Vai al contenuto
Aldo Vanini

Katana Muromachi

Messaggi consigliati

scusate se mi intrometto alla fine, ma la discussione si è fatta interessate.. e come me ne ero perso un pezzettino mi aggiungo in coda con una domanda...

 

chiaramente escludendo tig(troppo moderno) e saldatura in forgia (la temperatura avrebbe certamente stemprato la parte iniziale della lama),secondo me anche qualsiasi forma di saldobrasatura , perche il minimo che si possa fare per legare due acciai è utilizzare il rame come legante o l'argento . Questo implica che per quanto si possa usare la lima, o per quanto possa essere perfetto il pezzo , poiché la tecnica e che il metallo del riporto si infiltri per capillarità , a qualche parte non avemmo dovuto vedere ossido se c'era argento..e se c'era rame si vedeva meglio ancora peche si scurisce e fa strane patine . Adesso parliamo di veramente poca roba , pero la linea di cui parliamo per me, e ripeto per me non lascia dubbio . Li si sarebbe dovuto vedere a prescindere dalla lima . pertanto credo si possa trattare di accorciamento, e si vede lo strato finale non adeguatamente incollato , e soprattuto in quel punto ci puo stare . Che ne dite?

 

 

Comunque signor. Vanini la sua spada mi piace. A prescindere.

 

Poi le volevo chiedere un altra cosa come sia possibile che io abbia una copia del Nagayama con una dedica fatta dal traduttore proprio a Lei? (davvero interessante)

in quanto se lei ha questa passione per le spade perche non ha più il libro? ( mi scuso perche la sezione non adeguata ma è un fatto simpatico )

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... avete dei legami in comune, tipo il Fe3C .... (molto appropriato anche in questa analisi ;-)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate se mi intrometto alla fine, ma la discussione si è fatta interessate.. e come me ne ero perso un pezzettino mi aggiungo in coda con una domanda...

 

chiaramente escludendo tig(troppo moderno) e saldatura in forgia (la temperatura avrebbe certamente stemprato la parte iniziale della lama),secondo me anche qualsiasi forma di saldobrasatura , perche il minimo che si possa fare per legare due acciai è utilizzare il rame come legante o l'argento . Questo implica che per quanto si possa usare la lima, o per quanto possa essere perfetto il pezzo , poiché la tecnica e che il metallo del riporto si infiltri per capillarità , a qualche parte non avemmo dovuto vedere ossido se c'era argento..e se c'era rame si vedeva meglio ancora peche si scurisce e fa strane patine . Adesso parliamo di veramente poca roba , pero la linea di cui parliamo per me, e ripeto per me non lascia dubbio . Li si sarebbe dovuto vedere a prescindere dalla lima . pertanto credo si possa trattare di accorciamento, e si vede lo strato finale non adeguatamente incollato , e soprattuto in quel punto ci puo stare . Che ne dite?

 

 

Comunque signor. Vanini la sua spada mi piace. A prescindere.

 

Poi le volevo chiedere un altra cosa come sia possibile che io abbia una copia del Nagayama con una dedica fatta dal traduttore proprio a Lei? (davvero interessante)

in quanto se lei ha questa passione per le spade perche non ha più il libro? ( mi scuso perche la sezione non adeguata ma è un fatto simpatico )

Diamine! Ecco dove è finito...

La storia è questa.

All'acquisto della spada, chiesi a Emiliano Lorenzi, in regalo, una copia del Nagayama tradotto da lui.

Quando spedi la spada, unì il libro al pacco, ma con quella forma il pacco tornò indietro.

Emiliano Lorenzi rispedì le due cose separatamente e rimasi un po' deluso quando mi arrivò il libro senza la dedica promessa, pensando che se ne fosse dimenticato.

E' divertente sapere, invece, come sono andate le cose. Mi verrebbe di chiederle se ce li scambiamo di nuovo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A parte questo arcano (del libro) svelato, io, più riguardo direttamente la katana, più concordo ormai pienamente con la sua analisi.

 

E la ringrazio per l'apprezzamento!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Diamine! Ecco dove è finito...

La storia è questa.

All'acquisto della spada, chiesi a Emiliano Lorenzi, in regalo, una copia del Nagayama tradotto da lui.

Quando spedi la spada, unì il libro al pacco, ma con quella forma il pacco tornò indietro.

Emiliano Lorenzi rispedì le due cose separatamente e rimasi un po' deluso quando mi arrivò il libro senza la dedica promessa, pensando che se ne fosse dimenticato.

E' divertente sapere, invece, come sono andate le cose. Mi verrebbe di chiederle se ce li scambiamo di nuovo...

non ci sono problemi quando vengo in italia lo riporto con me . adesso lo tengo qui in spagna , pero stia tranquillo che lo scambio si puo fare senza problemi! non so esattamente il giorno ma lo faremo!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...