Vai al contenuto

Iscrizione/rinnovo NBTHK Italian Branch

comunicazione di servizio

Aldo Vanini

Identificazione katanakake

Messaggi consigliati

Qualche idea sull'origine del disegno dei due fori sul mio katanakake?

 

 

 

katana mitsuyo_sm_01.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Aldo, innanzitutto complimenti per l'esposizione bel katanakake e bello pure il background.... me lo sogno io un angolo così... non sono ferrato per rispondere adeguatamente alla tua domanda ma ipotizzerei possano essere una stilizzazione di un mon o di altro oggetto comune... non è raro vederne come probabilmente ben saprai vederne con tsuba, mon, bonsai, od altri paesaggi...

Questo a me ricorda un pò uccello, magari un airone...

non sono propenso a pensare che sia un semplice intaglio senza significato particolare. detto questo:

 

"/summon getsunomichi"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio per i complimenti!

Il katanakake me lo sono fatto arrivare direttamente da Saitama e il venditore è stato di una gentilezza e di una efficenza uniche.

Anche io credo che qualcosa significhi ma, stranamente, anche facendo una ricerca in visual computing, non ho trovato nulla che gli possa somigliare, benché tutto mi facesse credere trattarsi di un segno quasi scontato nella sua semplicità... Chi sa?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.. mi verrebbe da pensare un qualcosa legato all'ensō (prova a vedere tree ensō ... anche se li ci sono i rami) legato ad un "concetto zen"

 

anche se su ensō ci sono un sacco di teorie (come per tutte le cose) aperto ... è l'apertura verso .. il famoso "ciclo" e quindi "tutto torna"

le due metà della stessa cosa

 

 

 

nel migliore dei casi puoi immaginarlo come un concetto astratto ma presente: il bukuro kokoro ( :whistling:)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il mon richiama il jutte o il jumonji yari.

Ne abbiamo discusso in un articolo.

In realtà l’ideogramma ju (dieci) ha più una forma di croce completa ed è caratteristico del clan Shimatsu, ma non è questo.

La tentazione di trovarci una relazione è forte. Accadeva che elementi di un mon venissero ripresi in altri mon filiati o comunque legati.

Il clan Shimatsu fu al governo delle Ryukyu, l'arcipelago dove si dice sia nato il Karate. Per il vero, un posto dove avevano tradizione di sapersi difendere anche con armi provenienti dalla tradizione contadina (kobudo). Esiste un'arma di quella tradizione, il sai, che lavora sullo stesso principio del jutte. Ma si tratta di un'illazione, non ho veri elementi a sostegno di questa tesi.

Mi spiace, non lo conosco.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sarei più propenso a vederci una analogia con la stilizzazione dell'ensō, per la morbidezza della curva che non ispira un sentimento marziale come nel caso del jutte o del jumomji yari.

Insomma tra gaku mei della katana e mon del kake ho tra le mani un bel pezzo di mistero!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(( :popcorn:))


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.

..

e

...

 

zz.jpg

 

 

(ora poni le mani davanti a te .. un pò distanti e prova ad imitarne la forma .. una sorta di "qua-qua" anitresco o anitrale)

 

e ora qua

 

 

 

mani.jpg

ci può stare ??!!

 

.. secondo un tal Salvatore Brizzi circa "la via della mano" secondo la tradizione indi ... (con la posizione sopra riportata), dice che sono le

 

vie di “risveglio spirituale” della mano destra e della mano sinistra

 

“il Sentiero della Mano Sinistra (=vama marg nella tradizione indù) indicava in origine la via delle « acque corrosive » e più in generale ogni percorso alchemico trasformativo, implicante spesso alcuni metodi ‘violenti’.

Il Sentiero della Mano Destra fa invece riferimento alle vie di crescita spirituale non implicanti metodi ‘violenti’: la preghiera, il perdono, il non-giudizio, la visione della Bellezza in ogni cosa."

 

 

 

Poi è chiaro che se volessimo provare che quell'intaglio rappresenta ... chessò .. "la tua preferita o il culo di mia sorella" ..

troveremo sicuramente "tesi, prove e citazioni" in tal senso 😉


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questa ipotesi è più affascinante della precedente.

I mon tendono sempre ad avere un retaggio bellico, anche se fanno riferimento a qualcosa di spirituale.

Qualcosa che possa incitare alla pugna, se occorre, stare su uno stendardo o su un armatura.

Mano e tecnica di combattimento sono concetti che si fondono in una classe guerriera.

 

Dopodiché, anche il fondoschiena di una parente nobile può essere motivo di scontro...


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

.

por aprir tenzone

 

più che di nobil parente

 

dev'esser l'altro

 

a meritar tal menzione


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La specularità dei mon mi sembra molto in linea con il richiamo alle due mani, che sono la massima sintesi dell'idea stessa di specularità.

Sì, nei limiti di ogni ipotesi, questa mi piace...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante