Vai al contenuto
Altura

il club dell' Ukiyo-e

Messaggi consigliati

.

..

Quei bravi ragazzi.jpg

Adachi Ginko

Cannot Separate Good and Evil
ca. 1884-85


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.

..

The flag of the Asahi.jpg

Adachi Ginko

"Good and evil child's hand", "Kiyomori entrance"
ca. 1885

 

 

 

Gerda...


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tu sei buono e ti tirano le pietre.
Sei cattivo e ti tirano le pietre.
Qualunque cosa fai, dovunque te ne vai,
sempre pietre in faccia prenderai.
Tu sei ricco e ti tirano le pietre
Non sei ricco e ti tirano le pietre
Al mondo non c'è mai qualcosa che gli va
e pietre prenderai senza pietà!
Cosi' sara' .. finché vivrai .. Sarà così

.... .... ....

(Pieretti - Ricky Gianco - Antoine)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molti temi e diventa difficile seguirvi.

Ma forse meno di quel che si pensa.

Anzi, il tema è uno solo.

Seguite il raggio di luna...

 

Cominciamo da Gerda.

Si tratta della compagna ctonia di Freyr, Dio solare della fertilità.

Gerda è la terra, la matrice, il tahamagane dell'universo.

E, infatti, chi ha scelto quel nome per un esperimento non aveva intenzione di studiare qualcosa di tanto piccolo...

Quel doppio decadimento beta (tranquillo Betadine, la probabilità che si realizzi richiede un tempo che è diverse volte l’età del nostro universo) dimostrerebbe che il neutrino e il simmetrico di se stesso.

In pratica, si mette in piedi un esperimento con la speranza di non trovare qualcuno che ci dovrebbe essere.

Il neutrino, una particella senza carica e senza massa, così ininfluente che ne siamo attraversati in continuazione senza riportare alcun effetto e alcun danno. Per lui siamo come aria.

Ma allora perché è così importante?!?

 

Perché egli è il testimone di qualcosa che tanto piccolo non è.

In effetti, il novanta per cento dell'universo è fatta di tutto ciò.

Stiamo parlando della materia oscura.

Di Gerda, appunto.

Sono diverse le cose che ci fanno pensare alla sua esistenza.

Effetti gravitazionali osservati dai telescopi. Il valore della radiazione di fondo.

La percentuale di presenza di deuterio... è una marea di neutrini che viaggiano senza meta per tutto l'universo.

Un po’ come navigatori del mare, desiderosi di andare più in là (con l'accento).

 

Ma questa è enorme quantità di materia non emette radiazioni.

O meglio, noi non siamo in grado di vederla.

Siamo come ciechi che cercano un elefante.

Lo percepiamo, lo sentiamo, sappiamo che è enorme.

Ma, ahimè, non siamo in grado di vederlo.

 

...E in questo gioco di reazioni nucleari, scopriamo che non è solo il sole a generare neutrini, ma anche, forse soprattutto, il buio li genera.

O meglio, buio e luce sono la stessa cosa con due facce diverse ed un messaggero comune: il neutrino.

Come Freyr e Gerda.

Insomma, un po’ come dire che separare il Bene dal Male è solo un'illusione del genere umano.

 

Come vedete, abbiamo parlato sempre della stessa cosa.

Perché in questo forum si studia la materializzazione di questa illusione.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Getsunomichi è riuscito ad ordinare il caos (cosmico-fluttuante) ultimamente generato!
(Un giorno mi spiegherai come ti vengono)

ovviamente scherzo .. e ... non solo trovi sempre il filo, ma lasci aperta anche la porta. (anche con l'intrusa Gerda)

 

p.s. a questo punto debbo correggere quanto prima scritto:

Gerda non è una macchina

Gerda non è solo un nome nell'universo per conto della scienza

Gerda non era solo una donna bellissima che ha combattuto molti pregiudizi

Gerda è la madre di tutto.

:arigatou:


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.


.


Toshirō Mifune.jpg



Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono sicuro che anche chi non interviene in questa discussione aspetti ogni volta di leggervi con piacere, avete costruito e continuate a farlo una delle più belle discussioni di questo forum. Parlate con puntualità di arte di vita di morte e di spade, condendo il tutto con la duvuta filosofia, spero che i moderatori di questo furum non debbano riportarci all'ordine. Scusa Gian la difficoltà ad intuire ma non mi viene in mente la frase cinematografica a cui ti riferisci, vabbè ho rotto l'incanto del tuo intervento.....


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...credo invece che lo Spirito del Forum sia invece stato perfettamente colto dalla foto di Toshiro Mifune postata da Betadine.😂😂😂


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono sicuro che anche chi non interviene in questa discussione aspetti ogni volta di leggervi con piacere, avete costruito e continuate a farlo una delle più belle discussioni di questo forum. Parlate con puntualità di arte di vita di morte e di spade, condendo il tutto con la duvuta filosofia, spero che i moderatori di questo furum non debbano riportarci all'ordine. Scusa Gian la difficoltà ad intuire ma non mi viene in mente la frase cinematografica a cui ti riferisci, vabbè ho rotto l'incanto del tuo intervento.....

 

Caro Altura, nessun incanto ti assicuro...era una libera associazione ai margini dell'illecito.

 

Vi è un famoso film in cui uno dei protagonisti dice un motto che tira in ballo Gerda (o Jerda, ma la pronuncia è quella). Per l'esattezza è così solo nella versione italiana perchè in quella originale sarebbe Pitt. Ma, altrimenti, il motto in italiano.... non faceva rima.

 

La frase di questo personaggio ci fa capire come talvolta anche mille parole non sono sufficienti a toglierci d'impaccio...e a farci conoscere l'elefante.

 

Il film è Pulp Fiction, il personaggio è Julius.

 

P.S non preoccuparti troppo di ciò che pensano i moderatori. Qui siamo tra raccomandati..... :uhm-haha:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...credo invece che lo Spirito del Forum sia invece stato perfettamente colto dalla foto di Toshiro Mifune postata da Betadine.

 

esatto...

minaccioso cipiglio sempre...anche durante la pausa sigaretta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.

..

"Potrò anche non sembrare bravo sul grande schermo, ma sarò sempre fedele allo spirito nipponico“

 

Toshirō Mifune

attore, produttore cinematografico e regista giapponese (1920–1997)

(ora spostatevi alle vostre latitudini e riempite a piacimento le vostre "scatole"

 

 

p.s.

I'm sorry but is Jules not Julius - Ezechiele 25-17;-)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... visto che state quasi tutti a vedere sanremo.. (ahahahaahh) lascio un regalo per chi passa.

 

Thirtysix views of Fuji, the great HOKUSAI 1830s

 

 

 

Lascio un regalo perchè sono spesso cattivo, ma non lo faccio apposta: è nella mia natura.

La medaglietta che porto al collo da una parte cita il "disinfettante", dall'altra c'è inciso: Orso (e l'orso è la parte buona.)

Modificato: da betadine

Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Hokusai è stato colui che mi ha iniziato a questa forma d'arte, (scusate l'ignoranza) quella mostra di Roma fu un colpo di fulmine.

Prima di allora non sapevo, non conoscevo l'ukiyoe, forse qualche immagine correlata al Giappone era passata davanti ai miei occhi lasciandomi però indifferente. Oggi che studio il Giappone e le sue lame me ne sono innamorato.

Cercherò di spiegare come, a mio giudizio, queste stampe penetrino l'animo.

Prima di tutto i colori, il senso cromatico, Hokusai e i suoi azzurri, il suo colore preferito ne sono sicuro, ho visto certe tonalità, la ricerca di esse, solo in Piero della Francesca, nei drappi, negli angeli, ma mai quanti Hokusai ne sa riprodurre.

 

 

il movimento, fate caso in una delle 36 vedute del monte Fuji se fermate il film a 1,36 vi è una scena denotata da forte vento, ebbene non vi sarà difficile accorgervi di come quei fogli fluttuino in aria insieme alle vesti degli astanti! Più si guarda e più il movimento aumenta...Sarò folle, o illuso, ma l'uso dei colori caldi lasciando il nero ai contorni e qualche verde forte che raramente appare, è estasiante.

 

 

Se mi è concesso muovere una piccola critica.... troppi visi coperti o racchiusi, meno cappelli e qualche espressione visiva in più, il maestro mi perdonerà. Tutto comunque è sublime, sono rimasto a guardare per qualche minuto un omino seduto a prua di un barchino che riposava con le braccia conserte... bellissimo.. L'ho sentito russare..ihihihihi.

P.S. Queste immagini potrei cercarle in rete, ve ne sono tante, ma preferisco fruirle dal mio spacciatore preferito (Betadine) perché egli mi conduce in un percorso..


Antonio Vincenzo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Beta,

Davvero un bel regalo.

 

Torniamo in tema, perché, anche se siamo raccomandati, è bene non abusare della pazienza altrui.

Voglio proporre qualcosa di gusto tipicamente giapponese.

Ma desidero restare su qualcosa di discreto, che sappia valorizzare la bellezza della Natura, così importante nella cultura nipponica, ma che al tempo stesso ci riporti alla tradizione.

 

Ho sempre amato l'acero giapponese, specialmente quando le foglie passano dal verde naturale al rosso intenso.

È il momento in cui cominciano a cadere e formano un tappeto soffice, intenso e profumato.

Da sempre questo tappeto è il simbolo della tradizione.

Come la tradizione, strato su strato, l'acero utilizza il momento precedente per costruire il presente e preparare l'attimo futuro.

In modo graduale, senza discontinuità ma al tempo stesso in modo mai uguale è sempre originale, l'acero crea Arte.

Senza fretta e con costanza persistente e inarrestabile, come le conquiste che durano nel tempo.

Quelle che nessuno può portarti via perché penetrano nelle ossa e diventano una sola cosa con te stesso.

La Natura diventa la tua Natura.

 

In fondo, il segreto della Nihonto.

67D8A7BD-546F-4375-AE23-B4A04FF56065.jpeg


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

:arigatou:

(sempre per complezza di informazioni

Toshi Yoshida (1911-1995)

Title: "Autumn" ("Momiji no Yasuragi" - Serenità dell'acero rosso
ca. 1980. "Birds of the Seasons" series


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

restiamo in tema (botanico)

 


Kunichika_Maple.jpg

Toyohara Kunichika (1835-1900)

October (Maple Leaves) - Ichikawa Danjuro as Ishikawa Goemon, 1880

Oban series: Comparison of Flowers and the Twelve Months

Già abbiamo parlato di come in un certo periodo,per non incappare nella censura delle shogunato, si rappresentassero asttori sotto mentite spoglie e non solo... Qua ciascuno dei mesi è abbinato a fiori e ogni fiore è un ruolo e un ruolo un .... (censura)

Questo tipo di allusione criptica richiama un mito ed è diventato un genere dominante durante le Riforme del Tempo, 1840, utilizzato dagli artisti come mezzo per aggirare la censura ... una cosa che si sostituisce ad un'altra.

In questa stampa Ichikawa Danjuro nei panni di Ishikawa Goemon, il famoso personaggio del tipo Robin Hood del kabuki giapponese, liberamente ispirato ispirato a un vero personaggio storico: Goemon era un prolifico ladro che tentò di uccidere Mashiba Hideyoshi.

Nela drama del kabuki, Goemon ha preso dimora nel tempio del vermiglio di Nanzen-ji.

(si narra che in realtà Goemon fu catturato e condannato a essere bollito in olio con il suo giovane figlio, in un bollitore di ferro chiamato ancora goemonburo (Bagno di Goemon).

Il luogo della cattura di Goemon, il Tempio Nanzen-ji, nella parte nord-est di Kyoto (la zona dei templi), è famoso per i suoi aceri e ...

per le foglie.

 

Nanzen-ji.jpg


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante