Vai al contenuto
Aldo Vanini

Ancora sul procurarsi nihonto...

Messaggi consigliati

Non voglio tornare su un argomento vecchio come il cucco, però, ripassando tutto ciò che è stato scritto, qui e altrove, e letto, continuo a pormi domande su acquisto, importazione, permessi, dogana etc. e presenza nihonto in Italia.

Da tutto quanto è scritto in rete emerge che non solo l'importazione non sia una procedura semplice, ma che sia fortemente discrezionale e anche, sembrerebbe, dall'esito rischioso (lame bloccate lì, lame bloccate qui, lame tornate indietro lì, lame tornate indietro qui, dogane di ingresso imprevedibili, oneri doganali fluttuanti fino a valori da capogiro etc etc).

E fin qui, va bene, mi pare che non ci sia una soluzione univoca e rassicurante, specialmente in considerazione di spese elevate e di intelocuzioni con enti lontani (o lontanissimi) su un tema che agli occhi dei funzionari può apparire una oziosa seccatura.

Ma, è da questa conclusione inquietante e indeterministica, che parte la mia domanda.

 

Tutte le lame di cui si parla nel forum, quelle materialmente tra le mani, come sono arrivate?

 

Tutte importate da importatori professionisti che hanno ormai messo a punto una procedura e contatti certi?

Eppure

a) di nihonto serie in vendita in Italia, e di relativi venditori italiani, non è che ne veda tanti ( o mi sfuggono e, in quel caso, direi trattarsi di nomi che si scambiano confidenzialmente tra pochi iniziati?)

b) Ebay, orrore tenersi alla larga (e d'altro canto, rimarrebbe il dramma dell'importazione; l'altro ieri si è chiusa un'asta USA su un wakizashi edo jidai non male e che ha chiuso a ottimo prezzo, ma ho lasciato perdere proprio per le questioni di importazione...)

c) Venditori giapponesi, benissimo, ma doppio rischio (esportazione e importazione).

d) Anche sul mettersi una nihonto in valigia è stato detto che non garantisca la buona riuscita dell'esportazione/importazione etc etc.

 

Per cui ripeto la domanda a voi consolidati collezionisti. Come arriva la maggior parte delle nihonto nelle vostre collezioni?

 

aldo

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Aldo, la faccenda è meno complicata di come te la stai figurando. A parte rare eccezioni, gli imprevisti più frequenti avvengono perché si è sprovveduti oppure perché si cerca di passare in cavalleria qualche dettaglio della procedura.

 

Se la tua questura di residenza ti rilascia il permesso di importazione per una spada giapponese non avrai problemi con la dogana.

Non è la dogana ad essere imprevedibile, casomai sono le questure che talvolta chiedono procedure diverse per rilasciare il solito permesso.

 

Le tasse di importazione sono stabilite dalla legge. Se compili il modulo di autocertificazione puoi richiedere anche la riduzione al 10% per oggetti con più di 100 anni.

 

Se le poste giapponesi non accettano di spedire Token verso lItalia occorre trovare un venditore disposto a presentare la spada con una descrizione diversa, a suo rischio. Ma non tutti saranno disposti a farlo.

Quando poi arriva in Italia la procedura resta la stessa in quanto è il destinatario che deve dichiarare il contenuto del pacco ed è la dogana italiana che si occupa di fare i controlli, nel caso ritengano ci sia qualcosa di poco chiaro nella dichiarazione. Se si hanno i documenti di cui sopra, si dichiara che si tratta di spada giapponese e tutto fila.

 

Se acquisti una lama di persona in Giappone e vuoi portarla con te non ci sono problemi. Devi però prevedere di restare nel Paese il tempo necessario per fare i documenti di esportazione con cui presentarti in aeroporto oppure accordarti col venditore in modo che li prepari lui in anticipo. Con quelli potrai imbarcare la spada (ovviamente non come bagaglio a mano).

Dopodichè in Italia presenterai i documenti di importazione che ti sarai premurato di fare prima di partire.

 

Per quanto riguarda i venditori americani non credo abbiano problemi di descrizione della merce. Quando arriva il pacco in Italia stessa cosa: permesso di importazione della questura e passa la dogana.

 

Ebay, in realtà, è un posto dove si possono anche fare affari o, quantomeno, acquistare oggetti dignitosi a buon prezzo. Ma occorre una buona conoscenza della materia, un minimo di occhio e buon senso. E, soprattutto, non aver fretta e non dare per scontata qualsivoglia indicazione fornisca il venditore. Spesso fanno errori, anche marchiani, non necessariamente in mala fede.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungo solo a quanto ben spiegato da G.Luca che tra Firenze e Milano ci sono fior fiori di venditori/importatori di vari oggetti dal Giappone, tra cui lame per tutte le taschen..

 

Oltre che, come abbiam potuto vedere con la lama di Marco Scarton (che mi scuserà se lo cito, ma ha una lama davvero notevole) ci sono le case d'asta e sicuramente anche qualche italico collezionista che ogni tanto si disfa di qualcosa.

 

 

Quindi, tra permessi, questura, dogane, negozi e privati, come vedi la bramosia di possesso può essere facilmente appagata.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che ci siano buoni importatori lo so bene perché è così che ho acquisito la mia katana, di cui sono molto soddisfatto. Resta la limitatezza dell'offerta, se di cerca qualcosa di specifico. Per quanto riguarda la questura, con la mia non ne avrei assolutamente, ma temo che la dogsna non sarebbe della mia città ma quella di milano... accetterebbero, all'arrivo, che gli spedissi il permesso?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se il problema è la limitatezza dell'offerta la soluzione è solo una: recarsi direttamente in Giappone oppure trovare un agente che ci vada al posto tuo.

Per quanto riguarda la dogana tutti noi, belli e brutti, dobbiamo vedercela con quella di Milano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Aldo, credimi, per esperienza, qui in Italia, è molto più difficile vendere che comprare,quindi la roba c'è, bisogna cercare, ci sono le aste, e poi se sei socio dell'INTK oltre che conoscere persone esperte, hai accesso al mercatino qui sul forum, che puo' essere un occasione.......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungo solo a quanto ben spiegato da G.Luca che tra Firenze e Milano ci sono fior fiori di venditori/importatori di vari oggetti dal Giappone, tra cui lame per tutte le taschen..

 

Oltre che, come abbiam potuto vedere con la lama di Marco Scarton (che mi scuserà se lo cito, ma ha una lama davvero notevole) ci sono le case d'asta e sicuramente anche qualche italico collezionista che ogni tanto si disfa di qualcosa.

 

 

Quindi, tra permessi, questura, dogane, negozi e privati, come vedi la bramosia di possesso può essere facilmente appagata.

Cortesemente mi potrebbe dare indirizzi Italiani dove acquistare lame?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

tra l'altro non potendo fornire una lista completa nè tantomeno esaustiva è buona etichetta non indicarne alcuno.

Ciò anche per essere imparziali e non fare una particolare pubblicità a nessuno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma io li avrei messi tutti..... (picchiatevi tranquillamente, sciocchi)

 

Caro ALdo Vanini, lei ha già una katana (così la chiama lei) già conosce gli importatori e ben sa della limitatezza dell'offerta..

 

¿ possibile che le sia così difficile trovare un posto dove acquire un'altra katana ?

 

epppoi con tutte le lame che avete e producete lì.. perchè fissarsi col giappone..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salve,

fermo restando che rispetto le opinioni di tutti, ritengo che dare un consiglio su un acquisto o una opinione su questo o quel venditore / importatore su un forum non sia una scorrettezza verso nessuno ; anzi ,mettere al corrente le proprie esperienze o conoscenze dovrebbe essere uno degli scopi dei forum.

Grazie comunque

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salve,

fermo restando che rispetto le opinioni di tutti, ritengo che dare un consiglio su un acquisto o una opinione su questo o quel venditore / importatore su un forum non sia una scorrettezza verso nessuno ; anzi ,mettere al corrente le proprie esperienze o conoscenze dovrebbe essere uno degli scopi dei forum.

Grazie comunque

Devi capire però che INTK è un'associazione senza scopo di lucro e come tale non può consigliare un negozio rispetto ad un altro, essendo il forum parte integrante dell'associazione le regole dello stesso sottostanno a quelle di INTK.

Al massimo ti possiamo dare consigli ed opinioni tecniche sulla specifica lama che eventualmente ti interessa.

Comunque con una ricerca su google del tipo "vendita nihonto italia" puoi trovare diversi negozi da cui iniziare a guardare.

Il consiglio che ribadisco rimane quello di investire in libri e venire agli incontri INTK per poter sviluppare la tua conoscenza e per imparare anche a valutare da te quali sono le lame su cui vale la pena investire tempo e denaro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Devi capire però che INTK è un'associazione senza scopo di lucro e come tale non può consigliare un negozio rispetto ad un altro, essendo il forum parte integrante dell'associazione le regole dello stesso sottostanno a quelle di INTK.

Al massimo ti possiamo dare consigli ed opinioni tecniche sulla specifica lama che eventualmente ti interessa.

Comunque con una ricerca su google del tipo "vendita nihonto italia" puoi trovare diversi negozi da cui iniziare a guardare.

Il consiglio che ribadisco rimane quello di investire in libri e venire agli incontri INTK per poter sviluppare la tua conoscenza e per imparare anche a valutare da te quali sono le lame su cui vale la pena investire tempo e denaro

Mi sembra chiaro ed esplicito, il tuo intervento; poi sta a chi più o meno recepisce! :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...