Vai al contenuto
G.Luca Venier

Che ne pensate di questa ?

Messaggi consigliati

Mi è capitato di vedere dei nakago in quelle condizioni.

Succede quando una lama viene abbandonata per decenni e magari la tsuka è stata inopportunamente fissata con del mastice.

Si tratta, come giustamente si fa notare, di materiale aggiunto.

Non si tratta solo di ruggine.

Su questa si accumula altra roba di carattere organico, favorita dall’umidità penetrata che fa marcire l'impugnatura, è che finisce per fare corpo unico con la parte ossidata.

Non si può rimuovere senza danneggiare irrimediabilmente la patina e quindi poi ripatinare.

Credo che si possa montare tranquillamente una tsuka nuova anche così, il materiale è diventato inerte e non continua il processo di erosione a danno del codolo. Il danno che doveva fare è stato ormai fatto.

Ma spesso, sotto quel materiale, il nakago è sano.

Va però detto che frammenti di questa sporcizia possono staccarsi e infilarsi nell'habaki, favorendo la creazione di piccolissimi baffi di ruggine. Bisogna controllare spesso.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Comunque, adesso,dopo le varie info, foto,forum, le considerazioni sono "facili", ma provate a pensare quanti collezionisti "normali"possono cadere nel tranello, in primis quelli che comprano su e-bay.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non credo che quel nakago sia frutto di decenni di incuria, anche perchè sono molto dubbioso sul fatto che questa lama abbia decenni di vita. così su due piedi, senza poter esaminare dal vivo la lama, direi che quello non è materiale aggiunto, ma quello che rimane del piano originale del nakago, che non è invecchiato naturalmente ma tramite interventi umani atti a farlo sembrare più antico. in questo caso, solo dalle foto, è difficile capire se sia stato immerso in acido o scaldato fino a farlo "spellare", ma quello non è un invecchiamento naturale.

L'importanza della patina e del nakago è davvero sottovalutata nella scelta di una lama.

per me, se "manca" il nakago, manca tutta la lama.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Parlando sempre di stranezze..

 

su un sito pubblicato nell'altro post (presentazioni) c'è una lama registrata come:

antica provincia di Yamashiro (odierna prefettura di Kyoto)

Epoca: prima metà del periodo Edo (1718)

che a parer mio presenta alcune stranezze (anche se ha un bel certificato)

 

Il nakago sembra "attaccato" (differente bordo con la parte superiore.. una marcata linea netta..

1) incisione dei petali poco profonda nella parte superiore "all'attaccatura"

2) questo petalo mostra un tratto/incisione molto differente proprio nella parte superiore alla "zona incriminata" rispetto al tratto/incisione sottostante.

Forse sono stati consumati durante la politura...

ma mi chiedo: perchè andare "a limare" un mon, quando la pietra poteva fermarsi qualche mm sopra ??

 

 

¿ son io che mi faccio troppe pippe mentali .. o .... :confused:

 


GG1810.jpg


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao mc!

in realtà non è una novità per me vedere un kikumon in parte polito (ne ho visto uno anche di kunikiyo nidai), non parliamo poi di edakikumon...

 

Quello che fa un po strano invece imho è quella sorta di segno netto... ma dalla foto non sembra sia stato fatto chissà quale magheggio... non poi che la foto sia così chiara.

 

un altro mon piallato, lo potete vedere qui:

 

http://www.e-sword.jp/wakisashi/1710-2002.htm

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo Enrico, i segni su nakago mune e ha potrebbero essere stati causati da un gioco della tsuba, fatta forse di un metallo duro.

 

@Gian CB. Bentornato!


Marco C.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La mia era una risposta alla domanda se avessi mai visto un nakago in quelle condizioni.

Se la spada è recente, è chiaro che il nakago è stato taroccato ad arte.

Concordo con GianCB che un bel nakago completa degnamente un opera d'arte, ma credo che farne una parte preferenziale rispetto al complesso sia vagamente feticista.

...Certo che Betadine vai proprio a prendermi un controesempio tale da dedicarmi con ossequio ai piedi di una bella signora per tutta la vita...

😂😂😂


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

... quello devi chiederlo alla tua signora (che ti accompagna ... da una vita.)


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

tutto può essere... ma qua - riferito alla lama postata, la terza della sequenza - le stranezze (infinite) son tante..

 

(almeno da una analisi visiva: riferita sopratutto al punto 2

 


1710-2002ha_big.png

1.png

GG1810.png

[ io penso sia un nakago attaccato ]


Sii immobile come una montagna ...
ma non trattare le cose importanti troppo seriamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie beta.

Ora sono certamente propenso a ritenere (viste le altre foto di masayuki dei particolari della zona machi/habachi) che il nakago non sia stato attaccato postumo. non vi sono particolari segnali di fusione o altro... la patina sembrerebve coeva così come pure le altre caratteristiche del nakago.

 

mentre, cosa a mio avviso più importante, la lama dimostra un inconfondibile hamon, coevo con la scuola dell'autore in firma. il certificato tokubetsu poi che sembra autentico la attribuisce pure ad una specifica generazione (quinta)... ce ne vuole per far passare un nakago taroccato in shinsa...

 

a mio avviso quello è il risultato di una particolare combinazione di ossidazione, usura, sporco e politura

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

...

L'importanza della patina e del nakago è davvero sottovalutata nella scelta di una lama.

per me, se "manca" il nakago, manca tutta la lama.

 

Gian è sempre molto estremo nelle sue dichiarazioni ma se ci si focalizza solo sulla sua ultima frase e si tralascia quella precedente si rischia di osservare il dito e non la luna.

 

Di certo per imparare a valutare correttamente un nakago occorre affinare competenze e capacità sensoriali differenti rispetto a quelle che si impiegano per esaminare il resto di una lama. A volte possono sembrare due mondi separati. Del resto un nakago può fornire molte informazioni supplementari interessanti, nel bene o nel male, dunque è fondamentale sforzarsi di imparare a "leggerlo" bene tanto quanto un sugata, un hamon o una hada.

Anche in questo caso non c'è altra strada che osservare dal vivo il maggior numero di esempi, prediligendo quelli buoni. Come si è visto le foto possono ingannare.

 

Non vi è dubbio, infine, che il nakago possa raccontare molto della perizia di un forgiatore.

Personalmente tendo a diffidare di una lama ordinaria con un nakago troppo bello mentre posso di buon grado accettare una lama buona col nakago rovinato dal tempo e dagli eventi.

 

Dunque anche il nakago va considerato un piccolo universo da scoprire ed è un errore comune limitarsi alla semplice verifica di un' eventuale firma, tralasciando il resto :arigatou:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quello che le foto complete mettono in risalto è la continuità dello shinoji che il dettaglio invece in qualche modo sembrava contraddire.

Considerando anche che non si vede un segno chiaro di saldature, se è, lo ha fatto un mister Tarocco' con l'accento sulla "q" che non si trova proprio agli angoli delle strade. Un mezzo artista.

 

Sembra vera.

Forse lo è davvero.


 

月の道

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, Registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

Caricamento

Chi è I.N.T.K.

La I.N.T.K. – Itaria Nihon Tōken Kyōkai (Associazione italiana per la Spada Giapponese) è stata fondata a Bologna nel 1990 con lo scopo di diffondere lo studio della Tōken e salvaguardarne il millenario patrimonio artistico-culturale, collaborando con i maggiori Musei d’Arte Orientale ed il collezionismo privato. La I.N.T.K. è accreditata presso l’Ambasciata Giapponese di Roma, il Consolato Generale del Giappone di Milano, la Japan Foundation in Roma, la N.B.T.H.K. di Tōkyō. Seminari, conferenze, visite guidate a musei e mostre, viaggi di studio in Europa e Giappone, consulenze, pubblicazioni, il bollettino trimestrale inviato gratuitamente ai Soci, sono le principali attività della I.N.T.K., apolitica e senza scopo di lucro.

Come associarsi ad I.N.T.K.:

Potete trovare QUI tutte le informazioni per associarsi ad I.N.T.K..
Associandovi ad I.N.T.K. accettate in maniera esplicita il Codice Etico e lo statuto dell'associazione ed avrete accesso ad una serie di benefici:
- Accesso alle aree riservate ai soci del sito e del forum;
- Possibilità di partecipare agli eventi patrocinati dall'associazione (ritrovi, viaggi, kansho, ecc...);
- Riceverete il bollettino trimestrale dell'Associazione.

"Una singola freccia si rompe facilmente, ma non dieci frecce tenute assieme."

(proverbio popolare giapponese)

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante