Vai al contenuto

Messaggi consigliati

Probabilmente qualcuno conosce già l'ultimo testo di Musashi, celeberrimo maestro del diciassettesimo secolo. Certamente, chi ha seguito anche solo tangenzialmente le mie opinioni sa quanto io creda, anche se molti arrivano a questo forum dalla pratica marziale, che la spada giapponese abbia un intrinseco valore artistico. Essa debba cioè essere studiata ed apprezzata per il suo contributo all'arte, alla storia, alla cultura giapponese in specifico, ma dell'essere umano in generale.

In se è per se.

Non come prolungamento di qualcosa d'altro, tanto meno della pratica marziale.

Ho talora fatto notare che tutto ciò è anzi, per certi versi, in completa anteposizione con l'utilizzo (oggi anacronistico e impensabile per oggetti di estremo valore) della spada come arma da combattimento.

Un militare o un guerriero non apprezza ne colleziona oggetti che sono per lui legati al togliere la vita al proprio simile.

Sono strumenti del suo lavoro che tiene in perfetto ordine ed efficienza, così come un falegname la pialla ed un meccanico le chiavi inglesi. Utili e ..talvolta persino un po' pesanti.

Tanto basta.

Poiché la storia della spada giapponese è antica e certe "distorsioni" non arrivano fresche e periodiche su questo forum, perpetrate da giovani aspiranti samurai, Musashi in punto di morte ci lascia il Dokkodo.

Una breve serie di precetti o di spunti di riflessione, lasciati per i praticanti della Via della Spada giapponese..

Vi riporto due interessanti spunti di riflessione dal testo da cui l'ho tratte.

 

Suezue shiromono naru uruki dogu shoji sezu

(Non possedere oggetti antichi, destinati ad essere conservati per l'avvenire)

 

Hyogu wa kakubetsu yo no dogu tashinamazu

(Non cercare particolarmente ne di collezionare ne di praticare armi al di là di quanto è utile)

 

Chi sente in cuor suo di raccogliere oggi il testimone del nobile cavaliere giapponese, segua il consiglio dell'illustre predecessore. Eviterà di essere tagliato in due (metaforicamente) per proteggere il prezioso oggetto in suo possesso, che da posseduto ha finito per possederlo.

9D11EC21-F455-41E7-96BD-A7282443B392.jpeg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Getsu.

 

Uno dei migliori interventi degli ultimi 5 anni.

 

Colui che riesce a recepirlo nel suo significato profondo, e non semplicemente sul piano letterale, non avrà frequentato invano questo nostro conclave...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Consiglierei, se posso, a chi ha la gestione del forum, di bloccare qui questa discussione, al fine di elevarla a monito.

Ulteriori pareri o consensi potrebbero "inquinarla" nel merito. :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

×
×
  • Crea nuovo/a...