesso non ci è possibile e dobbiamo studiarle (e pure comprarle..) dalla sola visione di immagini, così dobbiamo allenare il nostro occhio critico, per quanto possibile.

 

Cosa intendi Betadine per "difettucci"? Come lama mi sembra abbastanza sana, certamente a causa delle politure in certi tratti vediamo che scompare lo hi, ma vi garantisco che è cosa frequente e non troppo grave.

 

Si Getsunomichi, capita di trovare lame col sugata modificato, ma anch'io non credo che sia questo il caso, bensì sia nata proprio così.

Penso questo sia perché immagino avrebbe dovuto avere una forma diversa, in aggiunta non sembra presentare suriage e sopratutto ha muneyaki (la zona del dorso della lama è temprata, cosa che nel caso di modifica sarebbe andata presumibilmente persa).

Per gli amici che ci leggono invito a leggere questo articoletto sulle naginata/nagamaki modificate: http://www.ksky.ne.jp/~sumie99/naginata.html

 

Per quanto concerne lo studio della firma non ho potuto approfondire molto, dalla sola visione dei tratti non è facile capire se la lama in oggetto è gimei o no. Infatti controllando le firme della prima generazione (l'unica attiva nel 1617) vediamo differenze dall'una a l'altra. E' anche vero che questa del topic non è troppo convincente rispetto a quelle dei meikan, ma andando oltre ad i colpi della firma qualcosa suona strano:

 

Infatti controllando varie fonti, tutte riportano che Shigekuni si trasferì nel Kii nel 5° anno dell'era Genna (1619), questo corrisponde a quando Tokugawa Yorinobu entrò nel suo nuovo feudo. La lama in oggetto invece reca scritto Genna 3.

Inoltre, le firme che contengono "Wakayama" si trovano solitamente nelle sue opere più sofisticate in stile Soshu-den che portano anche il nome del proprietario.

Sembra che la firma non corrisponda neanche ad una delle generazioni successive (almeno in confronto a quelle che ho potuto visionare), altrimenti sarebbe stato possibile che qualcuno avesse aggiunto la data per spacciarla come un lavoro della prima generazione (ma non prestando attenzione all'anno Genna).

 

Comunque sia ritengo che sia una lama interessante e degna di essere studiata. :arigatou:


Prossimamente al cinema... "Indiana Jones e la lama perduta"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

grazie per il bello spunto!

Personalmente parlando poi, non trovo nulla di più interessante e stimolante che, grazie ai sacri testi, ricercare una conferma dell'autenticità di una lama dalle sue caratteristiche salienti e dai tratti di una eventuale firma. ogni volta che mi ci metto seriamente è un misto tra andare a caccia di un tesoro nascosto, fare enigmistica e riscoprire l'acqua calda... e alla fine qualcosa resta sempre :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Francesco,

provo a risponderti.

 

Certamente con una politura alcuni "segni" si recuperano, però, spiegandoti le mie considerazioni.. vedo una lama presentanta "in pompa magna" che, oltre ai citati "segni" (come chiamarle ..lineette, strusciature), vedo "cristallizzazioni" molto molto vicine al tagliente, alcuni "buchi-neri" (sempre un zona punta) e un horimono (quello più fine) un pò incerto in diversi punti . . . e per una lama insolita e così ben presentata penso che si poteva fare di meglio.. (forse una politura?)

anche saya e tsuba hanno piccole scheggiature del legno..

(e non so se queste siano così antiche... eppoi, esporre un oggetto "così" su un kake katana scollato .. eddai)

 

 

Poi, per dirla molto volgarmente..

ritenendo l'oggetto quasi unico, se non unico, nel mondo nihonto e vedendo la richiesta, mi si accendono molte lampadine..)

Personalmente non mi aggrada il nakago tirato a lucido e patinato

. . . non lo so, ma "a pelle" non mi sembra una lama di 400 anni fa, mi da l'idea di un esercizio di stile di qualche "moderno" fabbro.

 

Riguardo "al post": certo il suo sugata è molto insolito, una sorta di machete per la giungla giapponese.

Tutto qua.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... a guardarla bene, nell'ultima foto (ed anche in altre del sito) non sembra affilata sui due lati, almeno non per tutta la lunghezza..

alla punta presenta un piatto mune.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Voos- forum.jpg

 

Per ora ho trovato questo. Anche se io rimango dell'idea che si tratti di un naginata o di una interpretazione sul tema.


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Walter, sta a vedere che Jim Bowie e David Crocket a furia di cercare la frontiera a Ovest, ci hanno preso la barca, senza dir niente a nessuno...


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(non so perché, ma pensavo che l'avresti presa tu) :ciaociao:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante