Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Ogni tanto io e Beta ci divertiamo a parlarci tra le righe, partendo da un background chissà perché comune.

Anche in questo post è un passo avanti a me.

Ha svelato autore, serie e in parte significato di quelle stampe che stanno in camera mia.

Per gioco, ci fingiamo compagni in accadimenti e momenti storici più o meno famosi, commendandoli come se fossimo stati lì.

Un gioco che comincio' Eliot in una poesia che ha ormai un secolo e che probabilmente conosce anche lui, in cui l'autore ricordava ad un tizio di essere stato con lui alla battaglia di Mileto.

Con ciò, la tua lettura ha colto cose di me che non pensavo fossero così trasparenti.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"il precetto" è ferrato in me e non lo considero un gioco, ma quella-quella non mi sovviene.. ma, visto che stiamo nel mondo fluttuante...

 

il tempo presente e il tempo passato

sono presenti nel tempo futuro, insieme

e il tempo futuro è già compreso nel tempo passato

da Le quattro stagioni ops, Quattro quartetti

(sempre con le quattro stagioni)

 

Nel mondo fluttuante (che dovrebbe essere "la trascrizione" dell'Ukiyo-e, almeno così ce la raccontano) il "galleggiamento" è parte insita della tecnica, oltre che nella "visione" dell'artista, che attraverso la materia (legno) arriva gradino dopo gradino (le varie tavolette) a imprimere "uno stato d'animo" e, per forza di cose, attraversa un concetto che si rifà al buddismo: il ciclo della morte e della nascita (come in altre latitudini apparentato al karma) e dal permanente stato di cambiamento:

Legno >> Tavola

Tavola >> Segno

Segno >> Colore

Colore >> Visione

(difficile distinguere il vivo dal morto)

Il presente (inteso come lavoro) incide il futuro (quello che verrà) per, alla fine, mostrare il disegno (futuro, ma già "passato" nella mente di chi esegue)

apprendere . . smontare tutto . . per ripartire

(trascendere.. un pò come nel marziale concetto di Shu Ha Ri)

 

 

Non ne abbiamo conoscenza, ma coscienza . . . eravamo. Ebisu docet (Kotoshiro-nushi-no-kami)

grazie Altura.. per la considerazione.

 

Shuhari è un termine che ho appreso grazie a FrancescoM

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Kuniyoshi era particolarmente affezionato ai gatti e li inseriva in molte delle sue stampe.

questa si dovrebbe intolare un qualcosa tipo "qualcosa di piacevole" (cose divertenti).. Tamoto funki kogoto zeme no dan

 

 

bushi_cat.jpg

visionabile su : Kuniyoshi Proiect

 

Sta nascendo un piccolo club.

...Per favore coltiviamo questo angolo di suggestione....o lo farò io, ogni sera, a costo di farmi "bannare" dagli amministratori di questo forum.

 

(forse conviene aprire o recuperare un altro post, sull'ukiyo-e, per non contaminare questo su Kuniyoshi .... poi non so.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una delle immagini più emblematiche della forza espressiva di Kuniyoshi

 

Mitsukuni_defying_the_skeleton_spectre_invoked_by_princess_Takiyasha.jpg

 

La principessa Takiyasha risveglia il fantasma mostruoso del Palazzo di Sōma (Sōma no furudairi), 1845-46.

Probabilmente tratto da una pièce kabuki.

 

Qui alcune note :

http://www.ukipedia.de/168.php

 

Un ottimo spunto per introdurre una figura molto popolare e riprodotta spesso in modo assai fantasioso: yōkai.

https://en.wikipedia.org/wiki/Y%C5%8Dkai

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...che, fai lo spiritoso?!?

Ne ho appena parlato di là...😂😂😂

Il celeberrimo trittico che citi è ovviamente in posto d'onore all'esposizione.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...che, fai lo spiritoso?!?

Ne ho appena parlato di là...

Il celeberrimo trittico che citi è ovviamente in posto d'onore all'esposizione.

 

Carissimo, ho postato alle 00.23; tu alle 00.38

 

Mai sentito parlare di "osmosi" ?

 

Certo che si......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

yōkai . . . questa m'era sfuggita .. mi son fatto abbindolare dal fumetto e dallo scritto. chissà a cosa s'aggrovigliavano quei due polpetti..


( è chiaro che il mutante è la donna. :tioffrounabirra:



Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Coraggio Massimo san, entra nel club di là, saresti l'ospite d'onore! mi piacerebbe ammirare qualcosa di tuo.


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... a te dedicate:

 

 

 

image021.jpg

Subject: Ôkumo Hikoroku Tessan

Swordsmith (刀工): Goronyudo Masamune (五郎入道正宗), late Kamakura to the beginning of Nanpokucho period (12th-14th century).

One of the most famous swordsmith in Japan. His other names are Okazaki Masamune (岡崎正宗) and Okazaki Goronyudo (岡崎五郎入道).

dalla serie:

Skillfully Tempered Sharp Blades

(Sayetate no uchi kitai no wazamono, 鏗鏘手練鍛の名刄)

Publisher: Ise-ya Ichibei 1847-1848

Questa serie di stampe riconosce il contributo di famosi fabbri di spade, così come i guerrieri che usavano le loro spade.


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.


..


...



image009.jpg



Description: Fuwa Katsuemon Masatane (不羽勝右衛門正種) examining the edge of his sword



dalla serie:


Stories of the True Loyalty of the Faithful Samurai, Part I


(Seichû gishi den, 誠忠義士傳)


Publisher: Ebi-ya Rinnosuke August 1847 – January 1848



Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Stasera niente Club... u-e.. qua oltre alla mostra c'è il cinema!!

 

 

Sul sito della mostra si racconta che la fama di Kunyioshi è fondamentalmente legata alla serie di xilografie policrome che illustrano i "108 eroi" del romanzo Shui-Hu-Chuan o Suikoden o 108 Heroes of the Water Margin - pubblicato in italiano con il titolo I briganti, divenuto un vero e proprio best seller in Cina e poi in Giappone alla fine del Settecento e in cui si ritrovano le avventure di una banda di briganti che si muovono a difesa del popolo stremato dalle ingiustizie e dalla corruzione governativa…. insomma una sorta di Robin Hood nella foresta del monte Liang.

Qua due estratti della serie:


http://www.kuniyoshiproject.com/The%20108%20Heroes%20of%20the%20Popular%20Suikoden,%20Part%20I.htm

(in quattro parti)


http://www.kuniyoshiproject.com/The%20108%20Heroes%20of%20the%20Suikoden.htm

Dal romanzo originale (cinese) ne sono stati tratti film e fumetti, manga e giochi e qua, per gli appassionati del genere,

la versione International, con David Chiang, Chen Quan Tai, Ljly Ho, Ti Lung e Tetsuro Tamba.



Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Insomma, gira e rigira, sei tornato dove sei partito.

Puck, il furfante del bosco.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(ah ah.ah..) tutto torna.. Lo dibbi in templi non sospetti.. sempre di aberrazioni si narra

(spero non ti rifersca al film.. io mal sopporto tale genere)

 

 

 

Per ripendere invece la sinergia con la token, qua Kuniyoshi illustra alcuni samurai con le loro spade..

nelle note ci sono delle interessanti nozioni.... (sicuramente note ai più ..)

http://www.kuniyoshiproject.com/Skillfully%20Tempered%20Sharp%20Blades.htm

e già che è stata tirata in ballo... appendiamo anche La magica volpe nei tre Continenti

http://www.kuniyoshiproject.com/The%20Magic%20Fox%20of%20the%20Three%20Countries.htm

certo che tra Sebastiano e lady Sai, non si sa a chi sia andata meglio.. (da visioni dall'India)

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e per concludere la mia serie "Tutto Torna", ovvero alzando un coperchio riemergono cose sepolte... ho trovato anche questa intervista su Kuniyoshi

 

.. prima una parola su Kuniyoshi e chi era come persona.

Kuniyoshi era molto aperto dalla natura. Era gentile e amorevole e tutti quelli che lo conoscevano lo amavano. Kuniyoshi aveva molti studenti che lo seguivano nella sua scuola privata - più di 60 si dice.
Naturalmente, questo numero includeva sicuramente quelli che venivano regolarmente, così come i capi delle famiglie dei commercianti, che erano gli sponsor di Kuniyoshi.
Tuttavia, a guardarlo, Kuniyoshi sembra essere stato immensamente popolare.

Nella biografia di Kyoshin Iijima su Kuniyoshi, leggiamo: "La famiglia di Kuniyoshi era composta da lui e una donna anziana, che si dice fosse la madre dell'ex moglie di Kuniyoshi. Kuniyoshi ebbe pietà di lei e si prese cura di lei profondamente”.
Kuniyoshi era un uomo di profondo sentimento umano.
Kuniyoshi è anche noto per essere stato molto appassionato di gatti.
In un'opera, Kyosai's Conversations on Painting, pubblicata da Kyosai Kawanabe - che, da ragazzo faceva di nome Shuzaburo ed era tra i preferiti Kuniyoshi - questi dipinge il maestro Kuniyoshi, circondato da gatti guardando un quadro dipinto dal giovane Kyosai stesso.

 

 

Cat-768x607.jpg

Kuniyoshi era anche famoso per il suo amore per i festival.

Nel brillante "Brave Kuniyoshi and His Paulownia Design", pensato per essere stato pubblicato dallo stesso Kuniyoshi, Kuniyoshi è ritratto, da dietro davanti al gruppo, con indosso un bizzarro soprabito "cool", mentre i suoi allievi partecipano allegramente alla processione del festival.
A causa delle Sunctuary Law, in vigore all'epoca (leggi suntuarie: una sorta di dettami su uso e costumi) i cittadini dovevano astenersi dall'indossare indumenti appariscenti, ma nella sua opera, Kuniyoshi si mostra "eccentrico" sfogando la sua frustrazione per questa legge.

Questo lavoro di Kuniyoshi è estremamente raro. Al momento, ci sono solo due copie conosciute in tutto il Giappone.

 

kuniyoshi1-1024x495.jpg

Kuniyoshi faceva parte della cosiddetta scuola Utagawa, alla quale appartenevano anche gli artisti Kunisada e Hiroshige.

Nel tardo periodo Edo, meglio conosciuto come l'era di Bakumatsu, la Scuola Utagawa era estremamente dominante.
Mentre i concorrenti, come Hokusai e i suoi seguaci, si specializzavano nella pittura e nelle illustrazioni di libri piuttosto che nelle stampe e le scuole Torii facevano solo pubblicità teatrali, gli artisti della Scuola Utagawa avevano una buona padronanza in tutte le arti che descrivevano la vita dei cittadini comuni.

Hanno fatto illustrazioni per la narrativa sia sofisticata che popolare, così come le pubblicità, motivo per cui gli editori si sono affidati a loro per le loro pubblicazioni. Con i numerosi allievi da lui impiegati, Kuniyoshi riuscì rapidamente a soddisfare la richiesta degli editori.

Tra questi alunni c'era Tsukioka Yoshitoshi.
A soli 14 anni aveva già disegnato un trittico della guerra civile e malgrado questo dipinto è stato fortemente influenzato da Kuniyoshi, già mostrava le prime tracce dello “stile di Yoshitoshi”.

Più tardi ne abbiamo la riprova nell’opera, a doppio foglio, intitolata Duel all'Horyukaku, raffigurante il famoso edificio chiamato la torre Horyukaku, conosciuto come Kyokutei Bakin "La storia degli otto cani del clan Satomi" (sempre ai sopracitati Briganti torniamo, Nansō satomi hakkenden), che tratta del combattimento tra i due grandi uomini: Inuzuka Shino e Inukai Genpachi.

 

qua Kuni.....

Kuniimage013.jpg

qua Yoshi.....

YOshiIMG_3951.jpg

articolo/intervista a: Toshihiko Isao, 82 anni, pittore, ricercatore e studioso degli ukiyo-e.

adieu..


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Betadine, excursus molto interessante e piacevole.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante